LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione della Camera - resoconto della seduta del 25 giugno (Interventi per i beni e le attivit culturali, lo sport, l'universit e la ricerca, nonch in materia socio-sanitaria)
2003-06-25

VII Commissione della Camera - resoconto della seduta del 25 giugno

SEDE REFERENTE

Mercoled 25 giugno 2003. -
Presidenza del presidente Ferdinando ADORNATO. -
Interviene il sottosegretario di Stato per i beni e le attivit culturali Nicola Bono.



La seduta comincia alle 15.30.


Interventi per i beni e le attivit culturali, lo sport, l'universit e la ricerca, nonch in materia socio-sanitaria.

C. 3992, approvata dal Senato, e C. 3676 Rotundo.
(Seguito dell'esame e rinvio).



La Commissione prosegue l'esame, rinviato, da ultimo, nella seduta di ieri.


Ferdinando ADORNATO, presidente, ricorda che nella seduta di ieri sono stati presentati emendamenti e articoli aggiuntivi.


Carlo CARLI (DS-U), sottolineata la sensibilit dimostrata nella seduta di ieri dal rappresentante del Governo rispetto alle osservazioni critiche avanzate dai gruppi di opposizione, ribadisce l'esigenza che la competenza in materia di tutela dei beni culturali rimanga allo Stato. Sottolinea quindi la necessit di rivedere la questione della valorizzazione dei beni culturali, che rientra tra le competenze concorrenti di Stato e regioni e che, quindi, non pu essere delegata ad una Societ per azioni.

Riguardo alla questione degli Archivi di Stato, vi , a suo avviso, la necessit di considerare le spese correnti che quegli organismi debbono affrontare: precisa di fare riferimento, ad esempio, alle bollette telefoniche. Paventa quindi il rischio che, il preannunciato emendamento sugli Archivi di Stato, non affronti anche tali questioni.

Per quanto riguarda il comma 4 dell'emendamento Grignaffini 3.5, esprime il proprio apprezzamento per la disponibilit dimostrata dal Governo.

In conclusione, pur ribadendo un giudizio positivo sulle aperture e sulla sensibilit dimostrata dal Governo, si riserva di esprimere un giudizio definitivo, a nome del suo gruppo, nel momento in cui si perverr alla stesura definitiva degli emendamenti.



Ferdinando ADORNATO, presidente, prima di dare la parola al sottosegretario Bono, chiede ai rappresentanti dei gruppi di opposizione di esprimere un orientamento di massima sulla eventualit di un trasferimento alla sede legislativa del provvedimento in titolo.



Il sottosegretario Nicola BONO precisa, preliminarmente, che la proposta di legge in titolo verte, quasi esclusivamente, sulla utilizzazione della quota del 3 per cento dei finanziamenti, autorizzati per il settore delle infrastrutture, a favore della spesa per la tutela e per interventi a favore dei beni culturali. Nel rilevare che la questione degli Archivi di Stato non rientra tra le materie oggetto della proposta di legge in esame, precisa tuttavia che su di essa vi una specifica strategia del Governo, che si sviluppa lungo due direttrici: in primo luogo, quella di aver richiesto al Ministero dell'economia e delle finanze l'integrazione del fondo speciale delle risorse in conto corrente (sottolinea che al momento attuale possibile quantificare la quota del fondo di riserva da destinare al fabbisogno degli Archivi di Stato); in secondo luogo, quella di fare riferimento alla legge di assestamento del bilancio. Ritiene che il preannunciato emendamento del relatore su questa materia riguarder l'aspetto della utilizzazione della spesa in conto capitale per gli Archivi di Stato, che dovr servire in via prioritaria alla informatizzazione di tutti gli archivi.
Sottolinea che tale meccanismo contribuir a ridurre i costi di gestione, incidendo sulla spesa corrente. Precisa pertanto che l'impegno del Governo va nella direzione di stanziare parte delle risorse a questa finalit del sostegno agli Archivi di Stato.



Carlo CARLI (DS-U) sottolinea che gran parte della spesa corrente viene ricompresa nei bilanci di assestamento.



