LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IV Commissione - n.153 - governo del territorio
2005-01-25

IV Commissione - Resoconto di marted 25 gennaio 2005

SEDE CONSULTIVA
Marted 25 gennaio 2005. - Presidenza del vicepresidente Roberto LAVAGNINI. - Interviene il sottosegretario di Stato per la difesa Giuseppe Drago.

La seduta comincia alle 14.10.

Ratifica dell'Accordo di cooperazione Italia-Russia sullo smantellamento dei sommergibili nucleari radiati dalla marina militare russa e sulla gestione sicura dei rifiuti radioattivi e del combustibile nucleare esaurito.
C. 5432 Governo.
(Parere alla III Commissione).
(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame del provvedimento in oggetto.

Roberto LAVAGNINI, presidente, in sostituzione del relatore, ricorda che La Commissione Difesa chiamata ad esprimere il proprio parere alla Commissione Affari esteri sul disegno di legge recante ratifica dell'accordo di cooperazione Italia-Russia sullo smantellamento dei sommergibili nucleari radiati dalla marina militare russa e sulla gestione sicura dei rifiuti radioattivi e del combustibile nucleare esaurito.
Nel corso degli anni '90 Stati Uniti, Federazione russa, Unione europea, Giappone e Canada hanno fattivamente collaborato per mettere in sicurezza, smantellare e distruggere gli arsenali nucleari, chimici e biologici, unitamente ai loro vettori ed alle infrastrutture collegate.
Nel giugno 2002, in occasione del Vertice G8 di Kananaskis (Canada), stata lanciata l'iniziativa chiamata Global Partnership contro la diffusione delle armi di distruzione di massa. Al Vertice di Kananaskis i Paesi del G8 si sono impegnati ad investire, nell'arco di dieci anni, la somma complessiva di 20 miliardi di dollari USA per fronteggiare e ridurre la minaccia causata dalla proliferazione delle armi di distruzione di massa e, in particolare, per prevenire il rischio che gruppi terroristici o loro fiancheggiatori possano acquisire o sviluppare sia armi nucleari, chimiche, radiologiche o biologiche, che i relativi vettori, equipaggiamenti materiali e tecnologie.
Ogni Paese ha la responsabilit fondamentale di rispettare ed attuare i propri obblighi nei settori della non proliferazione, del disarmo, della lotta al terrorismo e nel settore della sicurezza nucleare, assicurando la propria collaborazione con le iniziative dei partner sulla base delle priorit individuate congiuntamente.
Anche nella Strategia dell'Unione europea contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa, adottata dal Consiglio europeo il 12 dicembre 2003, la cosiddetta Riduzione cooperativa della minaccia indicata come una delle componenti principali, con l'obiettivo di contribuire al disarmo ed alla non proliferazione attraverso il miglioramento del controllo e della sicurezza dei materiali, delle infrastrutture e delle tecnologie sensibili.
L'Italia ha attivamente partecipato alle attivit connesse alla Riduzione cooperativa della minaccia sin dalle sue prime battute. Lo sforzo fin qui intrapreso da parte italiana ha riguardato le due aree d'intervento prioritarie previste dalla Global Partnership: la distruzione delle armi chimiche e lo smantellamento dei sottomarini nucleari della flotta russa del Nord, ritirati dal servizio e le attivit collegate, relative, in particolare, alla gestione sicura dei rifiuti radioattivi e del combustibile nucleare esaurito proveniente da tali unit. Dopo una trattativa con i Ministeri degli esteri e dell'energia atomica (MINATOM) della Federazione russa il 5 novembre 2003, stato firmato a Roma un Accordo di cooperazione nel campo dello smantellamento dei sottomarini nucleari che prevede un impegno economico per l'Italia di 360 milioni di euro in un periodo di 10 anni.
Segnala, quindi, i principali articoli dell'Accordo.
L'articolo 1 indica il massimale complessivo di spesa per il programma di cooperazione, pari a 360 milioni di euro, e l'arco temporale delle attivit, pari a 10 anni.
Nel successivo articolo 2 vengono indicati i campi di intervento della cooperazione:
smantellamento dei sommergibili nucleari, navi con impianti ad energia nucleare, e navi per la manutenzione nucleare;
riprocessamento/trattamento, trasporto, stoccaggio e deposito dei rifiuti radioattivi e del combustibile nucleare esaurito;
creazione e mantenimento di un sistema di protezione fisica dei siti nucleari;
bonifica dei siti contaminati da sostanze radioattive;
creazione e mantenimento di una infrastruttura per lo smantellamento dei sommergibili nucleari, la gestione dei rifiuti radioattivi e del combustibile nucleare esaurito e la bonifica dei siti contaminati da sostanze radioattive.

