LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Convenzione tra il Metropolitan Museum di New York e il Ministero dei beni culturali
2006-02-26

LA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEI BENI CULTURALI E IL METROPOLITAN MUSEUM DI NEW YORK

Seduti allo stesso tavolo per uno storico accordo il ministro Rocco Buttiglione e il direttore del MET, Philippe de Montebello. Ecco il testo integrale in italiano dell'intesa
CONVENZIONE

fra

Il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana, nelle persone del dott. Giuseppe Proietti, Capo del Dipartimento Ricerca, Innovazione e Organizzazione, e il dott. Francesco Sicilia, Capo del Dipartimento Beni Culturali e Paesaggistici ( il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana) e lAssessorato dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione della Regione Siciliana, in persona dellAssessore pro-tempore, On. Alessandro Pagano

e

il Metropolitan Museum of Art, New York (il Museo), in persona del suo Direttore Philippe de Montebello

Il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana ed il Museo sono di seguito indicati come le Parti.

Premesso

A) Il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana ha, tra gli altri, il compito istituzionale di proteggere, tutelare e valorizzare il patrimonio archeologico italiano in quanto fonte della memoria collettiva nazionale e strumento degli studi storici e scientifici.

B) Il patrimonio archeologico comprende le strutture, le costruzioni, i complessi architettonici, i siti archeologici, le testimonianze mobili ed i monumenti daltra natura nonch i loro contesti, siano essi situati nel sottosuolo, sul suolo o sottacqua.

C) Ai fini di preservare il patrimonio archeologico e garantire il carattere scientifico delle operazioni di ricerca archeologica, la legge italiana prevede procedure di autorizzazione e controllo degli scavi e delle attivit archeologiche, allo scopo di: - prevenire ogni scavo e rimozione illecita di elementi del patrimonio archeologico; - assicurare che gli scavi e le prospezioni archeologiche siano intraprese in modo scientifico e con riserva che siano impiegati metodi di indagine, per quanto possibile, non distruttivi e siano condotti da persone qualificate e specificamente abilitate.

D) La legge disciplina luscita definitiva e temporanea dei beni archeologici rinvenuti nel territorio italiano o ivi presenti e in propriet di soggetti privati.

E) Il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana ha chiesto al Museo il trasferimento in propriet di beni archeologici presenti nelle sue collezioni (qui di seguito, i Beni Richiesti di cui ai successivi articoli 3, 4 e 5) che il Ministero afferma essere stati illecitamente scavati in territorio italiano e commercializzati clandestinamente entro e fuori il territorio italiano.

F) Il Museo ritiene che il patrimonio artistico di ogni civilt dovrebbe essere preservato e messo in mostra in musei artistici, i quali soli offrono al pubblico lopportunit di entrare in contatto direttamente con beni artistici, nel contesto della loro e di altre culture, e dove tali lavori possono educare, ispirare ed essere fruiti da tutti. Gli interessi del pubblico sono protetti mediante il lavoro dei musei artistici in tutto il mondo consistente nella conservazione contestualizzata e nellinterpretazione del nostro condiviso patrimonio culturale.

G) Il Museo aborre lo scavo illecito e non effettuato secondo metodi scientifici di materiali archeologici e di arte antica dai siti archeologici, la distruzione o la deturpazione di monumenti antichi, ed il furto di lavori artistici a danno di individui, musei o altri siti.

H) Il Museo si impegna nellacquisizione responsabile dei materiali archeologici e dellarte antica secondo il principio che tutta la raccolta avvenga secondo i migliori criteri etici e professionali.

I) Il Museo, respingendo ogni addebito di conoscenza della affermata illecita provenienza dal territorio italiano dei beni rivendicati dallItalia, ha deliberato il trasferimento dei Beni Richiesti dal Ministero nel quadro di questa convenzione. Tale decisione non comporta il riconoscimento, da parte del Museo, di alcuna forma di responsabilit civile, amministrativa o penale per loriginaria acquisizione o detenzione dei Beni Richiesti. Il Ministero e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana in conseguenza dellaccordo, rinunciano ad ogni azione riconducibile a tali forme di responsabilit in relazione ai Beni Richiesti.

J) Il Ministero e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana ed il Museo hanno convenuto che il trasferimento dei Beni Richiesti avvenga nel quadro di questa convenzione di collaborazione culturale di lungo termine (qui di seguito la Convenzione) per la valorizzazione del patrimonio culturale italiano e nel rispetto della politica del Ministero di recuperare beni archeologici italiani.

K) La Convenzione parte di un duraturo programma di cooperazione culturale tra lItalia ed il Museo per prestiti reciproci di beni archeologici ed altre opere darte conformemente allarticolo 67, comma 1 lett. (d), del Codice dei beni Culturali e del Paesaggio.