Andrea COLASIO (MARGH-U) ritiene possibile addivenire al trasferimento alla sede legislativa del provvedimento, dopo aver individuato un equilibrio nelle politiche di spesa.

Dopo aver espresso il proprio apprezzamento per l'intervento del Governo sugli Archivi di Stato, che sono organismi di estrema rilevanza, esprime la convinzione che il processo di informatizzazione degli Archivi non garantir a tali strutture immediati vantaggi di tipo finanziario, considerando i tempi che saranno necessari per la realizzazione di tale obiettivo.
Espressa la convinzione che la tutela e la valorizzazione dei beni culturali non possano essere disgiunte, osserva che difficilmente queste due competenze potrebbero essere gestite dal centro, a prescindere dal ruolo che potrebbero avere i soggetti privati e i governi territoriali.

In conclusione, esprime le proprie perplessit sulla struttura della societ ARCUS Spa, che evidenzia la volont di perseguire una logica centralistica in materia di beni culturali.



Carlo CARLI (DS-U), sulla base di quanto affermato dal rappresentante del Governo, ritiene che la valorizzazione dei beni culturali non rientri tra le competenze della societ ARCUS Spa.



Franca CHIAROMONTE (DS-U) chiede al rappresentante del Governo se le risorse previste siano o meno aggiuntive.



Il sottosegretario Nicola BONO fornisce rassicurazioni in tal senso al deputato Chiaromonte.



Ferdinando ADORNATO, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad laltra seduta.



Istituzione del Museo della moda italiana.

C. 2291 Garnero Santanch, C. 3292 Spini e C. 3823 Butti.

(Seguito dell'esame e rinvio - Adozione del testo base).



La Commissione prosegue l'esame, rinviato, da ultimo, nella seduta di ieri.


Alessio BUTTI (AN), relatore, presenta alla Commissione un testo unificato delle proposte di legge in titolo (vedi allegato 2), di cui illustra i contenuti, specificando che esso il frutto anche di un confronto con alcuni rappresentanti dell'opposizione.
Nell'esprimere l'auspicio di un trasferimento alla sede legislativa del testo unificato, ritiene comunque possibile apportare talune modifiche al testo in oggetto, anche in relazione alle misure di carattere finanziario.



Carlo CARLI (DS-U), pur apprezzando l'impegno profuso dal relatore nell'esame delle proposte di legge in titolo, esprime la convinzione che, considerata l'importanza storica della citt di Firenze per la moda italiana, sarebbe stato a suo avviso pi opportuno indicarla come sede della nuova istituzione.

Ritiene inoltre opportuno riconsiderare l'entit delle risorse finanziarie previste che risultano attualmente inadeguate.
In conclusione, precisa che, qualora non venissero considerati dal relatore i rilievi test espressi, sarebbe difficile per il suo gruppo accedere alla eventuale proposta di trasferimento alla sede legislativa del provvedimento.



Domenico VOLPINI (MARGH-U) esprime la convinzione che il testo unificato presentato dal relatore non sia stato molto concordato con i rappresentanti delle opposizioni.
In conclusione, dichiara di condividere la proposta avanzata dal deputato Carli di prevedere come sede centrale della fondazione la citt di Firenze e, in particolare, Palazzo Pitti, che una struttura che gode di un particolare prestigio.



Alessio BUTTI (AN), relatore, sottolinea il fatto che il testo unificato, test presentato, contiene alcune proposte che erano incluse nei provvedimenti presentati da deputati dell'opposizione. Dichiara quindi la propria disponibilit a discutere sulla eventualit di collocare nella citt di Firenze la sede centrale della fondazione.

In conclusione, propone di adottare il testo unificato come base per il seguito dell'esame in sede referente.



La Commissione delibera di adottare il testo unificato predisposto dal relatore come testo base per il seguito dell'esame.



Ferdinando ADORNATO, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

http://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/bollet/frsmcdin.asp?percboll=/_dati/leg14/lavori/bollet/2003


news

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

19-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

Archivio news