LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Documento del coordinamento interregionale degli Assessori alla Cultura
2005-02-10


Roma, 10 febbraio 2005


Sommario: 1. Nota introduttiva - 2. Il problema da affrontare: il patrimonio culturale e le responsabilità dei pubblici poteri; un sistema di governo pluralista e integrato è una necessità - 3. La situazione determinatasi a seguito del Codice: un’incertezza da risolvere rapidamente - 4. Protagonisti, strumenti e modi: a) premesse generali - 5. Segue: b) principi e modelli per l’intervento pubblico - 6. Segue: c) accordi, intese, convenzioni, forme di cooperazione - 6. 1. Partecipazione dei poteri regionali e locali alle attività di tutela - 6.2. Funzioni conoscitive: catalogo e sistemi informativi - 6.3. Fruizione, valorizzazione, gestione – 7. Nota finale: un programma di lavoro.


1. Nota introduttiva.



Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (d. lgs. n. 42/2004) è un testo a cui possono essere addebitati o accreditati molti difetti o molti pregi. In ogni caso, è un evento che coinvolge per intero la responsabilità di governo delle istituzioni pubbliche territoriali e che le costringe a riconsiderare il loro ruolo ed a definire le prospettive ed i programmi di intervento.

Le regioni, in applicazione del principio di leale collaborazione, intendono manifestare una prima ed impegnativa posizione di disponibilità propositiva nei confronti dello stato e degli altri enti. A questo fine, ritengono più produttivo soffermarsi sulle esigenze di fondo poste oggi ai pubblici poteri dal patrimonio culturale e sulle linee che, in positivo, possono incardinare, ordinare ed avviare un processo di concludente collaborazione.



2. Il problema da affrontare e le responsabilità dei pubblici poteri; un sistema di governo pluralista ed integrato è una necessità.



La rilevanza del patrimonio culturale (oggi contemplato dall’art. 2, c. 1, del Codice) nasce e si sviluppa in un primo arco di tempo,come noto, in riferimento a due beni (il bene oggi “culturale,”, art. 2, c. 2; e quello oggi “paesaggistico”, art. 2, c. 3) considerati separatamente (dalle due leggi – senza andare troppo indietro – n. 1089 e n. 1497 del 1939) ed identificati attraverso una funzione (un’esigenza di pubblico interesse) in sé omogenea, ma parziale (la tutela come mera individuazione-conservazione), a sua volta isolata da altri bisogni e da altri interessi pubblici pur presenti nel contesto in cui il bene si colloca o di cui è palese forma espressiva: si pensi al paesaggio. Nel contempo l’accentramento politico ed amministrativo dell’assetto del pubblico potere, riassunto ed organizzato nello Stato, è ad un tempo causa ed effetto di quelle concezioni e delle loro traduzioni istituzionali.

Con la Costituzione del 1948 (art. 9, sui beni paesaggistici e culturali come valori affidati alla Repubblica; art. 5 sulle autonomie locali, e artt. 114 e seguenti); con le esperienze maturate attraverso le prassi istituzionali e le politiche di intervento, ai vari livelli, centrale e locale; con l’evoluzione delle scienze, delle tecniche, dei canoni storici e sociali di immaginazione, percezione ed individuazione del bene e del patrimonio culturale; con la moltiplicazione degli interessi, dei bisogni e delle opportunità sociali; con la continua emersione dei loro reciproci intrecci e condizionamenti; e infine con la riforma del Titolo V, si innesca e progredisce un processo circolare che muove in senso opposto. La struttura pluralista dei poteri pubblici e la crescita civile e sociale contribuiscono a scoprire ed a valorizzare la intrinseca dimensione “locale” come complemento essenziale del patrimonio culturale. A sua volta, l’accrescimento degli aspetti di rilevanza del bene (non solo la tutela, ma la valorizzazione, la fruizione, ecc.) legittima la pretesa ad una conformazione effettivamente pluralista dell’assetto (non più del potere pubblico, ma) dei pubblici poteri.

