LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Disegno di legge N. 3400 (discussione emendamenti), 5 Commissione permanente - Resoconto sommario n. 467 del 24/05/2005
2005-05-24

(3400) Conversione in legge del decreto-legge 26 aprile 2005, n. 63, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo e la coesione territoriale, nonch per la tutela del diritto d' autore

(Parere allAssemblea su ulteriori emendamenti. Esame. Parere in parte non ostativo, in parte contrario, in parte condizionato, ai sensi dellarticolo 81 della Costituzione)


Il relatore NOCCO (FI) illustra gli ulteriori emendamenti 2.0.6 (testo 2), 2.0.500, 2.0.600 e x1.0.100 (testo 2), trasmessi dall'Assemblea, al disegno di legge in titolo, segnalando, per quanto di competenza, che, in relazione alla proposta 2.0.6, posto che le disposizioni ivi indicate non sembrano applicarsi, ai sensi del capoverso art. 2-bis, comma 8, alle opere ancora da appaltare, occorre acquisire conferma della capienza degli stanziamenti disposti a legislazione vigente per le opere pubbliche da appaltare per la copertura degli oneri per le procedure di archeologia preventiva di cui ai capoversi art. 2-bis, comma 1, e art. 2-ter.

Rileva inoltre la necessit di acquisire una quantificazione debitamente verificata degli oneri derivanti dal capoverso art 2-bis, comma 2, per la realizzazione dell'elenco ivi indicato, al fine di verificare la congruit della relativa copertura nonch valutare l'opportunit di riformulare la stessa in limite massimo di spesa adeguandone la cadenza triennale alla cadenza permanente dell'onere e di precisare la rispettiva destinazione delle spese in conto capitale e di quelle di parte corrente.

Fa presente infine la necessit di acquisire conferma dell'idoneit della clausola di invarianza finanziaria di cui al capoverso art. 2-quater ad escludere effetti sulla finanza regionale.

............ Per quanto concerne la proposta 2.0.600, che in relazione ai vincoli applicabili a beni e documenti di interesse storico e archeologico introduce delle deroghe per quanto attiene alle monete antiche e moderne, ritiene che occorre acquisire conferma che non derivino significativi effetti correlati alla sottrazione dei suddetti beni dal regime di licenze all'esportazione previsto dall'articolo 74 del decreto legislativo n. 42 del 2004.

..................



Il sottosegretario VENTUCCI in relazione alla proposta 2.0.6 (testo 2) conferma la quantificazione dellonere indicato dal capoverso articolo 2-bis e lidoneit della clausola di invarianza recata dal capoverso articolo 2-quater ad escludere effetti per la finanza regionale ma esprime avviso contrario sulla copertura del capoverso articolo 2-bis, comma 2, in quanto osserva che nellaccantonamento richiamato non sussistono risorse disponibili per le finalit ivi indicate.

Non riscontra infine profili meritevoli di osservazioni per quanto concerne le restanti proposte illustrate dal relatore.



Il senatore MORANDO (DS-U) sottolinea le proprie perplessit in merito allidoneit della formulazione del capoverso 2-quater dellemendamento 2.0.6 (testo 2) ad escludere effetti finanziari a carico della finanza regionale. Tale affermazione sarebbe stata pi verosimile ove le suddette disposizioni fossero state opportunamente sottoposte, in via preventiva, alla Conferenza Stato-Regioni. Preannuncia, pertanto, il proprio avviso contrario sulla proposta in esame.

Dopo aver rilevato che anche a proposito dellemendamento 2.0.500 non possono essere esclusi effetti finanziari, correlati ad eventuali indennizzi, salvo espressa esclusione di tale ipotesi da parte del Governo, evidenzia infine lesigenza di acquisire chiarimenti sulla portata dellemendamento x1.0.100 (testo 2). Da un lato, infatti, non appare chiaro se lintento del Governo sia quello di procedere allemanazione di un testo unico in materia di previdenza complementare attraverso uno ovvero pi decreti legislativi; in secondo luogo, ove si proceda allemanazione di pi decreti legislativi, necessario verificare che su ciascuno di essi si applichino le clausole inerenti alla verifica della compatibilit finanziaria di cui alla legge n. 243 del 2004; in terzo luogo, infine, occorre verificare se la copertura finanziaria non sia assicurata dalla contestualit delladozione delle varie disposizioni della riforma della previdenza obbligatoria e complementare, nel senso che disposizioni di carattere oneroso debbano essere necessariamente compensate da disposizioni mirate a recare maggiori entrate ovvero dei risparmi, nel qual caso, la previsione di una pluralit di decreti legislativi assumerebbe di per s carattere oneroso.



Su richiesta del sottosegretario VENTUCCI, la Sottocommissione conviene di procedere ad una breve sospensione della seduta per consentire al Governo di predisporre gli ulteriori elementi di chiarimento richiesti.



La seduta, sospesa alle ore 16,25, riprende alle ore 16,35.



