LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DECRETO 1 dicembre 2005,m Autorizzazione all'Agenzia del demanio ad effettuare la vendita diretta, in via sostitutiva, di taluni immobili di proprieta' dello Stato.
2005-12-23
Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 298 del 23-12-2005



--------------------------------------------------------------------------------
DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI
--------------------------------------------------------------------------------

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
DECRETO 1 dicembre 2005
Autorizzazione all'Agenzia del demanio ad effettuare la vendita diretta, in via sostitutiva, di taluni immobili di proprieta' dello Stato.


IL DIRETTORE GENERALE del Tesoro

Visto il decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con
modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410, recante
Disposizioni urgenti in materia di privatizzazione e valorizzazione
del patrimonio immobiliare pubblico e di sviluppo dei fondi comuni di
investimento immobiliare, che autorizza l'Agenzia del demanio con
propri decreti dirigenziali a riconoscere di proprieta' dello Stato
beni degli enti pubblici non territoriali nonche' beni non
strumentali in precedenza attribuiti a societa' a totale
partecipazione pubblica, diretta o indiretta, anche sulla base di
elenchi predisposti dagli stessi;
Visto il decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, recante
Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione
dell'andamento dei conti pubblici convertito, con modificazioni,
dalla legge 24 novembre 2003, n. 326;
Visto l'art. 41-bis, comma 6, del citato decreto-legge n. 269/2003,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326,
che riconosce come appartenenti al patrimonio dello Stato
prevedendone l'alienazione anche con le modalita' e alle condizioni
di cui all'art. 29 del medesimo provvedimento i beni immobili non
strumentali di proprieta' dell'Amministrazione autonoma dei monopoli
di Stato individuati dall'Agenzia del demanio;
Visto l'art. 29, comma 1, del citato decreto-legge n. 269/2003 che
autorizza l'Agenzia del demanio, in base a decreto del Ministero
dell'economia e delle finanze, a vendere a trattativa privata anche
in blocco, beni immobili adibiti ad uffici pubblici con prioritario
riferimento a quelli per i quali sia stato gia' determinato il valore
di mercato;
Visto il decreto direttoriale dell'Agenzia del demanio n. 46181 del
1 dicembre 2003 emanato in virtu' delle disposizioni contenute
nell'art. 41-bis, comma 6, del citato decreto-legge n. 269/2003 e
dell'art. 1, comma 2, del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351,
con il quale sono stati dichiarati di proprieta' dello Stato i beni
immobili non strumentali dell'Amministrazione autonoma dei monopoli
di Stato individuati sulla base degli elenchi predisposti
dall'Amministrazione dei monopoli medesima;
Visto il decreto direttoriale dell'Agenzia del demanio n. 46321 del
2 dicembre 2003 con il quale e' stata effettuata la ricognizione di
ulteriori beni immobili di proprieta' dello Stato ai sensi dell'art.
1, comma 1, del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito,
con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410;
Visto il decreto del direttore generale del Dipartimento del tesoro
del Ministero dell'economia e delle finanze prot. n. 112867 del
10 dicembre 2003 che ha autorizzato l'Agenzia del demanio a vendere,
a trattativa privata in blocco in base ai valori di mercato, alla
societa' Fintecna - Finanziaria per i settori industriale e dei
servizi S.p.a. - i beni immobili di proprieta' dello Stato di cui
agli allegati al medesimo decreto;
Visto il contratto di compravendita repertorio n. 82495/18861 in
data 23 dicembre 2003 per notaio Enrico Parenti, stipulato tra
l'Agenzia del demanio e la societa' Fintecna S.p.a.;
Visto il decreto del direttore dell'Agenzia del demanio n. 49682 in
data 23 dicembre 2003, con il quale e' stato approvato e reso
esecutivo il predetto contratto di compravendita;
Considerato che, successivamente alla stipula del citato atto di
compravendita, la societa' Fintecna S.p.a., con nota n. 8120
dell'8 giugno 2005, ha rappresentato la necessita' di procedere alla
modifica del suddetto contratto, in riferimento ad alcuni beni
oggetto di cessione, in ordine ai quali il Ministero per i beni e le
attivita' culturali ha riscontrato, in esito ad approfondimenti
successivi al trasferimento, l'inalienabilita' per la sussistenza del
vincolo d'interesse storico artistico;
Considerato, altresi', il contenzioso promosso da alcuni comuni, i
quali hanno rivendicato il trasferimento di alcuni immobili, oggetto
del contratto repertorio n. 82495 del 23 dicembre 2003, in quanto
ritenuti dagli stessi enti locali assoggettati alle disposizioni
speciali di cui all'art. 2-quinquies del decreto-legge 27 dicembre
2000, n. 392, convertito in legge n. 26 del 28 febbraio 2002;
Vista la nota dell'Agenzia del demanio, n. 2005/30807/NOR del
15 novembre 2005, che in ragione di quanto sopra esposto ravvisa
l'esigenza di procedere ad una modifica del citato atto di
compravendita, estromettendo i beni immobili in relazione ai quali il
Ministero per i beni e le attivita' culturali ha rilevato, a seguito
di ulteriore indagine, la sussistenza del vincolo d'interesse storico
artistico nonche' i beni oggetto di contenzioso con i comuni e
trasferendo, in sostituzione, alla societa' Fintecna S.p.a. altri
beni immobili di proprieta' dello Stato, di pari valore, indicati
nell'allegato A al presente decreto;
Visti i decreti direttoriali dell'Agenzia del demanio n. 30540 e n.
30539 del 21 novembre 2005, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale del
25 novembre 2005, n. 275, con i quali e' stata effettuata la
ricognizione dei beni immobili di cui all'Allegato A al presente
decreto ai sensi dell'art. 1, comma 1 e 2, del decreto-legge
25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge
23 novembre 2001, n. 410, nonche' ai sensi dell'art. 41-bis comma 6,
del decreto-legge n. 269/2003;
Vista la lettera n. 2005/25587/OP del 26 settembre 2005 con la
quale l'Agenzia del demanio ha interessato il Ministero per i beni e
le attivita' culturali ai fini della verifica di cui al decreto
legislativo n. 42/2004;
Decreta:
Art. 1.
Ai sensi degli articoli 41-bis comma 6 e 29, comma 1, del
decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con
modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, l'Agenzia del
demanio e' autorizzata a trasferire in blocco, in via sostitutiva,
alla societa' Fintecna S.p.a. i beni di cui all'allegato A al
presente decreto.

Art. 2.
Il trasferimento e' subordinato all'esito della verifica da parte
del Ministero per i beni e le attivita' culturali di cui al decreto
legislativo n. 42/2004.
Il presente decreto e' trasmesso per il tramite dell'Ufficio
centrale di bilancio alla registrazione della Corte dei conti e
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 1 dicembre 2005

Il direttore generale del Tesoro: Grilli

Registrato alla Corte dei conti il 16 dicembre 2005
Ufficio di controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 6
Economia e finanze, foglio n. 107

Allegato A

----> Vedere Allegato da pag. 10 a pag. 11 della G.U.




www.gazzettaufficiale.it


news

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d\'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

Archivio news