LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DISEGNO DI LEGGE RECANTE "LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA"
2004-02-27

(Testo non definitivo)

Articolo 1
(Finalità)

1. In attuazione dell'articolo 9 e nel rispetto del Titolo V della Costituzione, la Repubblica, con la presente legge, promuove e tutela la qualità dell'ideazione e della realizzazione architettonica, cui riconosce particolare rilevanza pubblica.
2. Le Regioni esercitano la propria potestà legislativa concorrente nell’ambito dei principi desumibili dalla presente legge.



Articolo 2
(Definizione)

1. Per qualità architettonica si intende l’esito di un coerente sviluppo progettuale che recepisca le esigenze di carattere funzionale ed estetico poste a base della progettazione e della realizzazione dell’opera e che garantisca il suo armonico inserimento nel paesaggio e nell’ambiente circostante.



Articolo 3
(Principi fondamentali)

1. Per le finalità di cui all'articolo 1, le Amministrazioni pubbliche, nell'ambito delle rispettive competenze, perseguono i seguenti obiettivi:
a) l'incentivazione della qualità del progetto e dell'opera architettonica, con riferimento anche agli interventi di riqualificazione;
b) il ricorso ai concorsi di idee o di progettazione per gli interventi nuovi e di recupero;
c) la partecipazione dei giovani progettisti ai concorsi di idee o di progettazione, anche mediante la previsione nei bandi di una riserva a loro favore di parte dei rimborsi spese destinati ai concorrenti ritenuti meritevoli che non risultino vincitori;
d) l'ideazione e la progettazione di opere di rilevante interesse architettonico;
e) l’individuazione delle opere di architettura contemporanea di particolare valore artistico;
f) la promozione dell'alta formazione e della ricerca;
g) la conservazione, la gestione e la valorizzazione degli archivi di architettura contemporanei.
h) la piena attuazione e valorizzazione del principio di accessibilità quale criterio progettuale

Articolo 4
(Incentivazione della qualità del progetto)

1. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, è istituito, presso il Ministero per i beni e le attività culturali, un Fondo di 3,5 milioni di euro per il finanziamento delle spese per l'espletamento dei concorsi di idee o di progettazione e per l'attività di progettazione delle opere di rilevante interesse architettonico e che siano destinate ad attività culturali o ubicate in aree di interesse storico-artistico o paesaggistico-ambientale.
2. Possono fruire del finanziamento di cui al comma 1, i soggetti pubblici e privati che, non essendovi tenuti, ricorrono a concorso di idee o di progettazione per la realizzazione delle opere.
3. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, d'intesa con il Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, è istituito un comitato tecnico paritetico, con il compito di definire criteri e modalità di utilizzo dei finanziamenti a valere sul Fondo di cui al comma 1.

Articolo 5
(Ideazione e progettazione di opere architettoniche)

1. Il Ministero per i beni e le attività culturali ed il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, per l’ideazione e la progettazione delle opere di propria competenza di rilevante interesse architettonico, ricorrono al concorso di idee o di progettazione. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti comunica i programmi triennali di cui all’articolo 14 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni, alle Soprintendenze competenti, ai fini dell’individuazione delle opere di rilevante interesse architettonico.
2. Le altre Amministrazioni pubbliche, in sede di approvazione del programma triennale previsto dall’articolo 14 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni, individuano le opere per le quali ricorrere al concorso di idee o di progettazione.
3. I Ministeri di cui al comma 1 possono provvedere altresì all’ideazione o alla progettazione delle opere di rilevante interesse architettonico. Gli oneri per lo svolgimento delle procedure restano a carico delle Amministrazioni richiedenti, salvo quanto previsto dall’articolo 4, comma 1.