L'articolo 3 individua gli organi competenti per l'attuazione dell'Accordo, che sono il Ministero delle attivit produttive, per la Parte italiana, e il MINATOM, per la Parte russa.
La SOGIN stata incaricata dal Ministero delle attivit produttive di provvedere al coordinamento generale ed allo svolgimento delle attivit amministrative e operative, finalizzate alla realizzazione dei progetti.




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 38

--------------------------------------------------------------------------------


L'articolo 4 prevede la costituzione di un Comitato direttivo, a livello governativo, formato da due rappresentanti per ognuna delle due Parti, avente lo scopo di favorire la cooperazione, vigilare sull'andamento complessivo dell'Accordo, approvare i singoli progetti che verranno selezionati e dirimere eventuali controversie. I progetti approvati dal Comitato direttivo, ai sensi dell'articolo 5, saranno realizzati in base a specifici accordi esecutivi e contratti, che verranno stipulati dal committente russo e da un fornitore principale scelto di comune accordo in base ad una gara, conformemente alla legislazione, alle norme ed alle regole della Federazione russa.
L'articolo 7 di fondamentale importanza per l'operativit dell'Accordo, in quanto richiede che la Parte russa, oltre ad assicurare la tempestiva emissione di licenze e di permessi ed a fornire tutti i dati e le informazioni necessari per l'attuazione dei singoli progetti, consenta l'accesso ai siti in cui verranno realizzati i progetti. Nel caso di siti ad accesso limitato verranno poste in atto procedure reciprocamente accettabili.
L'articolo 8 stabilisce che la Parte russa tenuta a presentare, su richiesta della Parte italiana, la contabilit di tutti i mezzi finanziari ricevuti, fermo restando che la Parte italiana pu effettuare un controllo diretto, se possibile nei luoghi stessi dove l'assistenza viene fornita o utilizzata, per un periodo di sette anni a partire dalla conclusione di ogni progetto.
L'articolo 11 prevede che la parte russa esenter l'assistenza fornita nell'ambito del presente Accordo, da qualsiasi imposizione fiscale.
La responsabilit civile per il danno nucleare di cui all'articolo 12 dell'Accordo, formulata in modo tale da fornire sufficienti garanzie in materia. Si precisa, infatti, che, salvo il caso di azioni od omissioni premeditate volte a procurare lesioni o danni, la Parte russa non avanzer richieste di indennizzo, n promuover alcuna azione giudiziaria nei confronti della Parte italiana per perdite o danni di qualsiasi natura arrecati alle propriet della Federazione russa, come risultato delle attivit realizzate nell'ambito dell'Accordo.
A suo avviso, l'Accordo non appare presentare profili problematici dal punto di vista delle competenze della Commissione Difesa.
Pertanto, formula una proposta di parere favorevole sul testo del provvedimento.

Il sottosegretario Giuseppe DRAGO, nel ricordare che l'Accordo stato sottoscritto dall'Italia da oltre un anno, segnala la necessit di pervenire alla sua ratifica nel pi breve tempo possibile.

