LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta scritta 4-03355 Museo di antichit egizie di Torino
2007-04-19


Atto Camera


presentata da
GIOACCHINO ALFANO
gioved 19 aprile 2007 nella seduta n.147


GIOACCHINO ALFANO. -
Al Ministro per i beni e le attivit culturali.
- Per sapere - premesso che:

il Ministero per i beni e le attivit culturali in data 19 dicembre 2005 ha sottoscritto un atto convenzionale con il quale il predetto Dicastero ha conferito alla Fondazione Museo delle antichit Egizie, l'uso del museo stesso;

in tale atto convenzionale la Fondazione in qualit di conferitaria dei diritti d'uso si assunta le responsabilit della conservazione dei beni secondo i parametri ed i criteri fissati dall'atto di indirizzo sui criteri tecnico scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei di cui al decreto ministeriale 10 maggio 2001;

il Ministero esercita la vigilanza sulle attivit di valorizzazione svolte dalla Fondazione per assicurarsi che il livello di valorizzazione dei beni conferiti in uso sia adeguato ai sensi dell'articolo 115, comma 4, del decreto legislativo n. 42 del 2004 e che ai fini del riparto degli oneri relativi a spese di ristrutturazione, funzionamento e personale nonch ai fini del ripiano di eventuali perdite il Ministero espressamente escluso;

il contratto di servizio all'articolo 10 ha previsto che il personale necessario ad assicurare l'attivit da parte della Fondazione costituito da 72 unit;

la Corte dei conti con nota n. 210 del 22 settembre 2005 aveva evidenziato come a fronte dell'inestimabile valore dei beni conferiti dal Ministero, l'apporto dei soci fondatori stimato in 50 milioni di euro appariva di contenuta entit;

l'attivit di tutela di stretta competenza degli organi del Ministero da esercitarsi attraverso i vari livelli dell'amministrazione quale la direzione generale per i beni archeologici, la direzione regionale del Piemonte, la soprintendenza archeologica del Piemonte -:

se ai fini della qualit di cui all'articolo 4 del contratto di servizio, la conservazione, l'ordinamento e l'esposizione delle collezioni museali sono effettuate secondo i rigorosi criteri tecnico scientifici ed in conformit agli standard di funzionamento fissati dall'atto di indirizzo di cui al decreto ministeriale 10 maggio 2001;

se, rispetto a quanto denunciato da fonti sindacali e dalla stampa in che modo ed in qual misura, il Ministero e la direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici hanno contribuito, secondo quanto consta all'interrogante in difformit a quanto previsto dagli articoli 12 e 13 dell'atto convenzionale alle spese di funzionamento della Fondazione;

se vero che a fronte delle 72 unit di personale necessarie a garantire le attivit della Fondazione con particolare riferimento alla necessit di garantire un alto livello di tutela attualmente presso la fondazione vi sono soltanto 32 unit e di queste 7 unit hanno chiesto la revoca del consenso a prestare l'attivit presso la Fondazione;

se tra le 32 unit vi sono professionalit tecniche scientifiche che possanoesercitare seppur in funzione minimale l'attivit di tutela;

se nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione prevista la presenza del direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte e qualora lo fosse se tale presenza compatibile rispetto alle disposizioni dettate dal Codice per i beni culturali;

se i componenti del Consiglio di Amministrazione della Fondazione ricevono compensi per l'esercizio del proprio mandato e qualora vi fosse la presenza del direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici come si giustifica tale condizione tenuto conto dell'onnicomprensivit del trattamento economico della dirigenza pubblica;

se ai fini dell'esercizio della tutela, sono state mai effettuate verifiche ed ispezioni da parte del Segretariato Generale del Ministero o da parte della direzione generale per i beni archeologici e qualora fossero state disposte quali sono stati gli esiti;

se l'assegnazione temporanea di personale pubblico alla Fondazione Egizio stata disposta in difformit all'articolo 23-bis del decreto legislativo 165 del 2001 che prevede l'emanazione di un apposito regolamento da parte per disciplinare la possibilit d'impiego di personale pubblico;

infine se non ritiene il Ministro per i beni e le attivit culturali di promuovere un accertamento per verificare se il sistema della Fondazione Egizio sia compatibile con le previsioni del codice per beni culturali che ai fini della valorizzazione, dell'affidamento e del conferimento in uso, prevede la procedura di evidenza pubblica.(4-03355)



news

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d\'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

Archivio news