Articolo 6
(Opere di architettura contemporanea di particolare valore artistico)

1. Il Ministero per i beni e le attività culturali, d’ufficio o su proposta della Regione, della Provincia o del Comune, provvede, sulla base dei criteri e degli standards di qualità definiti con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, d'intesa con il Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, a dichiarare il particolare valore artistico delle opere di architettura contemporanea, anche agli effetti previsti dall'articolo 20, comma 2, della legge 22 aprile 1941, n. 633, e successive modificazioni.
2. La dichiarazione di particolare valore artistico è comunicata all'autore, al proprietario, possessore o detentore dell'opera ed è comunicata al Comune nel cui territorio l'opera è ubicata.
3. Fermo restando quanto disposto dall'articolo 20, comma 2, della legge 22 aprile 1941, n. 633, le modificazioni dell'opera dichiarata ai sensi del comma 1, sono comunicate alle Amministrazioni interessate affinché verifichino se, nonostante le modificazioni progettate o realizzate, permanga il particolare valore artistico. Qualora la verifica si concluda con esito negativo e le modificazioni vengano comunque realizzate, la dichiarazione è revocata.

Articolo 7
(Riconoscimenti ai progetti ed alle opere di qualità architettonica o urbanistica)

1. Possono essere conferiti riconoscimenti ad enti pubblici e soggetti privati che abbiano commissionato, ideato o realizzato progetti ed opero di rilevante interesse architettonico, opere dichiarate di particolare valore artistico, ai sensi dell'articolo 6, o comunque ad iniziative di rilevante qualità architettonica.

Articolo 8
(Contributi economici alle opere di architettura contemporanea)

1. Il contributo in conto interessi di cui all'articolo 43 del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, è concesso anche per i lavori di restauro delle opere architettoniche che siano state dichiarate a norma dell'articolo 6 e realizzate da almeno dieci anni.
2. La revoca della dichiarazione di cui all’articolo 6, comma 3, comporta la restituzione del contributo di cui al comma 1.

Articolo 9
(Pubblicità delle opere di architettura contemporanea)

1. Il Ministero per i beni e le attività culturali e le Regioni curano, anche in via telematica, la predisposizione, l'aggiornamento e l'accessibilità al pubblico degli elenchi delle opere dichiarate ai sensi dell'articolo 6 e dei progetti e delle opere che hanno dato luogo ai riconoscimenti di cui all'articolo 7.
2. Le Regioni istituiscono apposite strutture per lo svolgimento delle attività di cui al comma 1, le quali operano in collaborazione tra loro e con il Centro nazionale per la documentazione e la valorizzazione delle arti contemporanee, di cui all'articolo 1 della legge 12 luglio 1999, n. 237. In particolare, al fine di garantire la più ampia diffusione delle notizie relative alle opere di architettura contemporanea, le Regioni realizzano, nell’ambito del proprio sito informatico, una specifica sezione dedicata alle predette attività, collegata con le strutture regionali e con il Centro nazionale predetti.
3. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, d'intesa con il Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, sono emanate disposizioni specifiche per garantire l’uniformità delle informazioni e dei dati ed il coordinamento delle attività di cui al comma 1.
4. Gli edifici di nuova realizzazione, ovvero che a seguito di interventi di ristrutturazione, siano stati dichiarati ai sensi dell’articolo 6, riportano stabilmente sul prospetto principale, o comunque in modo pubblicamente visibile, l’indicazione del nome del progettista, del committente e dell’esecutore delle opere, nonché della dichiarazione di particolare valore artistico.
5. All'attuazione del presente articolo si provvede con gli ordinari stanziamenti di bilancio.

Articolo 10
(Promozione dell'alta formazione e della ricerca)

1. Il Ministero per i beni e le attività culturali ed il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, mediante intese con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca e sentiti gli ordini professionali competenti, promuovono l'alta formazione finalizzata alla conoscenza e alla diffusione della cultura architettonica.
2. Il Ministero per i beni e le attività culturali ed il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, mediante intese con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, con le Regioni e con gli Enti locali, sentiti gli Ordini professionali competenti, favoriscono l'istituzione e lo sviluppo di insegnamenti scolastici volti alla conoscenza e alla valorizzazione della cultura architettonica.
3. All'attuazione del presente articolo si provvede con gli ordinari stanziamenti di bilancio.

