LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

N. 4010 - Progetto di Legge: Ratifica della Convezione europea sul Paesaggio (2000)
0000-00-00

XIV LEGISLATURA


PROGETTO DI LEGGE - N. 4010



--------------------------------------------------------------------------------

Onorevoli Colleghi! - La Convenzione europea del paesaggio, fatta a Firenze il 20 ottobre 2000, rappresenta un passo importante verso la salvaguardia e la promozione degli ideali, dei princpi che sono parte fondamentale dell'identit europea. Segna, infatti, un importante avvicinamento delle istituzioni ai cittadini che chiedono un sempre maggiore coinvolgimento nei processi di trasformazione del territorio, da cui dipende il mantenimento della qualit del "loro specifico ambiente di vita". Qualit che strettamente legata alla percezione che le popolazioni hanno dell'ambiente fisico che le circonda, ovvero il paesaggio. Il paesaggio quindi non solo un elemento concreto e visibile: tra le sue pieghe possibile scorgere molte cose tra cui i segni lasciati da ogni generazione che si succeduta nel tempo e nello spazio, "(...) come il volto di una persona cara, se ti concentri senti di poter entrare nelle rughe, nelle pieghe, nelle espressioni ed allora quel viso ti racconta di s e del suo passato" come scrive Claudio Magris. E' l a raccontarci il nostro passato e a rappresentare un'enorme ricchezza per il nostro futuro. Siepi, viti maritate, colture tipiche, muretti a secco, filari frangivento, terrazzamenti: queste sono le parole che ogni dialetto locale ha saputo trasformare ed adattare al proprio contesto, realizzando nei secoli la pi grande opera per dimensioni e per bellezza, ovvero il paesaggio italiano.
Ed anche e soprattutto al nostro paesaggio che la Convenzione sembra riferirsi quando definisce all'articolo 1 il paesaggio come "parte di territorio, cos come percepita dalle popolazioni il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni", o all'articolo 2 quando definisce il suo campo di applicazione "(...) si applica a tutto il territorio delle parti e riguarda gli spazi naturali, rurali, urbani e periurbani. Essa comprende i paesaggi terrestri, le acque interne e marine. Concerne sia i paesaggi che possono essere considerati eccezionali, sia i paesaggi della vita quotidiana sia i paesaggi degradati".
Una nuova interpretazione che favorisce il superamento di concezioni tradizionali basate sulla divisione tra valori strettamente naturali e valori identitari che spesso, soprattutto nel nostro territorio, si trovano strettamente interconnessi.
Il paesaggio visto sotto questa nuova luce diviene un tema di interesse generale, testimone vivente del nostro passato, realt presente e preziosa risorsa con cui costruire il futuro.
Con la ratifica e l'esecuzione della Convenzione si estende il concetto di paesaggio a tutto il territorio, andando ad interessare, oltre ai paesaggi straordinari, selvaggi o preservati, anche quelli comunemente definiti "ordinari", come i paesaggi urbani, oppure quelli soggetti a fenomeni di forte degrado ambientale, come le porzioni di territorio aggredite dall'abusivismo edilizio, ma anche quelle sottoposte ad una pianificazione inadeguata, priva di qualsiasi criterio qualitativo, che non ha saputo o voluto cogliere i reali valori del territorio che andava a regolamentare. L'assunzione di questo paradigma porta al superamento di quel concetto di tutela passiva per vincoli puntuali (per categorie) che ha caratterizzato per molti anni gli strumenti di controllo del territorio verso un nuovo concetto di tutela innovativa integrata e stratificata estesa a tutto il territorio, articolata in relazione ai diversi paesaggi ma soprattutto ispirata ai princpi di sussidiariet, che innescher dinamiche favorevoli allo sviluppo di nuovi sistemi ed economie locali che faranno della qualit ambientale e del paesaggio il loro prerequisito fondamentale.
Il passaggio verso questo nuovo approccio territoriale potr attingere al nostro grande bagaglio di idee e di esperienze maturate a partire dalla legge Galasso, legge n. 143 del 1985, passando per la fondamentale legge quadro sulle aree protette, legge n. 394 del 1991 e sul grande risultato in termini di gestione del territorio che tale legge ha conseguito, fino ad importanti progetti di valore strategico come il progetto "Appennino Parco d'Europa", che portano l'Italia ad assumere un ruolo di riferimento rispetto ad altri Paesi.
La Convenzione adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa il 19 luglio 2000, aperta alla firma a Firenze il 20 ottobre 2000, firmata da ventiquattro Paesi e ratificata da quattro (Norvegia, Moldova, Irlanda, Svizzera), ancora lontana dalla entrata in vigore essendo necessaria la ratifica di almeno dieci Stati membri del Consiglio d'Europa. Tra gli Stati che non hanno ancora ratificato la Convenzione compare il nostro "Bel Paese", nonostante la Carta costituzionale contempli all'articolo 9, tra i princpi fondamentali, la "(...) tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione".
Riteniamo quindi di notevole importanza per le peculiarit del nostro Paese, la ratifica della Convenzione, auspicando una reale collaborazione tra Stato, regioni ed enti locali nella definizione di un nuovo quadro di riferimento adeguato all'enorme valore del nostro patrimonio territoriale.


XIV LEGISLATURA


PROGETTO DI LEGGE - N. 4010



--------------------------------------------------------------------------------


PROPOSTA DI LEGGE



Art. 1.

1. Il Presidente della Repubblica autorizzato a ratificare la Convenzione europea del paesaggio, fatta a Firenze il 20 ottobre 2000.



Art. 2.

1. Piena ed intera esecuzione data alla Convenzione di cui all'articolo 1 a decorrere dalla data della sua entrata in vigore, in conformit a quanto disposto dall'articolo 13 della Convenzione stessa.



Art. 3.

1. Il Governo delegato ad adottare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, un decreto legislativo al fine di promuovere la salvaguardia, la gestione e la pianificazione dei paesaggi e di organizzare la cooperazione europea in tale ambito, secondo i princpi e criteri direttivi contenuti nella Convenzione di cui all'articolo 1.
2. Il decreto legislativo di cui al comma 1 adottato previo parere delle Commissioni parlamentari competenti e previa intesa acquisita in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.



Art. 4.

1. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge, pari a 150 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2004, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2003-2005, nell'ambito dell'unit previsionale di base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2003, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero per i beni e le attivit culturali.
2. Il Ministro dell'economia e delle finanze autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.



Art. 5.

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

www.camera.it


news

23-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 23 NOVEMBRE 2017

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

Archivio news