LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parere Ufficio legislativo MBAC 17 marzo 2003, n. Prot. 159
2003-03-17


Tutela e valorizzazione delle cose d'interesse storico e artistico svolta dalle Organizzazione non lucrative di utilit sociale (ONLUS).


UFFICIO LEGISLATIVO
Prot. n.
del Risposta al Foglio N.
in data
All'Agenzia delle entrate
Direzione centrale normativa e contenzioso
R O M A
Oggetto: Tutela e valorizzazione delle cose d'interesse storico e artistico svolta dalle Organizzazione non lucrative di utilit sociale (ONLUS).

Si fa riferimento alla nota n. 2002/141601 del 22 luglio 2002, con la quale si chiedono chiarimenti in merito all'interpretazione della norma dell'art. 10 del d.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460, che disciplina i settori di attivit nei quali possono operare le ONLUS, nella parte in cui contempla la "tutela, promozione e valorizzazione delle cose di interesse artistico e storico di cui alla legge 1 giugno 1939, n. 1089, ivi comprese le biblioteche e i beni di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409" (comma 1, lett. a, n. 7).
Le normative richiamate dalla disposizione in argomento sono state, in tutto o comunque per la parte che interessa ai nostri fini, abrogate dal decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, recante il testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali; e pertanto, la norma va ora letta come riferentesi ai beni culturali elencati all'art. 2, comma 1 del menzionato t.u.
Come esattamente osserva codesta Agenzia, la normativa test citata prevede una procedura differenziata per l'attivazione del regime di tutela ivi stabilito, a seconda che il bene culturale sia di propriet privata ovvero appartenga a soggetti pubblici o a "persone giuridiche private senza fini di lucro".
Nel primo caso, infatti, qualora i beni presentino un interesse artistico o storico "particolarmente importante" (le cose e i beni di cui all'art. 2, comma 1, lett. a, b ed e) o "eccezionale" (le collezioni o serie di oggetti di cui all'art. 2, comma 1, lett. c), oppure un "notevole interesse storico" (i beni archivistici di cui all'art. 2, comma 1, lett. d), occorre un riconoscimento da parte di questa Amministrazione, nella forma della dichiarazione prevista dall'art. 6.
Nel secondo caso, bisogna ulteriormente distinguere:- ove si tratti di beni indicati all'art. 2, comma 1, lett. a ed e), incombe ai soggetti cui essi appartengono l'obbligo di predisporre ed inviare a questo Ministero l'elenco descrittivo dei beni medesimi e la denuncia di successive variazioni.
Questi beni sono comunque sottoposti ope legis a tutela, anche se non compresi negli elenchi o nelle denunce; - i beni di cui all'art. 2, comma 1, lett. d) sono tutelati per il solo fatto dell'appartenenza allo Stato o ad un ente pubblico, senza che sia prevista alcuna incombenza n a carico del proprietario n a carico di questa Amministrazione.
I beni di cui all'art. 2, comma 1, lett. c) abbisognano sempre della dichiarazione dell'eccezionale interesse.
Si ritiene, tuttavia, che la propriet del bene culturale, se ha - come detto - indubbio rilievo sulle forme e i modi della tutela predisposta dalle norme di settore, non sembra averne alcuno ai fini dell'applicazione delle disposizioni concernenti le ONLUS dettate dal d.lgs. n. 460 del 1997.
Il riferimento del gi citato art. 10, comma 1, lett. a) ai beni culturali ed alle attivit che su di essi possono essere svolte ha lo scopo di individuare uno dei possibili campi nei quali realizzare quelle "finalit di solidariet sociale" il cui perseguimento caratterizza l'operato delle organizzazioni non lucrative di utilit sociale e giustifica le previste agevolazioni in materia fiscale e di contabilit ad esse riservate. Dal che consegue che, ai fini dell'iscrizione delle organizzazioni medesime all'anagrafe delle ONLUS, della verifica del possesso dei necessari requisiti, della sottoposizione ai relativi controlli e dell'applicazione delle previste sanzioni, necessario che tali soggetti svolgano, nel settore in argomento, attivit riconducibili alle indicate finalit di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali; mentre la circostanza che i beni che costituiscono oggetto di dette attivit appartengano alla medesima organizzazione ovvero ad altri soggetti, pubblici o privati, non rileva se non nei limiti in cui si renda necessario stabilire se i beni medesimi possiedano il requisito della "culturalit".
Per quanto riguarda il quesito relativo alla possibile equiparazione delle "vestigia della prima guerra mondiale", di cui alla legge 7 marzo 2001, n. 78, ai beni tutelati ai sensi del testo unico di cui al d.lgs. 490/99, va detto che essa pu ammettersi solo nell'ipotesi in cui taluna delle cose elencate dall'art. 1 della normativa medesima possieda anche caratteri tali da farla inserire tra le tipologie di beni culturali indicate all'art. 2 del citato t.u. Al di fuori di detta ipotesi, alle vestigia di che trattasi - pi esattamente, alle sole cose indicate all'art. 1, comma 2, lett. c), della legge 78/01 ("cippi, monumenti, stemmi, graffiti, lapidi, iscrizioni e tabernacoli"), si applica, per espressa previsione comma 6 dello stesso art. 1, la sola disposizione dell'art. 51 del testo unico.

IL CAPO DELL'UFFICIO(Cons. Mario Luigi Torsello)

http://www.beniculturali.it/


news

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d\'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

Archivio news