LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione permanente - Comunicazioni del Ministro su alienazioni- seduta n. 265
2004-02-04

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7a)

MERCOLED 4 FEBBRAIO 2004
265a Seduta

Presidenza del Presidente
ASCIUTTI
indi del Vice Presidente
BETTA


Intervengono il ministro per i beni e le attivit culturali Urbani, il sottosegretario di Stato per lo stesso dicastero Bono e il sottosegretario di Stato per l'istruzione, l'universit e la ricerca Caldoro.

La seduta inizia alle ore 14,40.


PROCEDURE INFORMATIVE
Comunicazioni del Ministro per i beni e le attivit culturali sull'alienazione del patrimonio pubblico di interesse storico e artistico.

Il PRESIDENTE ricorda che la Commissione, su iniziativa del senatore Favaro, aveva sollecitato l'intervento del Ministro, affinch riferisse in merito alle garanzie che il Governo intende offrire con riferimento all'alienazione del patrimonio culturale pubblico.

Il ministro URBANI si sofferma anzitutto sul meccanismo del silenzio-assenso, che conclude la procedura di verifica dell'interesse culturale qualora essa non abbia avuto diverso esito entro il prescritto termine, giudicando senz'altro infondate le preoccupazioni manifestate al riguardo.

In proposito, egli sottolinea tuttavia che non si tratta affatto di una novit normativa, atteso che il decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000, approvato nella passata legislatura, ancorch non abbia funzionato, gi contemplava all'articolo 9 la disciplina relativa alle modalit di autorizzazione all'alienazione dei beni appartenenti al patrimonio culturale, prevedendo una tempistica per il rilascio dell'autorizzazione analoga a quella recentemente introdotta per la verifica dell'interesse culturale.

A differenza di detto decreto, la disciplina recata dal decreto-legge n. 269 del 2003 e dal Codice dei beni culturali appare peraltro assai pi completa, atteso che il ricorso al meccanismo del silenzio-assenso si inserisce in un contesto innovativo.

Al riguardo, egli rileva anzitutto che gli elenchi di beni da sottoporre alla verifica della sussistenza dell'interesse culturale sono in effetti predisposti d'intesa tra il Ministero per i beni e le attivit culturali, il Ministero dell'economia e il Ministero della difesa, e non invece individuati unilateralmente dall'Agenzia del demanio.

Egli si sofferma poi sull'ampiezza e sul dettaglio delle informazioni richieste per la compilazione delle schede descrittive per ciascuno dei beni inseriti in detti elenchi, rilevando in particolare come tale grado di dettaglio sia stato espressamente voluto e definito dal suo Ministero.


Nel ribadire dunque che gli elenchi dei beni da sottoporre a verifica saranno senz'altro per lo pi concordati con il suo Ministero, egli osserva che gi in questa fase vi una prima verifica della rilevanza dei beni individuati.


Qualora peraltro si verificasse l'ipotesi dell'inclusione in detti elenchi di beni di interesse culturale, egli sottolinea che il sovrintendente avr anzitutto la facolt di dichiarare l'esistenza dell'interesse culturale e dunque di impedire senz'altro la sdemanializzazione e l'alienazione di detto bene. Inoltre la normativa prevede che egli, senza esprimersi in via definitiva, abbia altres la data facolt di dichiarare nel corso dell'istruttoria il proprio dissenso in ordine alla conclusione del procedimento e richiedere un ulteriore approfondimento, interrompendo cos il decorso del termine.

Le critiche avanzate alla procedura del silenzio-assenso, a suo avviso, vanno pertanto ridimensionate.


Egli aggiunge inoltre che la compilazione delle schede descrittive allegate agli elenchi dei beni da sottoporre alla verifica dell'interesse culturale rappresenta una fonte di informazione sulle caratteristiche del patrimonio culturale italiano senza precedenti. Attualmente, la principale fonte rappresentata infatti dall'inventario redatto a cura dell'Istituto centrale per il catalogo che, operando con una tempistica pi dilatata a campione, offre informazioni limitate solo su una parte del patrimonio.