Articolo 11
(Centro nazionale per la documentazione e la valorizzazione delle arti contemporanee)

1. Il Centro nazionale per la documentazione e la valorizzazione delle arti contemporanee, di cui all'articolo 1 della legge 12 luglio 1999, n. 237, con riferimento al settore dell'architettura nonché, previa intesa con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, al settore dell’urbanistica, svolge, in particolare, i seguenti compiti, in collaborazione con la Fondazione di cui all’articolo 13 e con le strutture regionali di cui all’articolo 9, comma 2, nonché con gli istituti pubblici e privati che operano nel settore:
a) raccogliere e conservare i materiali documentali relativi all’architettura e all’urbanistica moderna e contemporanea, nonché gli archivi di professionisti del settore e quelli degli enti e delle imprese che hanno operato nel settore;
b) promuovere, d’intesa con le Regioni e in collaborazione con le università, e gli enti locali, ai fini indicati nella lettera a), la costituzione di centri territoriali di documentazione per l’architettura e per l’urbanistica moderna e contemporanea;
c) costituire e sviluppare la rete informativa nazionale sugli archivi dell’architettura e dell’urbanistica, in collaborazione con gli altri centri di documentazione e con gli istituti pubblici e privati che operano nel settore;
d) promuovere la conoscenza della cultura e del patrimonio architettonico e urbanistico mediante iniziative culturali.

Articolo 12
(Piano per la qualità delle costruzioni pubbliche)

1. Il Ministro per i beni e le attività culturali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997. n. 281, definisce e aggiorna il Piano per la qualità delle costruzioni pubbliche.
2. Il Piano di cui al comma 1 è redatto con previsione triennale, individua le linee di intervento per il conseguimento degli obiettivi indicati dalla presente legge, ed in particolare indica per ciascun anno i settori ed i progetti prioritari.
3. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sono ripartite annualmente le risorse destinate all'attuazione del Piano di cui al comma 1, inidividuate nei limiti di cui all'articolo 17.

Articolo 13
(Fondazione per la qualità architettonica e dell'ambiente costruito)

1. Per il perseguimento degli obiettivi di cui all'articolo 3, lettere a), b), c), d) ed f), il Ministero delle infrastrutture e dai trasporti, il Ministero per i beni e le attività culturali, il Ministero dell'istruzione dell'università e della ricerca scientifica e le Regioni, costituiscono una Fondazione per la qualità architettonica e dell'ambiente costruito.
In particolare la Fondazione:
a) ricerca e promuove criteri, metodi e tecniche per l'ideazione e la realizzazione di progetti da opere pubbliche e di infrastrutture di elevati standards qualitativi;
b) formula proposte ai Ministri competenti per l'elaborazione del piano per la qualità delle costruzioni pubbliche;
c) formula proposte per l'elaborazione dei bandi di concorsi di idee e progettazione;
d) collabora con il centro nazionale di documentazione per l'architettura e con tutte le Amministrazioni e i soggetti interessati per i fini della presente legge;
e) svolge attività di consulenza e di supporto ai soggetti partecipanti.
2. Alla Fondazione possono partecipare altre Amministrazioni statali, gli enti locali, soggetti pubblici e privati.
3. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro per i beni e le attività culturali e il Ministro dell'istruzione dell'università e della ricerca scientifica, è approvato lo statuto della Fondazione di cui al comma 1.
4. Lo statuto della Fondazione di cui al comma 1 indica, fra l'altro, le modalità di costituzione e di conferimento di beni e attività, gli organi di gestione, di consulenza e di controllo, nonché i criteri per la partecipazione dei soggetti di cui al comma 2.
5. All'attuazione del presente articolo si provvede con gli ordinari stanziamenti di bilancio delle istituzioni interessate.


