LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Norme per la tutela e la valorizzazione del territorio predappiese (Balboni e altri)
2005-05-19

N. 3436
DISEGNO DI LEGGE

diniziativa dei senatori BALBONI, SPECCHIA, ZAPPACOSTA, MULAS, BATTAGLIA Antonio, TOFANI e MORSELLI

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 MAGGIO 2005



Norme per la tutela e la valorizzazione
del territorio predappiese



Onorevoli Senatori. La storia di Predappio inizia sin dallepoca dei romani. In quegli anni infatti Augusto divise lItalia in undici province. Predappio era parte della sesta provincia, insieme a Mevaniola e Sarsina. Quanto al toponimo, sfatata ormai la leggenda della fondazione per opera dellavventuriero francese Jean dEpe nel 1283, si narra che il nome derivi dallinsediamento in queste localit di una antica famiglia romana: gli Appi. La localit venne cos denominata Presidium Domini Appi e abbreviata con Pre.D.i.Appi. Nella frazione di Fiumana, a conferma di ci, sono stati trovate pochi anni fa le rovine di una antica villa romana.

Alcuni riportano pi semplicemente al significato di roccia, ampiamente giustificato dallenorme masso di puddinga che svetta fra il terreno argilloso e su cui ancora oggi sorge il castello (Predappio Alta).
Com noto, Predappio appartenne al feudo Calbolesco. La vecchia famiglia feudale dei Particeto de Saxo cedeva una parte del suo dominio ad una nuova famiglia feudale, quella dei Calboli, che solo intorno al 1270 riesce a farsi luce nella storia locale, pure affermandosi subito come la pi schietta rappresentante del guelfismo romagnolo. Ranieri de Calboli uno dei principali attori della famosa guerra di Romagna contro Forl che per tre anni (1277-79) insanguin con varie vicende tutta la zona, e fu uno dei protagonisti, come lo sar poi il nipote Fulcieri, delle lotte partigiane in Forl contro gli Ordelaffi e gli Orgogliosi, lotte nelle quali i Calboli non ebbero il sopravvento.
Predappio, per quanto rocca fortissima, non sfugg alle vicende dei tempi, venne a tratti occupata dai ghibellini forlivesi (Guido di Montefeltro nel 1278), dagli Orgogliosi (1304), dagli Ordelaffi (1358), dalle truppe del cardinale Albornoz, eccetera, ritornando pur sempre al dominio dei Calboli.
Arrivando ai tempi recenti, sino al 1927 lodierna frazione di Predappio Alta era anche capoluogo.
A tal data risale il suo trasferimento nellarea valliva sottostante, denominata Dova; tale spostamento, motivato dal timore di cedimenti e frane della roccia del paese originario, rappresent loccasione per la fondazione e la costruzione nella terra natale di Benito Mussolini di un abitato rispondente in toto ai dettami dellurbanistica e dellarchitettura fasciste.
Strutturata su un sistema viario tipicamente latino, con tutte le strade secondarie parallele fra loro e perfettamente perpendicolari al viale principale, la cittadina fu organizzata intorno a due centri principali ancora oggi ben visibili: quello economico (mercato dei viveri, mercato del bestiame) e quello istituzionale della piazza su cui si affacciano il palazzo municipale, la chiesa parrocchiale, la sede dei servizi sanitari, la caserma dei Carabinieri e la casa del fascio.
I maggiori architetti, che Benito Mussolini in persona chiam a Predappio per farne la propria citt di fondazione, riuscirono ad inglobare nella struttura equilibrata e razionale della cittadina i due luoghi maggiormente simbolici della sua storia recente: la casa natale di Mussolini, oggi sede di iniziative culturali di approfondimento della storia del Novecento, ed il cimitero di San Cassiano in Pennino che, realizzato per riunire in un unico mausoleo le tombe di Rosa Maltoni ed Alessandro Mussolini, oggi ospita la tomba dellintera famiglia Mussolini e, a poca distanza, quella dellillustre uomo politico predappiese Adone Zoli.
La struttura e gli edifici di Predappio costituiscono la testimonianza di un vero e proprio museo allaria aperta, che residenti e turisti possono visitare seguendo un percorso guidato, ideato dallamministrazione comunale in collaborazione con le istituzioni e con il mondo universitario, denominato Museo urbano.
Esso si propone di essere una guida alla visita delle testimonianze pi significative dellarchitettura del periodo fascista, giunte a noi pressoch inalterate, attraverso un itinerario segnalato da pannelli esplicativi elaborati con testi ed immagini.
Diventa possibile in questo modo leggere il paese recuperando la memoria storica ed il valore simbolico che questo assunse allepoca, con lobiettivo di contribuire a valorizzare e conservare un patrimonio storico-artistico e culturale comune.
Strutturata sul rapporto fra la semplicit della casa natale del duce e la fondazione del centro abitato, linvenzione del paese di Mussolini si poneva come obiettivo quello di tracciare e saldare il legame fra le origini popolari del capo del governo e la modernit impressa dal regime attraverso le opere pubbliche. Liniziativa di costituire il museo urbano di Predappio si inserisce allinterno di un progetto pi ampio, sviluppato dallamministrazione comunale in collaborazione con le istituzioni e con il mondo universitario, che si pone come obiettivo primario quello di creare a Predappio uno spazio di riflessione e di confronto sulla storia contemporanea e sulla memoria del Novecento.
Il presente disegno di legge detta disposizioni volte alla tutela, alla valorizzazione ed alla conservazione del patrimonio storico-artistico della citt e del territorio intorno a Predappio.