Giudica indi senz'altro infondate le preoccupazioni in ordine all'eccessivo carico di lavoro che sarebbe imposto ai sovrintendenti dalla procedura relativa alla verifica dell'interesse culturale. Al riguardo, egli d conto del seminario recentemente organizzato dal Ministero con la partecipazione dei sovrintendenti competenti, diretto ad individuare i principali problemi applicativi di detta disciplina, nel corso del quale non sono emersi particolari elementi di preoccupazione.

Sempre con riferimento alle principali novit introdotte dal Codice dei beni culturali, egli sottolinea l'importanza della distinzione recata fra le tre fattispecie di beni attualmente appartenenti al patrimonio culturale: i beni per i quali si prevedono, oltre ai vincoli di destinazione d'uso, anche limitazioni in ordine alla propriet, che deve restare pubblica; i beni che usciranno dal patrimonio pubblico, attesa la mancanza di interesse culturale, e che libereranno cos ingenti risorse da destinare alla tutela dei beni che effettivamente rivestono rilievo culturale; i beni che devono essere vincolati nella destinazione d'uso, per i quali non tuttavia necessaria la propriet pubblica.
Attraverso la predisposizione dei predetti elenchi, si configura dunque per la prima volta il tentativo di giungere alla definizione del demanio culturale nel nostro Paese.
Conclusivamente, egli afferma che tale tripartizione finalmente corredata da adeguati strumenti applicativi rilevando peraltro come la loro mancata previsione rappresentasse il principale limite della disciplina recata dal decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000.

La senatrice SOLIANI (Mar-DL-U) chiede che il dibattito sulle comunicazioni del Ministro sia rinviato ad altra seduta, tanto pi che verte su materia maturata nello scorcio degli ultimi mesi.

Il presidente ASCIUTTI ricorda che l'audizione del Ministro era in programma per la seduta odierna gi da lungo tempo. Dichiara quindi aperto il dibattito.

Il senatore FAVARO (FI), ricordando di aver richiesto lui stesso la presente audizione, ringrazia il Ministro per aver chiarito alcune zone d'ombra. Conferma peraltro le proprie perplessit sulla abbondanza di normazione che ha caratterizzato il settore negli ultimi anni, in particolare in occasione delle manovre finanziarie. La tendenza in atto pare del resto quella di lasciare allo Stato il controllo sul patrimonio, consentendo tuttavia una progressiva diversificazione della propriet al fine di conseguire una migliore conservazione e valorizzazione dello stesso.
La normativa che si succeduta nel tempo non tuttavia priva di incongruit. Al riguardo, egli ricorda l'istituzione della societ "Patrimonio Spa", che fu accompagnata da un ordine del giorno del relatore sul provvedimento, senatore Vizzini, che ne attenuava la portata.
Resta comunque il fatto che la catalogazione del patrimonio storico-artistico, prevista fin dalle leggi Bottai del 1939 e sempre confermata nelle successive discipline di tutela, non si mai compiutamente realizzata. In tal senso, pu essere visto con favore lo sforzo operato dal presente Governo per giungere ad una effettiva verifica della permanenza dell'interesse culturale dei beni pubblici. Il meccanismo del silenzio-assenso, che conclude la procedura prefigurata dall'articolo 27 del decreto-legge n. 269 e che ora sembra confermato dal Codice dei beni culturali, desta tuttavia preoccupazioni, soprattutto in considerazione della inadeguatezza degli organi di alcune soprintendenze.
L'odierno confronto sarebbe stato peraltro pi proficuo se fosse stata disponibile la versione definitiva del Codice, che non stato invece ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale ma solo presente sul sito internet del Ministero. In tal modo, non infatti dato conoscere con certezza le modalit con cui l'articolo 27 del decreto-legge n. 269 sia stato coordinato con il Codice, bench a prima vista sembri che il Codice abbia sostanzialmente recepito la disciplina dell'articolo 27.
Bench l'allungamento della procedura di verifica a 120 giorni, disposto a seguito di un emendamento approvato nel corso dell'esame parlamentare del decreto-legge n. 269, offra qualche maggiore margine di tranquillit rispetto al meccanismo inizialmente prefigurato e pur apprezzando la definizione dei criteri illustrata dal Ministro, ribadisce quindi le proprie preoccupazioni con particolare riferimento alle dotazioni organiche di alcune soprintendenze.

