LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL ROSONE DI TROIA, PATRIMONIO UNESCO Proposte e impegni dal convegno Daunia Vetus
22-10-2008
Antonio V. GELORMINI

Lavoriamo tutti per riuscire ad annoverare il santuario di Monte Sant’Angelo, “il tempio dell’Arcangelo Guerriero, ultimo avamposto dell’Europa cristiana”, lungo le propaggini francigene del Sud e “autentico finis terrae” dei cammini verso Gerusalemme (A. Paolucci), nel patrimonio dell’Umanità riconosciuto dall’Unesco. Ma i tempi sono maturi, per aprire il protocollo e intraprendere il percorso di sostegno anche al riconoscimento, nello stesso patrimonio, del magnifico e singolare Rosone della Cattedrale di Troia. Con questa proposta tesa a rafforzare due dei più suggestivi attrattori di Capitanata, insieme alla tomba di S.Pio a San Giovanni Rotondo, e accolta con interesse dal Presidente del Consiglio Regionale pugliese On. Pietro Pepe e dall’Assessore alla Cultura dott. Domenico Lomelo, si è concluso sabato sera a Troia il convegno di inaugurazione del Distretto Culturale Daunia Vetus. Un appuntamento che è diventato evento per la nutrita partecipazione di autorità politiche e religiose, nonché di autorevoli rappresentanti del mondo della cultura, dell’economia e della ricerca. Che vuol contribuire a quel comune senso di responsabilità, nella delicata fase di innovazione, per il rilancio dei territori interessati e della destinazione Puglia in generale. Onori di casa affidati al direttore di Daunia Vetus, dott. Giovanni Aquilino, che in apertura ha presentato il video illustrativo del distretto e ha precisato che “non si tratta di creare una Disneyland della cultura, ma di valorizzare le risorse e di accrescere la consapevolezza delle ricchezze di questa terra”. Dieci comuni del Subappennino danno vita al progetto, che fa della cultura il filo sul quale si inanellano le perle preziose di Lucera, Troia, Bovino, Biccari, Faeto, Orsara di Puglia, Pietramontecorvino, Roseto, Celenza e Castelnuovo della Duania, a cui si aggiungono entrambe le Comunità Montane dei Monti Dauni e la stessa Provincia di Foggia, e che mettono insieme un sistema di collaborazione e una rete di interessi comuni. Un progetto a suo tempo promosso e finanziato dalle Fondazioni di origine bancaria aderenti all’Acri (Associazione Casse di Risparmio Italiane), che con la presenza del dott. Luigi Maruzzi, della Fondazione Cariplo, hanno voluto testimoniare l’apprezzamento a Daunia Vetus e segnalare il recente accordo della stessa Fondazione con la Regione Lombardia per lo sviluppo, nella realtà più produttiva del Paese, del medesimo modello distrettuale. Al saluto, ai ringraziamenti e all’esortazione comunitaria del vescovo della Diocesi Lucera-Troia, Mons. Domenico Cornacchia, e di quello emerito, Mons. Francesco Zerrillo, hanno fatto eco gli interventi del sindaco di Troia, Dr. Edoardo Beccia (a nome anche dei dieci sindaci del distretto) e dell’On. Pietro Pepe, che ha voluto assicurare l’attenzione e il sostegno della Regione Puglia. Altrettanta disponibilità è arrivata dal Sen. Carmelo Morra e dal Presidente della Provincia di Foggia, On. Antonio Pepe, che ha auspicato un lavoro di concerto “per poter riportare tra le mura in cui furono raccolti e composti, quei preziosi codici manoscritti costituenti il Fondo Cavalieri” (dal nome del Vescovo, Mons. Emilio Giacomo Cavalieri, che li aveva fatti restaurare e rilegare). Fondo ancora oggi conservato, in apposita sezione, presso la Biblioteca Nazionale di Napoli. Stimolo ad una maggiore accessibilità all’immenso patrimonio devozionale, conservato nei musei ecclesiastici, accompagnato a qualche riferimento normativo ed organizzativo, è giunto da Mons. Luigi Tommasone e da Don Gaetano Coviello, in ordine Responsabile Diocesano e Delegato Regionale CEI per i Beni Culturali Ecclesiastici. A cui è seguita l’efficace raffica di riflessioni del neo-Rettore dell’Università degli Studi di Foggia, Prof. Giuliano Volpe. “La fruizione del patrimonio resta elemento prioritario della capacità di attrazione dei territori”, “La cultura non risponde a logiche di proprietà”, ed ancora: “Essa non va imbrigliata tra inconcludenti profluvi di parole, ma fatta volare sulla spinta dei fatti”. “Produrre incessantemente cultura è il miglior modo per conservarla e difenderla”. A tal fine l’Università, ha segnalato il prof. Volpe, si rende totalmente disponibile e per questo: “chiede di essere utilizzata”. Coro di consensi al modello distrettuale di Daunia Vetus anche dal fronte politico. L’Assessore regionale all’Istruzione e Beni Culturali, Domenico Lomelo, si è soffermato sull’ineluttabilità della logica di sistema: “da soli non si va più da nessuna parte”. Ha esortato a non esitare a mettere in rete i musei del distretto e ad allargarne gli spazi espositivi. Ricordando che “l’occhio del viaggiatore è più impressionabile di quello del residente”. Le comunità locali, abituate dalla quotidianità dei rispettivi contesti, rischiano “di farci l’occhio”, e di impigrire sguardo e attenzione. Fino a: “considerare normale la straordinarietà di un elemento, ad esempio, come il Rosone della Cattedrale di Troia”. Infine anche Massimo Ostillio, Assessore al Turismo e Industria alberghiera, dopo aver portato il saluto del Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha voluto ribadire che: “con Daunia Vetus si sta facendo qualcosa di intelligente”. Assicurando che la Regione non potrà che sostenere le evoluzioni del progetto, “nell’ottica di una valorizzazione qualificata della proposta culturale dell’entroterra, come complemento all’offerta turistica balneare”. I comuni obiettivi di centrare l’azione sulle “persone”, favorire processi di destagionalizzazione e perseguire attente politiche ad alto tasso di fidelizzazione, hanno già fatto di Daunia Vetus “un interlocutore plurale di riferimento”. L’emozione suscitata dall’intervento conclusivo di Antonio V. Gelormini, con la citazione del Direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci: “I pellegrini provenienti dal nord Europa, di fronte al Rosone e alla Cattedrale di Troia, capivano che un nuovo mondo meraviglioso ed incognito si apriva alla loro avventura”, e l’invito ai Sindaci di far proprio questo straordinario attrattore e farlo girare come volano di promozione per ognuno, ha acceso in tutti orgoglio ed entusiasmo, ed ha chiuso i lavori dell’intensa giornata.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news