Silvana PISA (DS-U) chiede di rinviare il seguito dell'esame dell'Accordo, al fine di poterne approfondire i contenuti.

Roberto LAVAGNINI, presidente, considerata la richiesta del deputato Pisa, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

Governo del territorio.
Testo unificato C. 153 Bossi ed abb.
(Parere all'VIII Commissione).
(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame del provvedimento in oggetto.

Roberto LAVAGNINI, presidente, in sostituzione del relatore, ricorda che la Commissione Difesa chiamata ad esprimere il proprio parere alla Commissione ambiente sul testo unificato in materia di governo del territorio.
Rileva che il governo del territorio rientra tra le materie della legislazione concorrente Stato-regioni, per le quali l'articolo 117, terzo comma, della Costituzione attribuisce alle regioni la potest legislativa, salva la determinazione dei principi fondamentali da parte della legislazione statale.
Il presente provvedimento, in adempimento dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione, stabilisce i citati principi




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 39

--------------------------------------------------------------------------------

fondamentali, fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano, previste dai relativi statuti e norme di attuazione, nonch le disposizioni del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo n. 42 del 2004.
Secondo il presente testo unificato il governo del territorio consiste nell'insieme delle attivit conoscitive, valutative, regolative, di programmazione, di localizzazione e di attuazione degli interventi, nonch di vigilanza e di controllo, volte a perseguire la tutela e la valorizzazione del territorio, la disciplina degli usi e delle trasformazioni dello stesso e la mobilit in relazione a obiettivi di sviluppo del territorio. Il governo del territorio comprende altres l'urbanistica, l'edilizia, i programmi infrastrutturali, la difesa del suolo, nonch la cura degli interessi pubblici funzionalmente collegati a tali materie, con esclusione della tutela dei beni culturali e del paesaggio.
La potest legislativa in materia di governo del territorio spetta alle regioni, ad esclusione degli aspetti direttamente incidenti:
sull'ordinamento civile e penale;
sulla tutela dei beni culturali e del paesaggio;
sulla tutela della concorrenza;
sulla garanzia di livelli uniformi di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema.

Per quanto riguarda i profili di competenza della Commissione difesa, segnala che l'articolo 2, comma 4, relativamente alle funzioni di competenza dello Stato, stabilisce che Sono altres esercitate dallo Stato le funzioni relative al governo del territorio, in ordine alle esigenze di tutela delle competenze istituzionali delle Forze armate e delle Forze di polizia per l'espletamento delle attivit operative ed infrastrutturali, per la difesa nazionale e per la gestione dell'ordine e della sicurezza pubblica, nonch delle competenze istituzionali del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, anche in relazione allo svolgimento delle attivit di difesa civile e delle competenze per la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, da definire con il metodo della cooperazione, mediante intese, accordi procedimentali e comitati paritetici per la concertazione in materia di territorio fra i diversi soggetti istituzionali.
La disposizione volta a tutelare le esigenze operative ed infrastrutturali sul territorio delle Forze armate e delle Forze di polizia, per l'espletamento delle funzioni di competenza espressamente richiamate alle lettere d) ed h) del secondo comma dell'articolo 117, della Costituzione, che attribuiscono alla competenza legislativa esclusiva dello Stato, rispettivamente, le materie della difesa e delle Forze armate nonch quelle dell'ordine pubblico e della sicurezza.
In proposito, osserva che l'articolo 1, comma 3, non esclude dalla competenza legislativa regionale gli aspetti direttamente incidenti sulla difesa, sulle Forze armate, sull'ordine pubblico e sulla sicurezza che, invece, ai sensi dell'articolo 2, comma 4, rientrano tra i compiti e le funzioni dello Stato.
Pertanto, al fine di stabilire la necessaria corrispondenza tra le funzioni legislative attribuite allo Stato e i compiti e le funzioni svolte dallo Stato stesso in materia di governo del territorio, appare necessario coordinare il comma 3 dell'articolo 1 con il comma 4 dell'articolo 2, escludendo dalla potest legislativa regionale anche gli aspetti direttamente incidenti sulla difesa, sulle Forze armate, sull'ordine pubblico e sulla sicurezza.
In conclusione, formula una proposta di parere favorevole (vedi allegato).