Il senatore TESSITORE (DS-U) manifesta un certo disagio a fronte delle dichiarazioni del Ministro. La continuit istituzionale rilevata dal Ministro con riferimento al decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000 sarebbe infatti motivo di compiacimento, se essa non fosse - a suo giudizio - fondata su un errore. Qualora infatti quel decreto avesse avuto caratteristiche cos negative, inopportuno sarebbe stato perseverare nell'errore.
Egli concorda indi con le osservazioni critiche del senatore Favaro sul meccanismo del silenzio-assenso, paventando che entusiasmi di carattere liberalizzatorio possano indurre in errore. Del resto, ritiene che non sarebbe stato ragionevole istituire una societ quale la "Patrimonio Spa" se tanto poco avesse avuto da alienare del patrimonio pubblico. Al riguardo, ricorda inoltre il disegno di legge n. 1506, d'iniziativa del senatore Del Turco, volto a tramutare in legge i contenuti dell'ordine del giorno del senatore Vizzini test ricordato dal senatore Favaro, che non ebbe il conforto del Governo e della sua maggioranza.
Egli sottolinea poi le preoccupazioni di carattere internazionale ed invoca una pi convinta difesa dell'identit nazionale oltre che una maggiore consapevolezza dell'esigenza di tutelare il patrimonio del Paese.
Conclude rimarcando il carattere non ideologico delle preoccupazioni espresse ed associandosi al rammarico di non conoscere ancora il testo definitivo del Codice.

Il senatore COMPAGNA (UDC) si richiama anzitutto ai miglioramenti apportati dalla nuova disciplina ai meccanismi gi individuati dal decreto del Presidente della Repubblica n. 283, quali individuati dal Ministro nella sua esposizione. Secondo la nuova disciplina, i sovrintendenti regionali si pronunceranno infatti su un'istruttoria redatta anche con il concorso dell'Amministrazione dei beni culturali, capace quindi di tutelare il momento tecnico-scientifico. N va dimenticato che il decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000 era stato seguito dalla nefanda modifica del Titolo V della Costituzione.
Con il Codice si imprime invece una svolta positiva, che consente di superare obiezioni di carattere pregiudiziale. La contrariet al meccanismo del silenzio-assenso, pur legittima, ha infatti carattere prevalentemente astratto ed ideologico, mentre il distinto livello di tutela dei beni a seconda del loro interesse culturale alleggerisce indubbiamente i motivi di preoccupazione.
Il profilo critico resta, a suo giudizio, un altro ed investe la capacit del Ministero di mantenere quel carattere atipico che gi era stato prefigurato dalla commissione Franceschini negli anni Sessanta e fu poi sostenuto con vigore dal compianto presidente Spadolini.
Al fine di colmare le attuali, evidenti lacune di catalogazione, occorre infatti assicurare il predominio tecnico-scientifico senza che ad esso si coniughi tuttavia un eccessivo accademismo burocratico. Le preoccupazioni del senatore Favaro sugli organici delle soprintendenze sono, a suo giudizio, del tutto condivisibili. Ad esse si aggiungono tuttavia quelle relative ai vertici delle soprintendenze stesse, ai quali occorre garantire un prestigio morale atto a superare lo scetticismo nei confronti di determinati istituti. In tal senso, anche il meccanismo del silenzio-assenso pu non essere demonizzato, se implica un'amministrazione forte e credibile nell'azione di gestione.

Il senatore BETTA (Aut) chiede maggiori ragguagli sul funzionamento dei meccanismi di tutela dal 2000 ad oggi, ricordando i lunghi elenchi di beni gi dismessi e cartolarizzati. La societ "Patrimonio Spa" ha del resto un'esperienza ormai consolidata, su cui ritiene indispensabile svolgere una riflessione.
Quanto al regime dei vincoli, si sofferma sulla nuova definizione di demanio culturale con particolare riferimento ai beni delle regioni, degli enti locali e di organizzazioni comunitarie (quali quelle religiose) che sono proprietarie di una parte consistente di beni culturali. Ricordando la propria posizione in favore di un trasferimento delle competenze anche in materia di tutela agli enti locali, sollecita una rinnovata attenzione a questa dimensione e al raccordo con gli enti proprietari diversi dallo Stato.
Chiede infine un chiarimento sui tempi di attivazione delle nuove procedure illustrate dal Ministro di raccordo fra Beni culturali, Economia e Difesa.