Di tutto questo vi sono, sul piano soggettivo, una diffusa consapevolezza e, sul piano oggettivo, un’evidente riprova. La fase di emersione delle ragioni della complessità e dei suoi aspetti si può sostanzialmente ritenere, almeno per un suo ciclo, conclusa. Il patrimonio culturale si è rivelato come un oggetto di (potenzialmente) illimitata consistenza e ricchezza e propone un altrettanto illimitato bisogno di conoscenza, di classificazione, di catalogazione. Ma non vi è istituzione alcuna che possa pensare di farvi fronte da sola. Il pluralismo, dunque, non è più un’opzione politica o giuridica, è, innanzitutto e comunque, una necessità. Da qui si deve ripartire. Stato, regioni, enti locali, hanno - oggi - il compito di prenderne definitivamente atto e di progettare e di praticare un livello ulteriore, delineando un’architettura che sappia sollecitare, promuovere ed ordinare l’iniziativa e l’inventiva dei tanti protagonisti. E’ il momento, per i pubblici poteri, di creare un sistema di governo e di amministrazione fondato sull’integrazione delle diversità, come già segnalato nel documento approvato in vista della formazione del Codice (Conferenza dei Presidenti delle regioni e delle province autonome, 8 maggio 2003), e dunque di trovare misure di unità non amputando ma valorizzando e portando a compimento i vari aspetti di rilevanza del patrimonio culturale alla luce della sua intrinseca ed unitaria “missione”: la realizzazione dell’uso pubblico, nelle sue anch’esse molteplici e differenti forme.



3. La situazione determinatasi a seguito del Codice: un’incertezza da risolvere rapidamente.



Il Codice prende atto dell’esigenza di provvedere alla ricomposizione dei vari aspetti della rilevanza del bene. La conferma è nell’introduzione della categoria di genere (il “patrimonio culturale”), nella previsione di principi ad essa relativi, nella precisazione delle funzioni concernenti il bene culturale e delle loro connessioni.

Diversa è la situazione per quanto riguarda l’assetto dei pubblici poteri e la distribuzione delle funzioni e delle competenze. Il Codice contiene importanti prescrizioni, che, in termini generali, si fanno carico della presenza delle regioni e degli altri enti territoriali, a cominciare dall’art. 1. Ma vi è anche la conferma di uno schema, teorico ed operativo, che consolida una duplice preliminare separazione: la separazione concernente la tutela dei beni culturali, attraverso la prevalente intestazione allo stato, e quella concernente la valorizzazione, quando si tratta di beni statali. A queste riserve, si aggiungono, a fini di bilanciamento, numerose previsioni che aprono a forme di accordo, di intesa, di cooperazione fra stato, regioni, altri enti territoriali (in specie gli artt. 4 e 5, per la tutela e gli art. 102 e 112 per la fruizione e la valorizzazione).

Il punto non risulta univocamente interpretabile, ma è centrale, perché incide o può incidere sull’intero sistema. Ne può derivare una linea tale da far arretrare il faticoso percorso volto a cogliere la dimensione unitaria del bene culturale come oggetto di cura dei pubblici poteri e da determinare una tensione contraddittoria all’interno dello stesso Codice, che, in relazione all’altra specie di beni inquadrata nel patrimonio culturale, quella paesaggistica, presenta un impianto ben diverso. Oppure si possono elaborare e sviluppare quegli elementi che consentono di fare limitati ma essenziali passi avanti verso un sistema realmente pluralista e perciò anche efficiente.

Peraltro, la direzione da imboccare già discende da quanto osservato (§ 1) e da quanto suggeriscono ulteriori specifici dati costituzionali. La Costituzione stessa, infatti, registra la possibile inadeguatezza dello schema di ripartizione in via generale da essa medesima prescritto (l’esclusiva statale sulla tutela) dove prevede la possibilità di forme speciali di autonomia (art. 116, c.3) ed in particolare dove espressamente indica “forme di intesa e di coordinamento nella materia della tutela dei beni culturali” (art. 118, c. 3). In realtà, dunque, i pubblici poteri sono tenuti ad adottare una prospettiva capace di costruire un sistema pluralista ed integrato.



4. Protagonisti, strumenti e modi: a) premesse generali



I protagonisti naturali non possono che essere regioni ed enti locali. I soggetti portatori delle istanze di autonomia, per forza di cose (di coerenza e di credibilità), hanno l’onere di promuovere e di attivare l’attività volta alla costruzione della trama di cui vi è bisogno.