L ) Il Ministero e il Museo si aspettano che ogni futura controversia in merito ai beni archeologici sar risolta con il medesimo spirito di leale collaborazione che ha ispirato il presente accordo.

Convengono

1. Premesse

Le precedenti premesse formano parte integrante della Convenzione.

2. I Beni Richiesti

Il Museo accetta di trasferire in propriet al Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana e allAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana, per i beni di pertinenza ed in base a questa Convenzione i Beni Richiesti di cui ai successivi articoli 3, 4 e 5 della Convenzione.

3. I beni archeologici

3.1. Il Museo trasferisce in propriet al Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana i beni archeologici di seguito indicati:

a) Kylix laconica (foto 1)
b) Dinos apulo a figure rosse attribuito al pittore di Dario (foto n. 2)
c) Psykter a figure rosse con teoria di cavalieri (foto 3)
d) Anfora attica a figure rosse del pittore di Berlino (foto 4)

3.2. Il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana, nel quadro della presente Convenzione di collaborazione culturale di lungo periodo, anche al fine di assicurare la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, prester al Museo per periodi di quattro anni a rotazione un artefatto laconico di primaria qualit.

4. Il Cratere di Eufronio

4.1. Il Museo trasferisce in propriet al Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana il Cratere di Eufronio (foto 5) secondo le seguenti modalit:

a) il Cratere di Eufronio rester presso il Museo in prestito sino al 15 gennaio 2008 e sar esposto con la legenda: lent by the Republic of Italy;

b) al fine di rendere possibile la continua presenza nelle gallerie del Museo di beni culturali di pregio e rilevanza storico culturale pari al cratere di Eufronio, le Parti convengono che, a far tempo dal 15 gennaio 2008 e per la durata della Convenzione, il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana conceder al Museo su base concordata continuativa e rotativa prestiti quadriennali di beni archeologici scelti tra i seguenti, ovvero oggetti di pari pregio e rilevanza storica e artistica, reciprocamente concordati, eventualmente inseriti nel loro contesto, o del Cratere di Eufronio

1. Vaso attico a figure rosse su sfondo bianco firmato da Charinos, Tarquinia, Museo Archeologico nazionale, inv. No. RC 6845.

2. Kylix attica a figure rosse firmata da Oltos come pittore e Euxitheos come vasaio, con scene degli Dei dellOlimpo. Ce. 515-510 A.C. Tarquinia, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. RC 6848.

3. Idria attica a figure rosse da Nola, conosciuta come 1 idria Vivenzio, attribuita al Pittore Kleophrades, con una scena della caduta di Troia. Ca. 480 A.C. Napoli, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. 81669.

4. Cratere attico a campana, attribuito ai Pittore di Altamura, con una scena di Dioniso e Oinopio. Ca. 465 A.C. Ferrara, Museo Nazionale.

5. Grande kylix attica a figure rosse attribuita al pittore di Pentesilea, con le gesta di Teseo.
Ca. 480 460 A.C. Ferrara, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. T. 18 CUP.

6. Stamnos attico a figure rosse da Nocera, attribuito al Pittore del Dinos, con scena del culto di Dioniso, Ca. 420 A.C. Napoli, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. 81674.

7. Idria attica a figure rosse da Populonia, attribuita al Pittore Meidias, con scena di Faone in pergolato con Demonassa. Ca. 410 A.C. Firenze, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. 81947.

8. Cratere attico a volute a figure rosse da Spina, attribuito a discepolo (Pittore di Bologna 279) del Pittore dei Niobidi, con scene degli eroi di Maratona e dei Sette contro Tebe. Ca. 440 A.C. Ferrara, Museo Nazionale inv. No. T. 579.

9. Cratere attico a figure rosse da Ruvo, attribuito al Pittore di Pronomos, con scena teatrale con il suonatore di flauto Pronomos. Ca. tardo quinto secolo A.C. Napoli, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. 3240 - No. 81673.

10. Cratere attico a volute a figure rosse, attribuito al Pittore di Talos, con scena della morte di Talos. Ca. tardo quinto secolo A.C. Ruvo, Museo Nazionale, inv. No. Jatta 1501.

11. Il Cratere Apulo a volute a figure rosse, raffigurante Oreste a Delfi e una corsa di bighe. Ca. met del quarto secolo A.C., Ruvo, Museo Nazionale, inv. No. J1492.

12. Cratere a figure rosse dell Italia Meridionale, da Paestum, di Python, con scena teatrale di Edipo e la Sfinge. Ca quarto secolo A.C. Napoli, Museo Archeologico Nazionale, inv. No. 81417.