Il sottosegretario Giuseppe DRAGO, concorda.

Filippo ASCIERTO (AN), nel preannunciare il voto favorevole del suo gruppo sulla proposta di parere favorevole del relatore, condivide pienamente l'esigenza di escludere espressamente dall'ambito della competenza legislativa delle regioni gli aspetti direttamente incidenti sulla difesa,




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 40

--------------------------------------------------------------------------------

sulle Forze armate, sull'ordine pubblico e sulla sicurezza, al fine di evitare possibili equivoci in sede di applicazione del provvedimento.

Silvana PISA (DS-U) chiede di rinviare il seguito dell'esame del provvedimento, al fine di poterne approfondire i contenuti.

Roberto LAVAGNINI, presidente, considerata la richiesta del deputato Pisa, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 14.30.


ATTI DEL GOVERNO
Marted 25 gennaio 2005. - Presidenza del vicepresidente Roberto LAVAGNINI. - Interviene il sottosegretario di Stato per la difesa Giuseppe Drago.

La seduta comincia alle 14.30.

Proposta di nomina dell'ammiraglio di squadra in ausiliaria Mario Maguolo a vicepresidente della Lega navale italiana.
Nomina n. 129.
(Esame, ai sensi dell'articolo 143, comma 4, del regolamento, e rinvio).

La Commissione inizia l'esame della proposta di nomina all'ordine del giorno.

Roberto LAVAGNINI (FI), presidente e relatore, ricorda che l'articolo 1 della legge 24 gennaio 1978, n. 14 stabilisce che: Il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Consiglio dei Ministri ed i singoli Ministri, prima di procedere, secondo le rispettive competenze, a nomine, proposte o designazioni di presidenti e vicepresidenti di istituti e di enti pubblici, anche economici, devono richiedere il parere parlamentare previsto dalla presente legge.
Con lettera in data 20 dicembre 2004, il Ministro della difesa ha trasmesso, ai sensi del predetto articolo 1, la proposta di nomina dell'ammiraglio di squadra in ausiliaria Mario Maguolo a vicepresidente della Lega navale italiana.
La Lega Navale italiana, fondata a La Spezia nel 1897 ed eretta in Ente morale con regio decreto del 28 febbraio 1907, n. XLVII, una associazione apolitica, senza finalit di lucro, che riunisce i cittadini italiani che volontariamente intendono perseguire gli scopi enunciati dallo Statuto approvato con decreto del Ministro della difesa, emanato di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti il 20 marzo 2003. L'associazione ha sede a Roma.
La Lega Navale italiana ha lo scopo di diffondere nel popolo italiano, in particolare fra i giovani, lo spirito marinaro, la conoscenza dei problemi marittimi, l'amore per il mare e l'impegno per la tutela dell'ambiente marino e delle acque interne, e di promuovere la partecipazione dei cittadini allo sviluppo ed al progresso di tutte le forme di attivit nazionali che hanno nel mare il loro campo ed il loro mezzo di azione.
La Lega Navale italiana sviluppa le iniziative promozionali, culturali, naturalistiche, ambientalistiche, sportive e didattiche idonee al conseguimento degli scopi dell'Associazione; promuove e sostiene la pratica del diporto e delle altre attivit nautiche; promuove e sviluppa inoltre corsi di formazione professionale nel quadro della vigente normativa, anche di concerto con le amministrazioni pubbliche centrali e periferiche, con le Federazioni sportive del C.O.N.I. e le Leghe Navali marittime straniere. Gli organi collegiali centrali della Lega Navale italiana sono: l'Assemblea generale dei soci, il Consiglio direttivo nazionale, il Collegio dei revisori dei conti ed il Collegio dei probiviri.
Il Consiglio direttivo nazionale costituito dal Presidente nazionale, che lo presiede, dal Vicepresidente nazionale, da un rappresentante del Ministero della difesa ed uno del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; infine, da nove rappresentanti delle Sezioni, eletti secondo le modalit stabilite dal regolamento, in modo da rappresentare un'equa rappresentanza