Quanto a strumenti e modi, dinanzi alle possibili non univoche versioni del sistema desumibile dal Codice (sopra § 2) e dinanzi ai rischi presenti pur nella positiva novità della varie figure di accordi (su cui subito sotto), vengono in evidenza due esigenze.

La prima comporta la definizione di alcuni principi generali e di alcune invarianti dell’iniziativa regionale, per dare un primo contenuto alle linee con cui le regioni interpretano, in modo comune e coordinato, l’intero sistema ed il loro ruolo: una sorta di agile ma significativo codice di comportamento, pubblico ed impegnativo. Su questo e con questo saranno chiamate a confrontarsi le altre istituzioni ed in specie lo stato, che, in applicazione del principio di leale collaborazione, dovrà essere sollecitato, in modo costante e propositivo, a fare quanto di sua spettanza per completare il quadro delle condizioni istituzionali, normative e materiali che occorrono per una attuazione corretta dell’intervento pubblico.

Una seconda esigenza riguarda l’utilizzazione delle forme convenzionali e di cooperazione. Accordi e intese hanno ormai da tempo cittadinanza in generale (si ricordi l’art. 15 legge n. 241/1990). Nel settore in esame finiscono per avere un ruolo essenziale per integrare, ricomporre, coordinare le funzioni ed il loro esercizio al di là della loro astratta ripartizione fra gli enti, come in più punti previsto dal Codice (oltre alle norme già ricordate, si possono vedere gli artt. 17, 18, 29, 40, 103, 118, 119, 121). Accordi, intese, forme di cooperazione, però, di per sé, automaticamente, non garantiscono il conseguimento di ciò che si vuole ottenere; possono anche prendere una direzione opposta e trasformarsi in fattori di ulteriore frantumazione dell’intervento pubblico in misure contingenti, solitarie, meccaniche, prive di respiro e di strategie, e perciò più facilmente esposte a pressioni particolaristiche. E’ un esito da evitare. Il mezzo è la creazione di un contesto, di una rete, in cui inserire ed a cui agganciare gli accordi. Questa condizione è in parte certamente realizzata attraverso la individuazione e condivisione dei principi comuni di cui subito sopra, ma, per un’altra (e conseguente) parte, necessita di appositi criteri concernenti il ricorso alle forme consensuali ed i loro contenuti.



5. Segue: b) principi e modelli per l’intervento pubblico



Adeguati principi generali comuni a cui dovrebbero ispirarsi la strutturazione ed i contenuti dell’intervento pubblico, a seconda delle varie competenze, sono sicuramente i seguenti:

a) integrazione del quadro istituzionale, attraverso una maggiore ricomposizione delle funzioni: per quanto possibile, l’esercizio delle funzioni e delle attività deve essere ricomposto in testa alle strutture più adeguate, per ragioni istituzionali, territoriali, tecniche, ecc.;

b) consapevolezza del carattere di “situità” del bene del patrimonio culturale e dunque valorizzazione della dimensione territoriale come ambito di riferimento dei progetti e di partecipazione alla definizione e realizzazione degli stessi, nonché di integrazione delle competenze;

c) essenzialità della funzione conoscitiva, in termini di individuazione dei dati rilevanti dal punto di vista della dimensione unitaria del bene culturale e del patrimonio culturale;

d) costituzione di forme di raccordo sistematico con le Università e con le istituzioni di ricerca;

e) idoneità tecnica del personale e delle strutture organizzative, quale che sia il tipo di funzione (tutela, valorizzazione, gestione, ecc.): il patrimonio culturale è da sempre stato oggetto di un intervento pubblico organizzato attraverso strutture specialistiche, che anzi sono un contrassegno determinante del modello; la professionalità e l’autonomia tecnico-scientifica del personale addetto e dei tipi organizzativi con cui esso è strutturato (come già segnalato nel citato documento ella Conferenza dei Presidenti) costituiscono dunque un elemento che condiziona (nella realtà, prima ancora che dal punto di vista giuridico) sia il recupero della dimensione unitaria del bene culturale sia ogni possibilità di intervento; si dovrà dunque procedere lungo la strada indicata dall’art. 115, c. 2, a proposito della gestione diretta, ed anzi trarne motivo per elaborare principi e regole di assicurare la qualità tecnico-scientifica dell’intervento pubblico in ogni suo segmento

