LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione a risposta in commissione 5-02026 [Creative Europe]
2014-01-30


Atto Camera

presentato da
ASCANI Anna
testo di
Gioved 30 gennaio 2014, seduta n. 163

  ASCANI e PICCOLI NARDELLI.
Al Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo
Per sapere
premesso che:
i settori culturali e creativi (SCC), oltre ad avere una dimensione economica, rappresentando il 4,5 per cento del prodotto interno lordo dell'Unione europea e dando lavoro a pi di 8 milioni di persone, sono anche patrimonio culturale tangibile intangibile;
la diversit culturale europea rappresenta la peculiarit di ogni Paese. Il programma denominato Creative Europe, avviato dalla Commissione europea il 5 novembre 2013, un programma che mira a salvaguardare le diversit e a potenziare le competitivit del settore culturale sostenendo tutti gli operatori e le organizzazioni attive nell'ambito degli SCC, dalla cultura al cinema, dalla televisione alla musica, dalla letteratura alle arti dello spettacolo, dal patrimonio culturale ai settori affini, apportando benefici in tutti i campi;
il nuovo programma dispone di un bilancio di 1,46 miliardi di euro per i prossimi sette anni (2014-2020) il 9 per cento in pi rispetto ai livelli attuali. Esso andr a coprire gli attuali programmi MEDIA e Cultura, ogni progetto che verr sviluppato avr i propri obiettivi ed i propri criteri di valutazione;
Creative Europe, inoltre, lancer un nuovo strumento di garanzia finanziaria, che consentir anche alle piccole imprese nei settori creativi e culturali di avere un pi facile accesso a prestiti bancari. In totale il programma contribuir a finanziare almeno 250mila artisti e operatori culturali, 2000 cinema, 800 film e 4500 traduzioni di libri;
il decreto-legge n. 91 del 2013 (convertito dalla legge n. 112 del 2013) reca disposizioni per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, nonch disposizioni per il rilancio del cinema, delle attivit musicali e dello spettacolo dal vivo;
nell'articolo 8, comma 9, del decreto-legge n. 91 del 2013 di cui sopra deliberato che in riferimento al programma promosso dalla Commissione europea per il periodo 2014-2020 denominato Europa Creativa, finalizzato a sostenere l'industria culturale e creativa, a migliorare l'accesso al credito degli operatori e a proteggere e promuovere la diversit culturale e linguistica europea, istituito presso il Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo un tavolo tecnico operativo, con il coinvolgimento diretto dei soggetti potenziali destinatari del programma. La composizione del suddetto tavolo definita con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto;
il periodo di sessanta giorni a decorrere dall'entrata in vigore della legge (8 ottobre 2013), indicato nel sopracitato articolo 8, comma 9, come termine ultimo per l'emissione del decreto ministeriale per la composizione di un tavolo tecnico operativo, risulta trascorso :
quali azioni il Ministro intenda adottare al fine di sostenere il programma denominato Europa Creativa migliorando di conseguenza l'accesso al credito degli operatori e proteggendo e promuovendo la diversit culturale e linguistica europea ovvero in quali tempi intenda istituire il tavolo tecnico di cui all'articolo 9, comma 8, del decreto-legge n. 91 del 2013. (5-02026)
Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Gioved 27 marzo 2014
nell'allegato al bollettino in Commissione VII (Cultura)
5-02026

Mi riferisco all'interrogazione con la quale l'Onorevole Ascani richiede notizie in merito al programma denominato Europa Creativa.
Vorrei precisare che il Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo ha piena consapevolezza della necessit di agganciare la Cultura alla Strategia Europa 2020 e ai suoi tre pilastri fondamentali: crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.
Come correttamente riferito dall'onorevole interrogante, i settori culturali e creativi riflettono il patrimonio culturale dell'Europa, immensamente ricco e variegato, e contribuiscono allo sviluppo delle nostre societ. Questi settori svolgono un ruolo determinante nell'economia europea e contribuiscono a generare crescita e occupazione.
I finanziamenti afferenti a Europa Creativa sono definiti di tipo diretto, in quanto direttamente erogati dalla Commissione Europea al beneficiario, qualora costui abbia redatto un progetto giudicato dalla Commissione stessa ammissibile e come tale finanziabile. L'erogazione e la distribuzione di tali fondi non quindi frutto di una strategia Ministeriale, ma pi semplicemente dell'interesse di quelle organizzazioni nazionali, fra cui le piccole e medie imprese, che hanno interesse a partecipare ai bandi europei del Programma in questione.
Come sottolineato il Programma Europa Creativa offre al tessuto nazionale di ciascuno Stato Membro anche la possibilit di usufruire dal 2016 del cosiddetto Strumento di Garanzia. In base ad esso, le organizzazioni che vogliono partecipare al suddetto Programma possono pi agevolmente accedere al credito bancario, seguendo un iter procedurale specifico che ad oggi in fase di definizione da parte della Commissione.
Il programma ben conosciuto:
Protegge e promuove la diversit culturale e linguistica europea e incoraggia la ricchezza culturale d'Europa.
Contribuisce a realizzare gli obiettivi europei per una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva.
Aiuta i settori culturali e creativi nella fase di adattamento all'era digitale ed alla globalizzazione.
Apre nuove opportunit, mercati e pubblici internazionali.
Si fonda sul successo dei Programmi MEDIA, MEDIA Mundus e Cultura.

Il Ministero fortemente determinato e impegnato nella ricezione e diffusione degli Strumenti finanziari attraverso l'organizzazione di una struttura di coordinamento e di sostegno a tutti i possibili interessati.
I caratteri della struttura:
unicit della struttura rispetto all'Unione europea (attuata mediante il coordinamento del Segretariato generale);
differenziazione nazionale tra le due anime del programma, media e cultura.

L'azione di diffusione e sostegno avverr attraverso apposite giornate informative (info day) alcune gi svolte a partire dal mese di novembre scorso, nonch attraverso un'azione di sportello e di facilitazione nella costruzione dei partenariati.

LE ASPETTATIVE DEI BENEFICIARI

Registi, distributori, agenti di vendita e altri professionisti del settore audiovisivo beneficeranno del supporto allo sviluppo, alla promozione ed alla distribuzione di migliaia di film europei.
Gli amanti del cinema potranno vedere film provenienti da ogni parte d'Europa in centinaia di sale cinematografiche e festival europei.
Fino a 250.000 artisti e professionisti del settore culturale.
Potranno far conoscere il loro lavoro oltre i confini nazionali.
Migliaia di organizzazioni creative e di professionisti del settore audiovisivo acquisiranno nuove competenze e rafforzeranno la loro capacit a operare a livello internazionale.
Le case editrici potranno usufruire di finanziamenti per tradurre oltre 4.500 opere letterarie.
Chi ama la lettura potr leggere i suoi autori stranieri preferiti nella propria lingua.
Milioni di persone saranno raggiunte attraverso i progetti finanziati dal Programma.

http://aic.camera.it/


news

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d\'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

Archivio news