La senatrice ACCIARINI (DS-U) manifesta delusione per l'intervento del Ministro, che non ha a suo giudizio chiarito l'intreccio fra i compiti della "Patrimonio Spa", l'articolo 27 del decreto-legge n. 269 (che ha specifiche finalit finanziarie) e il nuovo Codice dei beni culturali. Nel ribadire il proprio rammarico per la fretta con cui la Commissione espresse il proprio parere sullo schema del Codice, prima della pausa natalizia, rileva infatti la contraddittoriet delle norme vigenti nonostante i tentativi del Ministro di minimizzare i problemi.
N le risulta chiaro come possano le diverse amministrazioni interessate giungere alla redazione di elenchi concordati, tanto pi in assenza di una catalogazione esaustiva dei beni di interesse culturale. Nonostante l'interazione fra le amministrazioni, infatti evidente che il baricentro sia il Ministero dell'economia e il suo approccio di carattere finanziario. In tale ottica, ritiene improbabile raggiungere una comunit di intenti con il mero ausilio dell'attivit di schedatura. Le modalit di approccio restano infatti inevitabilmente diverse, attestandosi sulle esigenze di bilancio anzich su quelle di valorizzazione.
Ella ricorda poi che il decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 2000 prevedeva tre diverse categorie di beni, caratterizzate da diversi livelli di tutela: i beni assolutamente inalienabili; quelli per cui dovessero essere configurati programmi di valorizzazione; quelli privi di interesse, che potevano essere quindi alienati. Le alienazioni erano tuttavia soggette ad autorizzazione dei sovrintendenti, che dovevano esprimersi entro un certo termine. Ci non figura peraltro, in alcun modo, il meccanismo del silenzio-assenso, come dimostra del resto la virulenza delle reazioni suscitate dall'articolo 27 del decreto-legge n. 269 a differenza delle assai pi pacate manifestazioni degli operatori del settore all'epoca dell'approvazione del decreto n. 283. Il motivo di tanta legittima agitazione sta infatti nel carattere finanziario del meccanismo ora individuato.
Nel dare atto al senatore Favaro di aver opportunamente sollecitato l'odierno confronto con il Ministro, ella sottolinea indi la delicatezza dell'attuale congiuntura, che corrisponde alla fase di prima applicazione del decreto-legge n. 269.
Non ritenendo che la complessit dei problemi possa risolversi con una mera attivit di schedatura, sollecita quindi il Ministro ad un ulteriore approfondimento, che investa l'indirizzo politico del suo Dicastero, onde poter comprendere se sar confermata la tendenza in atto ad affrontare le tematiche culturali in termini di risanamento del bilancio dello Stato.

La senatrice Vittoria FRANCO (DS-U) ritiene che il Ministro non sia riuscito nel suo intento di sdrammatizzare i problemi in campo. Registra infatti le preoccupazioni del senatore Favaro sulla consistenza degli organici, che condivide, nonch quelle del senatore Compagna sulla capacit dell'Amministrazione di evitare il rischio che il meccanismo del silenzio-assenso si trasformi in un abuso.
Ella prende indi atto delle dichiarazioni del Ministro sull'assenza di preoccupazioni da parte dei sovrintendenti, su cui avanza tuttavia qualche perplessit in considerazione delle diverse prese di posizioni manifestate.
Esprime conclusivamente la propria preoccupazione per la volont del Governo di procedere ad una sdemanializzazione massiccia e chiede se vi sia gi un elenco di beni concordati tra Ministero e Agenzia del demanio.