Articolo 14
(Modifiche alla legge 22 aprile 1941, n. 633)

1. Al fine di assicurare la tutela dell'opera dell'architettura, alla legge 22 aprile 1941, n. 633, sono apportate le seguenti modificazioni;
a) all'articolo 2, primo comma, punto 5) dopo la parola "disegni" sono inserite le seguenti: " i progetti e";
b) all'articolo 12-ter, primo comma dopo la parola "industriale" sano inserite le
seguenti: "ovvero un progetto dell'architettura";
c) la rubrica del Capo VII è sostituita dalla seguente:"Diritti relativi ai progetti di lavori dell'architettura e dell'ingegneria";
d) all'articolo 99, il primo comma è sostituito dal seguente: "All'autore di progetti di lavori di ingegneria, o di altri lavori analoghi, che costituiscano soluzioni originali di problemi tecnici, nonché all'autore di opere dell'architettura o dell'ingegneria, ovvero all'autore di disegni e progetti dell'architettura, compete, oltre al diritto esclusivo di riproduzione dei piani e disgeni dei progetti medesimi, il diritto ad un equo compenso a carico di coloro che realizzano il progetto tecnico, ovvero il disegno e il progetto dell'architettura a scopo di lucro, senza il suo consenso";
d) dopo l'articolo 99 è inserito il seguente: "99-bis - Gli autori del progetto e dell'opera dell'architettura, anche nel caso in cui siano create da lavoratore dipendente, pubblico o privato, hanno diritto che i loro nomi, con la indicazione della loro qualifica professionale e del loro contributo all’opera, siano menzionati sull'opera nonché sulle pubblicazioni e riproduzioni della stessa".

Articolo 15
(Modifiche alla legge 11 febbraio 1994, n. 109)

1. Alla legge 11 febbraio 1994, n. 109, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 16:
1) al comma 1, dopo le parole "preventivamente accertati" sono inserite le seguenti "laddove possibile fin dal documento preliminare";
2) al comma 4, dopo le parole "caratteristiche delle opere" sono aggiunte le seguenti "e delle soluzioni architettoniche, ";
3) al comma 5, dopo la parola “costruttivi" sono inserite le seguenti " e decorativi";
4) al comma 6, è aggiunto in fine il seguente periodo "In ogni caso, la verifica dei progetti definitivi ed esecutivi avviene in contraddittorio tra il responsabile del procedimento ed i progettisti dei precedenti livelli di progettazione";

b) all'articolo 17:
1) al comma 8, dopo la parola “ aggiudicazione" sono inserite le seguenti "nonché ai concorsi di progettazione";
2) al comma 13, dopo le parole "concorso di idee" sono inserite le seguenti "dovendo in difetto motivare le ragioni in base alle quali ritengono di procedere all'affidamento mediante appalto";

c) all'articolo 21, comma 6,le parole "alle seguenti" sono sostituite dalle seguenti "a ciascuna delle seguenti ";

d) all'articolo 27, dopo il comma 2 è inserito il seguente: "2-bis. Il direttore dei lavori, ai sensi del primo comma, può avvalersi di un assistente con funzioni di direttore operativo, nella persona del progettista, il quale dà le direttive in merito all'accettazione dei materiali, descritti nei particolari costruttivi e decorativi di interesse architettonico del progetto esecutivo e delle relative lavorazioni, nel rispetto del progetto e del contratto. In caso di appalto di più livelli di progettazione, il predetto incarico è assegnato al soggetto affidatario della progettazione definitiva".


Articolo 16
(Potestà statutaria delle Province autonome di Trento e Bolzano)

1. Le Province autonome di Trento e Bolzano provvedono alle finalità della presente legge nell’ambito delle competenze ad esse riconosciute dallo Statuto e dalle relative norme di attuazione.

Art. 17
Copertura finanziaria
1. All'onere derivante dall'attuazione della presnete legge, pari a 8.000.000 di euro per ciascuno degli anni 2005 e 2006, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2004-2006, nell'ambito dell'unità previsionale di base di conto capitale "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'Economia e delle Finanze per l'anno 2004, utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero per i Beni e le Attività culturali.

http://www.palazzochigi.it


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news