LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DDL Modifiche al d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”, in materia di conservazione dei beni del patrimonio culturale
2006-09-29

SENATO DELLA REPUBBLICA

———– XV LEGISLATURA ———–


DISEGNO DI LEGGE d’iniziativa dei senatori BATTAGLIA Giovanni,
Modifiche al Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”, in materia di conservazione dei beni del patrimonio culturale.





RELAZIONE

Onorevoli senatori! - L'evoluzione delle tecnologie applicate al campo del restauro e della conservazione dei beni culturali ed architettonici ha portato, negli ultimi anni, a un profondo ripensamento sugli esiti di molti restauri promossi da amministrazioni pubbliche e privati. Da questo punto di vista rimane valida la riflessione compiuta in un classico testo dal professor Giuseppe Rocchi che, nelle sue Istituzioni di restauro dei beni architettonici ed ambientali, scriveva: "Nonostante vi sia sempre stata concordanza tra gli autori a cominciare da Viollet Le Duc nel sottolineare l'indispensabilità delle più accurate indagini preliminari, nella pratica , e quindi nella maggior parte dei casi, i lavori di restauro hanno inizio ben prima che sia raggiunta una conoscenza soddisfacente dell'oggetto da restaurare. La ridottissima quantità di informazioni sia preventive sia consuntive - che caratterizza qualunque restauro - induce a insistere con forza su questo punto di arretratezza della metodologia del restauro (...) cosicché d'ordinario, la fase accertativa (e quindi la diagnosi) viene svolta durante l'intervento, con tutti gli imprevisti e improvvisazioni del caso: una completa negazione di quella che dovrebbe essere la moderna metodologia del restauro".
La modernizzazione della tecnica del restauro, che permette innanzitutto una più profonda conoscenza del manufatto da restaurare e quindi l'adozione di interventi più appropriati e approfonditi, passa oggi attraverso tecniche di termografia, di indagine con ultrasuoni, di sondaggi elettromagnetici, radar, fotografia a infrarosso e microfotografia.
Il presente disegno di legge interviene, nello specifico sul contenuto del Nuovo codice degli appalti che, nel recepire le direttive europee, ha sostituto la legge quadro sugli appalti pubblici del 1994. Nel merito si prevede che, qualora nella realizzazione di opere pubbliche oggetto di appalto si debba intervenire sul patrimonio culturale ed architettonico del Paese, le misure di conservazione di tali beni devono essere adottate nel rispetto e ai sensi dell’articolo 29 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, ovvero del Codice dei beni culturali e del paesaggio.
A tal fine, il progetto definitivo per la realizzazione dell’opera pubblica oggetto dell’appalto, deve essere corredato da apposite indagini diagnostiche sui beni oggetto di conservazione, realizzate da laboratori pubblici e privati specializzati nell’utilizzo delle più avanzate tecnologie per la conservazione dei beni del patrimonio culturale. L'obbligatorietà di tale indagine diagnostica, oltre a garantire una migliore conservazione del patrimonio culturale del Paese, può determinare le condizioni favorevoli allo sviluppo occupazionale di una branca della tutela dei beni culturali come quella della diagnostica che trova una crescente espansione nei corsi di laurea di tutela e gestione dei beni culturali. La legge, al pari del testo sul quale interviene, entra in vigore sessanta giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
Per i motivi esposti, i promotori auspicano un esame e un'approvazione in tempi rapidi del disegno di legge.


DISEGNO DI LEGGE


Art. 1

1. All'articolo 93 del Decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, dopo il quarto comma è aggiunto il seguente:

«4-bis. Qualora la realizzazione delle opere contenute nel progetto definitivo di cui al comma 4 comportino interventi su beni del patrimonio culturale ed architettonico del Paese, le misure di conservazione di tali beni sono adottate nel rispetto e ai sensi dell’articolo 29 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. A tal fine, al progetto definitivo di cui al comma 4, sono allegati gli esiti delle indagini diagnostiche sui beni oggetto di conservazione, realizzate da laboratori pubblici e privati specializzati nell’utilizzo delle più avanzate tecnologie per la conservazione dei beni del patrimonio culturale, nonché la descrizione compiuta delle modalità di intervento per la conservazione dei medesimi, necessari ai fini del rilascio delle autorizzazioni ed approvazioni per la realizzazione delle opere ».


Art. 2

La presente legge entra in vigore 60 giorni successivi a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Posta della Redazione


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news