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 41

--------------------------------------------------------------------------------

regionale. I membri del Consiglio direttivo nazionale durano in carica tre anni e possono essere riconfermati una sola volta.
Il Consiglio direttivo nazionale adotta le deliberazioni previste dalle leggi e dai regolamenti vigenti per gli enti pubblici e quelle necessarie per l'attuazione delle linee programmatiche stabilite dall'Assemblea generale dei soci. Delibera inoltre sugli argomenti assegnati alla sua competenza dallo Statuto e dal relativo regolamento.
La Lega Navale italiana retta dal Presidente nazionale, che ne ha la rappresentanza legale; egli convoca e presiede il Consiglio direttivo nazionale, emana le direttive per l'attuazione delle deliberazioni dell'Assemblea generale dei soci e del Consiglio direttivo nazionale e compie gli atti a lui demandati dallo Statuto e dal regolamento o, per delega, dal Consiglio direttivo nazionale.
Il Vicepresidente nazionale sostituisce il Presidente, in caso di sua assenza o impedimento. Il Vicepresidente, come il Presidente, dura in carica tre anni e pu essere riconfermato una sola volta.
Infine, nell'osservare come l'Ammiraglio Maguolo svolga per la prima volta l'incarico di Vicepresidente, illustra brevemente il suo curriculum.
Propone quindi di esprimere parere favorevole sulla proposta di nomina.

I deputati Santino Adamo LODDO (MARGH-U) e Silvana PISA (DS-U) concordano.

Nessun altro chiedendo di intervenire, Roberto LAVAGNINI, presidente, dichiara conclusa la discussione sulla proposta di nomina in esame e rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

Proposta di nomina dell'ammiraglio di squadra in ausiliaria Marcello De Donno a presidente della Lega navale italiana.
Nomina n. 130.
(Esame, ai sensi dell'articolo 143, comma 4, del regolamento, e rinvio).

La Commissione inizia l'esame della proposta di nomina all'ordine del giorno.

Roberto LAVAGNINI (FI), presidente e relatore, ricorda che, con lettera in data 28 dicembre 2004, il Ministero dei rapporti con il Parlamento della difesa ha trasmesso, ai sensi del predetto articolo 1, la proposta di nomina dell'ammiraglio di squadra in ausiliaria Marcello De Donno a Presidente della Lega navale italiana.
Fermo restando quanto in precedenza illustrato riguardo alla struttura ed all'attivit della Lega Navale italiana, ricorda che, ai sensi del relativo Statuto, il Presidente dura in carica tre anni e pu essere riconfermato una sola volta. Per l'Ammiraglio De Donno si tratta del primo incarico.
Infine, nell'osservare come l'Ammiraglio De Donno svolga per la prima volta l'incarico di Vicepresidente, illustra brevemente il suo curriculum.
Propone quindi di esprimere parere favorevole sulla proposta di nomina.

I deputati Santino Adamo LODDO (MARGH-U) e Silvana PISA (DS-U) concordano.

Nessun altro chiedendo di intervenire, Roberto LAVAGNINI, presidente, dichiara conclusa la discussione sulla proposta di nomina in esame e rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 14.45.


AVVERTENZA

Il seguente punto all'ordine del giorno non stato trattato:


SEDE REFERENTE

Delega al Governo per l'adozione di misure e strumenti operativi per la tutela sanitaria dei militari.
(C. 5048 Minniti).



news

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

19-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news