4.2. Il Museo esporr i beni archeologici con la legenda lent by the Republic of Italy.

4.3. Le Parti possono modificare le modalit dei prestiti sopra indicati solo in base ad uno specifico accordo scritto.

5. Gli Argenti Ellenistici

5.1. Il Museo trasferisce in propriet alla Repubblica Italiana lintero arredo di argenti ellenistici (qui di seguito gli Argenti Ellenistici ) composto dai seguenti oggetti:

1) coppa profonda a profilo concavo: altezza cm. 7, diametro cm. 22,8, peso g. 407; 1981.11.20;

2) coppa profonda a profilo concavo: altezza cm. 6,2, diametro cm. 22, peso g. 418; 1981.11.21;

3) medaglione, composto da una lamina decorata a sbalzo saldato ad una lamina, di profilo svasato, con sagomatura superiore: altezza cm. 2, diametro massimo cm. 10,5, peso g. 81; 1981.11.22;

4) coppa semisferica: altezza cm. 7,7, diametro massimo cm. 14,4, diametro minimo cm. 13,8, peso g. 151; 1981.11.16;

5) skyphos a coppa ovoide con anse rialzate: altezza cm. 7,7, con le anse cm. 8,8, diametro massimo cm. 13,3, diametro minimo cm. 12,6, peso g. 299; 1981.11.17;

6) kyathos: altezza cm. 24,7, diametro vasca cm. 5,5, peso g. 119; 1981.11.15;

7) recipiente di forma tronco-conica con base convessa provvista di tre appoggi foggiati a maschere teatrali: altezza cm. 19,6, diametro cm. 26,26, peso g. 891,3; 1981.11.18;

8) coppa profonda a profilo conico: altezza cm. 6,8, diametro cm. 21, peso g. 479; 1981.11.19;

9) olpe a corpo ovoide: altezza cm. 9,1, diametro superiore cm. 8,13, peso g. 178; 1982.11.13;

10) Phiale mesomphalos: altezza cm. 2,3, diametro cm. 14,8, peso g. 104; 1982.11.10;

11) pisside con medaglione figurato sul coperchio, attualmente costituita da tre elementi: altezza cm. 5,5, diametro cm. 8,3, peso totale attuale g. 148; 1982.11.11a-e, 1982.1l.9e;

12) altarino cilindrico su base quadrangolare formato da quattro elementi: altezza attuale cm. 11,3, base cm. 10,6 per cm. 10,8, peso complessivo attuale g. 367,8; 1982.11.9a-d;

13) e 14 )coppia di corna ondulate con estremit appuntite: lunghezza cm. 15,5 e peso g. 74,7 e g. 70; 1982.11.7-8;

15) recipiente di forma tronco-conica con base convessa provvista di tre appoggi foggiati a maschere teatrali: altezza cm. 18,5, diametro cm. 26,8, peso g. 820,5 1982.11.12.

5.2. Gli Argenti Ellenistici rimarranno presso il Museo in prestito sino al 15 gennaio 2010 e saranno esposti con la legenda lent by the Republic of Italy Region of Sicily.

5.3. Al fine di rendere possibile la continua presenza nelle Gallerie del Museo di beni culturali di pregio e rilevanza storico artistico pari agli Argenti Ellenistici, le Parti convengono che a far tempo dal 15 gennaio 2010 e per la durata della Convenzione la Repubblica Italiana conceder al Museo su base concordata continuativa e rotativa e in sequenza:
a) il prestito quadriennale di beni archeologici di pari pregio e rilevanza storico artistica, eventualmente inseriti nel loro contesto, agli Argenti Ellenistici
b) il prestito quadriennale degli Argenti Ellenistici.

5.4. Le Parti potranno modificare il su riferito programma di prestiti su base rotativa e in sequenza solo mediante apposito accordo scritto.

5.5. Il Museo trasferisce in propriet alla Repubblica Italiana e alle medesime condizioni di cui ai punti 5.3. e 5.4. concordate per gli Argenti Ellenistici la pisside inventariata al numero 1984.11.3.

6. Disposizioni applicabili al trasferimento dei Beni Richiesti e dei Beni Concessi in Prestito

6.1. Il Ministero e il Museo procureranno ciascuno tutte le autorizzazioni richieste, comprese le necessarie licenze di esportazione, rispettivamente in Italia e negli Stati Uniti per il regolare trasferimento dei Beni Richiesti e dei beni concessi in prestito in base alla Convenzione (Beni Concessi in Prestito).

6.2. Il Museo esporr i Beni Richiesti e i Beni Concessi in Prestito con la legenda: lent by the Republic of Italy.

6.3. La consegna dei Beni Richiesti e dei Beni Concessi in Prestito avr luogo nella sede del Museo. Il Ministero assicurer che un funzionario debitamente autorizzato si rechi a New York con i Beni Concessi in Prestito per assistere al trasferimento e per accompagnare i Beni Richiesti e i Beni Concessi in Prestito nel loro trasferimento in Italia e dallItalia. Il Museo assumer le spese di viaggio aereo del funzionario incaricato e contribuir alla diaria per un periodo massimo di tre notti e quattro giorni per una diaria determinata secondo gli usi internazionali.