f) congruità fra i livelli di governo e di amministrazione ed il contenuto della funzione e dell’interesse rappresentato: si deve evitare di concentrare nella medesima istituzione o nella medesima entità organizzativa compiti fra loro intrinsecamente confliggenti;

g) costruzione e programmazione dell’intervento, specie per quanto riguarda la gestione, su basi territoriali e tecnico-materiali adeguate;

h) valorizzazione dell’apporto dei privati, singoli e associati, il che significa anche elaborazione di regole e di strumenti in grado di conoscere e di verificare un sistema di intervento che assume la normalità di una presenza privata;

i) determinazione delle garanzie di qualità dei soggetti che aspirano ad essere protagonisti della gestione indiretta: è un compito di particolare rilievo per il legislatore regionale, anche per coerenza con quanto enunciato sopra sub h);

l) trasparenza e verificabilità: il tema riguarda le modalità di programmazione e di impiego delle risorse e la promozione di sistemi e di strumenti volti a favorire la conoscibilità, ad opera dell’opinione pubblica, dell’effettivo funzionamento del sistema, compresa la parte eventualmente impersonata dai privati, singoli o associati.



6. Segue: c) accordi, intese, convenzioni, ecc.



6. 1. Partecipazione dei poteri regionali e locali alle attività di tutela



Per soddisfare le esigenze in precedenza enunciate (n. 1 e n. 2) l’esercizio di alcune funzioni in tema di tutela deve essere conferito alle regioni. Lo spazio ed il rilievo attribuiti dal Codice alla tutela tendono a condizionare fortemente gli altri aspetti di rilevanza del bene culturale. Dunque, ulteriori spostamenti verso l’amministrazione regionale sono una condizione essenziale per impedire che, nei fatti, torni ad essere totalizzante una (pur nei principi rifiutata) logica della separazione-estraneità delle competenze e degli interessi pubblici. Occorre dunque passare all’applicazione di quanto disposto dagli articoli 4 e 5 del Codice.

In particolare, si dovrà provvedere ad una specificazione:

a) dei possibili contenuti degli accordi e delle forme di coordinamento, anche con specifico riferimento alla vigilanza (art. 18) ed alle ipotesi di intervento regionale;

b) degli elementi di collegamento con i profili e con le linee di intervento previste dal Codice in relazione ai beni paesistici;

c) della partecipazione delle regioni e degli enti locali, con risorse proprie e con risorse dell’Unione europea, all’attività di conservazione e della loro conseguente legittimazione alla verifica dell’interesse dei beni culturali oggetto degli interventi conservativi; e ciò anche in riferimento all’art. 29 Cod.;

d) delle modalità attraverso cui sono chiamati a cooperare gli enti locali;

e) del trasferimento di personale e di risorse finanziarie;

f) di clausole tipo in ordine alle possibilità di recesso, ai meccanismi (sanzionatori e procedurali) in funzione di reciproca garanzia, ai tempi di esecuzione;

g) di criteri e regole tali da agevolare una tempestiva ed organica conoscibilità delle forme consensuali e, ancor prima, delle procedure e dei contatti a tal fine avviati.



6.2. Funzioni conoscitive: catalogo e sistemi informativi.



La funzione conoscitiva è non solo fondamentale (come detto), ma anche indivisibile. Essa non sopporta frantumazioni, omissioni o separazioni né in ragione dei molteplici aspetti di rilevanza del bene culturale né in ragione del pluralismo delle istituzioni. Le attività di catalogazione ed il catalogo, inteso come il luogo nel quale confluiscono le informazioni acquisite mediante l’attività di ricerca sui beni culturali e dove queste informazioni sono costantemente aggiornate ed elaborate, presuppongono perciò un contesto ed un sistema unitario, quale che sia la loro (maggiore o minore) incidenza in materia di tutela, di valorizzazione, di fruizione, ecc., e debbono essere concepite e predisposte come un indispensabile servizio (il “quadro conoscitivo”) per il coordinamento e l’integrazione degli interventi statali, regionali e locali, oltre che come un elemento di rilievo per la stessa iniziativa dei privati e per la definizione in concreto dei rapporti fra attività pubbliche ed attività private.