La senatrice SOLIANI (Mar-DL-U) rimarca che questo Governo sar ricordato per aver introdotto una logica mercantile nella gestione del patrimonio culturale del Paese. Dal punto di vista politico, occorre dunque che il Ministro chiarisca i propri intendimenti complessivi, tanto pi che buona parte della manovra di sdemanializzazione sar realizzata prima che il Codice entri in vigore.
Ella chiede quindi al Ministro di chiarire inequivocabilmente quali garanzie intende assicurare e quali strategie intende perseguire per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale, sottolineando che la risposta deve essere all'altezza della domanda, pur nella diversit delle posizioni di partenza. Le scelte del Governo hanno infatti aperto un grande dibattito politico nel Paese, suscitando preoccupazioni che i chiarimenti odierni non sono stati sufficienti a fugare. Il Ministro deve pertanto impegnarsi, in un'ottica di trasparenza assoluta, per persuadere l'opinione pubblica nazionale e internazionale che nessuna parte del patrimonio fondamentale del Paese sar messa a rischio.

Concluso il dibattito, il ministro URBANI, riservandosi di replicare in una diversa seduta, si rammarica per l'eccessiva sintesi del suo intervento che non ha evidentemente consentito di fare sufficiente chiarezza financo sulle procedure di alienazione. A fronte delle richieste di maggiore approfondimento e chiarimento sugli indirizzi del suo Dicastero, dichiara pertanto la massima disponibilit ad affrontare le questioni in termini di prospettiva, avendo tutto l'interesse ad un'occasione di cos rilevante confronto con il Parlamento.

Il presidente ASCIUTTI rinvia quindi il seguito della procedura informativa ad altra seduta.


IN SEDE REFERENTE

(2686) Conversione in legge del decreto legge 14 gennaio 2004, n. 2, recante disposizioni urgenti relative al trattamento economico dei collaboratori linguistici presso talune Universita' ed in materia di titoli equipollenti
(Seguito e conclusione dell'esame)

Riprende l'esame sospeso nella seduta di ieri.

Si passa alla votazione degli emendamenti, riferiti al testo del decreto-legge, pubblicati in allegato al resoconto di ieri.

Sull'emendamento 1.5, il senatore MODICA (DS-U) dichiara il proprio voto favorevole, lamentando il parere contrario della Commissione bilancio atteso che egli aveva al contrario inteso corredare l'emendamento con idonea copertura finanziaria. Nel merito, stigmatizza inoltre la scelta di procedere ad un intervento limitato alle sole istituzioni universitarie oggetto della prima sentenza della Corte di Giustizia delle Comunit europee, alla vigilia di una nuova sentenza che investe l'intero panorama universitario. Gi la Commissione europea ha del resto segnalato l'inadeguatezza di un intervento cos limitato.

Dopo che il PRESIDENTE ha accertato la presenza del numero legale ai sensi dell'articolo 30, comma 2, del Regolamento, l'emendamento 1.5 posto ai voti respinto.

Sull'emendamento 1.6, il relatore GABURRO (UDC) rinnova l'invito al presentatore a riformulare il testo chiarendo che l'impegno pieno corrisponde a 500 ore.

Il senatore MODICA (DS-U) accoglie l'invito del relatore e presenta a tal fine l'emendamento 1.6 (nuovo testo), pubblicato in allegato al presente resoconto.

L'emendamento 1.6 (nuovo testo) posto ai voti e accolto.

Sull' emendamento 1.2 dichiara il proprio favorevole la senatrice SOLIANI (Mar-DL-U), la quale sollecita l'equiparazione dei lettori ai ricercatori a tempo pieno ricordando che proprio oggi la Commissione europea chieder alla Corte di Giustizia delle Comunit di infliggere una nuova sanzione all'Italia per il mancato riconoscimento dei diritti dei lettori.

Con spirito costruttivo, il senatore MONTICONE (Mar-DL-U) chiede di rinviare la conclusione dell'esame del provvedimento in titolo alla prossima settimana, al fine di consentire i dovuti approfondimenti.

Il presidente ASCIUTTI ricorda che la settimana prossima la Commissione sar impegnata nell'esame dei disegni di legge sulle graduatorie dei docenti. Il provvedimento in titolo ha del resto carattere di urgenza e deve essere ancora esaminato dalla Camera dei deputati. Svolge indi una dichiarazione di voto contrario sull'emendamento 1.2 ricordando che il tempo pieno presuppone l'esclusivit del rapporto di lavoro, che i lettori universitari invece non hanno. Richiama inoltre le osservazioni espresse in merito dalla Commissione per le politiche dell'Unione europea.