DISEGNO DI LEGGE

Art. 1.

(Finalit)

1. Lo Stato riconosce il valore e limportanza storica, culturale e archeologica del comune e del territorio di Predappio.

2. Ai fini di cui al comma 1 lo Stato, dintesa con la regione Emilia-Romagna, ai sensi di quanto stabilito dal decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42:

a) garantisce la tutela e la salvaguardia dei beni di interesse archeologico, storico-artistico e storico-testimoniale nel territorio del comune di Predappio;

b) promuove e favorisce i progetti di ricerca e di recupero, nonch la divulgazione delle conoscenze relative al patrimonio esistente nel territorio e nel comune di Predappio;
c) promuove lattuazione di iniziative di turismo culturale e interventi volti alla realizzazione di opere di valorizzazione, recupero e adeguamento delle infrastrutture turistiche comprese nellintero territorio predappiese;
d) introduce apposite politiche di intervento volte alla riqualificazione dello spazio pubblico, alla dotazione di servizi ed alla valorizzazione del tessuto sociale.

Art. 2.

(Progetti integrati di tutela, recupero
e valorizzazione)

1. Ai fini di cui alle lettere c) e d) del comma 2 dellarticolo 1 la regione Emilia-Romagna e il comune di Predappio definiscono, ciascuno nellambito delle rispettive competenze, progetti integrati di tutela, recupero e valorizzazione riferiti agli ambiti territoriali, volti in particolare:

a) alla realizzazione di parchi tematici relativi alle tecniche di coltivazione, alla civilt contadina e allarcheologia industriale;

b) al recupero delle aree verdi;
c) al recupero delle aree e degli edifici di interesse storico-testimoniale.

Art. 3.

(Copertura finanziaria)

1. assegnato alla regione Emilia-Romagna un contributo straordinario di 15 milioni di euro, destinato agli interventi di cui alla presente legge.

2. Allonere derivante dallattuazione della presente legge, pari a 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2005, 2006 e 2007, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2005-2007 nellambito dellunit previsionale di base di conto capitale Fondo speciale dello stato di previsione del Ministero delleconomia e delle finanze per lanno 2005, allo scopo parzialmente utilizzando laccantonamento relativo al Ministero per i beni e le attivit culturali.
3. Il Ministro delleconomia e delle finanze autorizzato ad apportare con propri decreti le occorrenti variazioni di bilancio.



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news