Oltre alle previsioni di cui all’art.17 del D.Lgs. 42/2004, la necessità dell’intervento regionale è espressamente prevista in materia di beni paesaggistici dall’art. 132 Cod. (Osservatorio nazionale ed osservatori regionali per la qualità del paesaggio), ma ciò è da considerare anche come riconoscimento di un’esigenza concernente tutto il patrimonio culturale, a ulteriore riprova della sua unitarietà.

L’obiettivo di un sistema nazionale del catalogo fondato su cataloghi regionali, già indicato dall’accordo Stato-Regioni del 2001, deve essere dunque confermato ed attuato, utilizzando anche le nuove disposizioni del Codice, e ponendo attenzione alla necessità di uno strumento conoscitivo per l’insieme del patrimonio culturale.



6.3. Fruizione, valorizzazione, gestione.



Fruizione e valorizzazione sono attribuite alla competenza statale e regionale. La valorizzazione, peraltro, segue anch’essa, per una parte, il principio della separazione, in linea con gli enunciati della corte Costituzionale (sent. n. 26/2004).

E’ evidente la necessità di forme di ricomposizione e di integrazione, da realizzare attraverso accordi e intese che il Codice stesso, in specie agli artt. 102 e 112, provvede ad indicare, anzi a rendere in qualche modo sostanzialmente doverose (art. 112, c. 5). Di questi accordi possono essere parti lo stato, le regioni, gli altri enti territoriali, ed anche i privati, cosicché vengono ancor più in luce i rischi e le esigenze segnalate al precedente § 6.1.

In particolare, si debbono perciò:

a) preliminarmente definire i criteri generali e le procedure previste dal c. 6 dell’art. 112, il che consentirà di predeterminare modi e forme di integrazione con i privati, in applicazione di uno dei più generali principi in precedenza elencati (§ 5);

b) progettare, programmare e specificare, mediante apposite previsioni ed anche con graduazione temporale, quei trasferimenti che, ai sensi dell’art. 102, in relazione alle condizioni reali di singoli “istituti e luoghi di cultura”, consentano integrazioni proficue dal punto di vista della funzione essenziale ed unitaria del bene culturale, che è la sua destinazione all’uso pubblico.

Separata attenzione meritano gli accordi in punto di gestione, di cui all’art. 115, c. 7, anch’essi da considerare nel complesso del quadro di collaborazione con lo Stato.



7. Nota finale: un programma di lavoro.



In ragione di quanto sopra esposto, le regioni chiedono al Ministero l’apertura di un tavolo di lavoro, sul modello di quello a suo tempo attivato per la definizione degli standard per i musei ai sensi del comma 6 dell’Art. 150 del Dlgs. 112/98, al fine di definire regole e standard condivisi fra lo Stato e le Autonomie, in materia di tutela dei beni culturali, di catalogazione, ai quali improntare l’esercizio delle funzioni eventualmente assegnate, tramite accordi o intese, al sistema delle Autonomie. E’ ugualmente urgente avviare un confronto sull’attuazione delle previsioni di cui all’Art. 102 del D.lgs 42/2004, relativo al trasferimento della disponibilità di istituti e luoghi della cultura, dallo Stato al sistema degli enti locali

Il confronto fra Stato e regioni in sede centrale non potrà tuttavia prescindere, laddove possibile e opportuno, dalla sperimentazione, nelle singole realtà regionali, di concreti percorsi operativi in ambito regionale. Le regioni sono infatti, in relazione alle loro competenze ed al ruolo ad esse complessivamente spettante, il soggetto istituzionale in grado di garantire da un lato la promozione ed il coordinamento delle iniziative e, dall’altro, effettive misure di indirizzo e di governo, capaci di evitare la frammentazione e la sterilità delle singole esperienze. E’ questa la strada da percorrere per perseguire l’obiettivo della costruzione di un sistema nazionale di governo dei beni e del patrimonio culturale, costituito da sistemi regionali.



http://www.regioni.it/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news