6.4. Il Museo organizzer ed assumer i costi di imballaggio, assicurazione e spedizione dei Beni Richiesti e dei Beni Concessi in Prestito nel loro trasferimento in Italia e dallItalia. I prestiti quadriennali saranno regolati da accordi scritti standard volti a garantire la loro sicurezza, conservazione e valorizzazione.

7. Prestiti di beni frutto di scavi finanziati o restaurati dal Museo

7.1. Il Ministero e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana consentiranno, sulla base di apposita convenzione che regoler le modalit del prestito, il trasferimento temporaneo dal territorio italiano dei beni archeologici rinvenuti da scavi autorizzati, effettuati per iniziativa e a spese del Museo, per il tempo occorrente per il loro studio e restauro.

7.2. I beni archeologici restituiti dopo il loro studio e restauro, nei termini concordati tra le Parti, saranno dati in prestito per lesibizione di durata quadriennale, o per il periodo massimo consentito dalla legge italiana nel momento in cui il prestito avr inizio.

7.3. Il Ministero e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana consentiranno, sulla base di appropriati contratti scritti caso per caso, che determineranno le procedure dei singoli prestiti di oggetti, il trasferimento temporaneo dal territorio italiano di beni archeologici, scelti dal Ministero e dallAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana e accettati dal Museo per consentirne il restauro a cura del personale del Museo e la successiva esibizione al pubblico nelle gallerie del Museo, che sosterr i costi di trasferimento e di restauro.

8. Ulteriori Disposizioni

8.1. La Convenzione prender effetto dalla data di firma della medesima. La durata della Convenzione sar di quaranta anni, rinnovabile su accordo delle Parti.

8.2. La Convenzione, le trattative e la corrispondenza tra il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana, ed il Museo concernenti loggetto della Convenzione (fatta eccezione per il materiale probatorio trasmesso dal Ministero al Museo nel corso della trattativa precedente la conclusione della Convenzione) e il trasferimento in propriet alla Repubblica Italiana dei Beni Richiesti non saranno interpretati come ammissione di responsabilit civile, amministrativa o penale. I richiamati documenti non saranno ricevuti o volontariamente prodotti come ammissione, concessione o presunzione di qualunque tipo, espresse o implicite, in procedimenti civili, penali, amministrativi, arbitrali o altri, in base alle leggi italiane, statunitensi o di altro Stato, e non saranno utilizzate per fini diversi dallesecuzione della Convenzione. La Convenzione, le trattative e la corrispondenza tra le Parti in nessun caso saranno utilizzate per provare colpa o dolo.

8.3. Il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana, per effetto della Convenzione, rinunciano al diritto di intraprendere o sostenere ogni azione legale nei confronti del Museo o dei suoi organi e dirigenti, in Italia, negli Stati Uniti o in altro Stato, per far valere una qualunque responsabilit, sia essa civile, amministrativa o penale, con riferimento ai Beni Richiesti.

8.4. La Convenzione contiene lintegralit degli accordi raggiunti fra le parti.

8.5. La Convenzione viene redatta e firmata in lingua italiana e in lingua inglese.

8.6. Ciascuna disposizione della Convenzione relativa alla restituzione in propriet dei beni trasferiti in propriet ed alle connesse modalit dei prestiti sar separabile e distinta da ogni altra disposizione.
Se in ogni momento una o pi di tali disposizioni saranno o diverranno invalide, illecite o inapplicabili la validit, la liceit e lefficacia delle residue disposizioni non ne saranno in ogni caso inficiate.

9. Conciliazione ed Arbitrato

9.1. Le Parti faranno del loro meglio per risolvere e definire amichevolmente ogni eventuale controversia fra il Ministero per i beni e le attivit culturali della Repubblica Italiana e lAssessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana e il Museo derivante dalla interpretazione ed esecuzione della Convenzione che dovesse comunque verificarsi.

9.2. Nel caso in cui le Parti non dovessero pervenire a una soluzione di reciproca soddisfazione, le questioni controverse saranno trattate in via riservata e deferite in arbitrato secondo le Regole di Arbitrato della Camera di Commercio Internazionale da tre arbitri nominati secondo tali regole.


Roma, 21 febbraio 2006



Metropolitan Museum of Art, New York

[Signor Philippe de Montebello]

[Direttore]

(firma)


Ministero per i Beni e le Attivit Culturali

[nome]

[carica]

(firma)


Ministero per i Beni e le Attivit Culturali

[nome]

[carica]

(firma)


Assessorato per i Beni Culturali della Regione Siciliana

On. Prof. Alessandro Pagano

Assessore Regionale

(firma)



news

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

19-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

Archivio news