Il sottosegretario VENTUCCI, in relazione agli ulteriori elementi di chiarimento richiesti in ordine allemendamento x1.0.100 (testo 2), precisa, sulla base di informazioni acquisite per le vie brevi, che la proposta volta a consentire lemanazione di un apposito decreto legislativo recante un testo unico delle disposizioni in materia di previdenza complementare assicurando che allo stesso si applichino tutte le clausole finanziarie gi previste dalla legge n. 243 del 2004. Precisa, altres, che le norme di cui al comma 2 dellemendamento costituiscono mere disposizioni di coordinamento tese a consentire ladozione di ulteriori norme integrative e correttive del suddetto testo unico, in conformit con quanto gi previsto dalla vigente formulazione dellarticolo 1, comma 49, della legge n. 243 del 2004.



Il presidente AZZOLLINI, preso atto dei chiarimenti offerti dal rappresentante del Governo, propone di formulare un parere di nulla osta sullemendamento x1.0.100 (testo 2) condizionato, tuttavia, ad una riformulazione del comma 1, lettera c), tesa a garantire che le clausole di copertura finanziaria di cui alla legge n. 243 del 2004 si applichino comunque allo schema di decreto legislativo ovvero a ciascuno degli schemi di decreto legislativo eventualmente emanati per adottare il testo unico in materia di previdenza complementare.

Per quanto concerne la proposta 2.0.6 (testo 2), tenuto conto delle assicurazioni del Governo in merito alla valutazione di congruit della quantificazione dellonere ed allesclusione di maggiori oneri a carico della finanza regionale, evidenziando che i rilievi del Governo in ordine alle finalizzazioni attengono a profili di merito e che, per quanto concerne gli aspetti di competenza della Commissione bilancio, risultano disponibili le risorse richiamate ai fini della copertura del capoverso articolo 2-bis, propone di esprimere un parere non ostativo, condizionato, tuttavia, ad una riformulazione del comma 2 del suddetto capoverso nel senso di adeguare la copertura alla cadenza temporale dellonere, di formulare lo stesso in termini di limite massimo di spesa e di precisare la destinazione, rispettivamente, delle risorse di conto capitale e di quelle di parte corrente.

Dopo aver ricordato che non sono emersi rilievi in ordine alla proposta 2.0.600, propone infine di esprimere un avviso contrario sulla proposta 2.0.500, senza tuttavia richiamare larticolo 81 della Costituzione, non avendo il Governo espressamente escluso che allo stesso possano essere correlate delle forme di indennizzo.

Propone pertanto di conferire mandato al relatore a formulare un parere del seguente tenore: "La Commissione programmazione economica, bilancio, esaminati gli ulteriori emendamenti 2.0.6 (testo 2), 2.0.500, 2.0.600 e x1.0.100 (testo 2), relativi al disegno di legge in titolo, esprime, per quanto di competenza, parere di nulla osta sulla proposta 2.0.6 (testo 2) condizionato, ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione, alla sostituzione, al capoverso Art. 2-bis, del comma 2 con il seguente: "2. Presso il Ministero per i beni e le attivit culturali istituito un apposito elenco, reso accessibile a tutti gli interessati, degli istituti archeologici universitari e dei soggetti in possesso della necessaria qualificazione. Con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali, da emanare entro 90 giorni dallentrata in vigore del presente articolo, sentita una rappresentanza dei dipartimenti archeologici universitari, si provvede a disciplinare i criteri per la tenuta di detto elenco, comunque prevedendo modalit di partecipazione di tutti i soggetti interessati. Per lattuazione del presente comma autorizzata la spesa massima di 50.000 euro per il 2005 e di 100.000 euro per ciascuno degli anni 2006 e 2007 per le spese di primo impianto, nonch una spesa di 10.000 euro per lanno 2005 e di 20.000 euro a decorrere dal 2006 per le spese di gestione dell'elenco di cui al primo periodo. Allonere derivante dallattuazione del presente comma, pari complessivamente a 60.000 euro per lanno 2005, 120.000 euro per il 2006, 120.000 euro per il 2007 e 20.000 euro a decorrere dall'anno 2008, si provvede, quanto a 50.000 euro per il 2005, a 100.000 euro per il 2006 e a 100.000 euro per il 2007, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2005-2007, nellambito dellunit previsionale di conto capitale "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero delleconomia e delle finanze per lanno 2005, allo scopo parzialmente utilizzando laccantonamento relativo al Ministero per i beni e le attivit culturali e, quanto a 10.000 euro per il 2005 e 20.000 euro a decorrere dall'anno 2006, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2005-2007, nellambito dellunit previsionale di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero delleconomia e delle finanze per lanno 2005, allo scopo parzialmente utilizzando laccantonamento relativo al Ministero per i beni e le attivit culturali."

La Commissione esprime inoltre parere di nulla osta sulla proposta x1.0.100 (testo 2), a condizione, ai sensi della suddetta norma costituzionale, che al comma 1, lettera c), le parole: "l'adozione del" siano sostituite dalle seguenti: "l'adozione dello schema di decreto o di ciascuno degli schemi di decreto recanti il".

Esprime, infine, parere contrario sulla proposta 2.0.500 e parere di nulla osta sull'emendamento 2.0.600.".



Il senatore MORANDO (DS-U) preannuncia il proprio voto contrario sulla proposta del Presidente non ritenendo esaustive le condizioni poste a proposito degli emendamenti 2.0.6 (testo 2) e x1.0.100 (testo 2).



La Sottocommissione approva, infine, la proposta del Presidente.





La seduta termina alle ore 16,45.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news