L'emendamento 1.2 indi messo ai voti e respinto.

In considerazione del parere contrario, ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione, espresso dalla Commissione bilancio, il relatore GABURRO (UDC) modifica il parere favorevole precedentemente reso sugli emendamenti 1.7, 1.1 e 1.8, dichiarandosi contrario.

Gli emendamenti 1.7. e 1.1 sono separatamente posti ai voti e respinti.

Sull'emendamento 1.8 il senatore MODICA (DS-U) lamenta vivacemente il parere contrario, ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione, espresso dalla Commissione bilancio. A suo giudizio, l'emendamento non comporta infatti alcuna spesa a carico del bilancio dello Stato ed in tal senso fa appello al sottosegretario Caldoro. L'emendamento tende infatti a derogare all'attuale divieto per i lettori, in quanto personale universitario tecnico amministrativo, di accedere ai contratti, che sono tuttavia totalmente a carico dei bilanci universitari. Si tratta dunque di una scelta di flessibilit, volta a risolvere una condizione di ingiusta discriminazione e ad evitare danni maggiori, che comunque nulla ha a che vedere con il bilancio dello Stato. Raccomanda quindi l'approvazione dell'emendamento.

Posto ai voti l'emendamento 1.8 respinto.

Sull'emendamento 1.4 dichiara il proprio voto favorevole il senatore TESSITORE (DS-U), il quale ne sottolinea l'intento di evitare una seconda condanna della Corte di Giustizia delle Comunit europee e i conseguenti esborsi finanziari.

L'emendamento 1.4 posto ai voti e, dopo prova e controprova, risulta respinto.

Sull'emendamento 1.9 dichiara il proprio voto favorevole il senatore MODICA (DS-U), il quale conferma che tale emendamento reca la copertura finanziaria del precedente 1.5. Si tratta infatti di estendere il meccanismo di riconoscimento ai lettori di tutte le universit italiane, escludendo una situazione di vantaggio per quelli delle cinque universit oggetto della prima condanna comunitaria. L'emendamento altres volto a spostare la copertura a carico del Ministero dell'economia, onde evitare che per risolvere il problema di cinque universit si sottraggano fondi destinati all'intero complesso universitario.

Il senatore VALDITARA (AN) auspica che il problema, senz'altro oggettivo, venga risolto in vista dell'esame in Assemblea. Ritiene infatti assolutamente non condivisibile che per la copertura del provvedimento si attinga al Fondo per il funzionamento ordinario delle universit. In tal senso, auspica quanto meno che esso sia reintegrato di pari importo.

Il relatore GABURRO (UDC) preannuncia l'intenzione di presentare un emendamento in tal senso in Assemblea.

Posto infine ai voti l'emendamento 1.9 respinto.

Sull'emendamento 1.3 dichiara il proprio voto favorevole il senatore TESSITORE (DS-U), il quale sottolinea come anch'esso si ponga nella direzione di non gravare sul Fondo per il funzionamento ordinario delle universit.

L'emendamento 1.3 posto ai voti e respinto.

Con separate votazioni, la Commissione respinge altres gli emendamenti 2.1, 2.2, 2.3 e 2.0.1.

La Commissione conferisce infine mandato al relatore Gaburro a riferire favorevolmente in Assemblea sul disegno di legge in titolo, con la modifica apportata, autorizzandolo fin d'ora a richiedere lo svolgimento della relazione orale.

La seduta termina alle ore 16,30.


EMENDAMENTO AL DISEGNO DI LEGGE N. 2686
al testo del decreto-legge


Art. 1
1.6 (nuovo testo)
MODICA

Al comma 1, dopo le parole: "proporzionalmente all'impegno orario assolto," inserire le seguenti: "tenendo conto che l'impegno pieno corrisponde a 500 ore,".
_____________

http://notes9.senato.it/W3/Lavori.nsf/All/92C64F62AEE92AB1C1256E300067FE5A?OpenDocument


news

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d\'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

Archivio news