Appello del 2002 al Presidente della Repubblica
LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scempio ambientale a Collevecchio: un ecomostro sta per nascere nelle dolci campagne sabine e su un sito archeologico!
01-10-2007
Luca Bellincioni

Ho appreso dal sito di LegambienteBassaSabina che presso Collevecchio (RI) si sta compiendo lennesimo scempio ai danni del paesaggio laziale, e sabino in particolare. In localit Grappignano, ove sono presenti rovine depoca romana e medioevale, nonch resti del Paleolitico, sono stati effettuati vistosi sbancamenti che hanno danneggiato queste stesse antiche strutture, le quali dovrebbero essere sottoposte a vincolo archeologico e paesaggistico, per dare inizio ai lavori per la creazione di un vero e proprio eco-mostro: si tratta del progetto denominato l"isola del possibile", definita anche dai suoi sostenitori la citt ideale", una struttura ospedaliera gigantesca, di circa 640 mila metri cubi, che dovrebbe sorgere in pieno sito archeologico, peraltro con un impatto paesaggistico mostruoso sul delicato paesaggio della Sabina tiberina (gi provato da troppe edificazioni sparse seguite ai vari condoni).
La progettata struttura stata ovviamente salutata con grande entusiasmo dal sindaco di Collevecchio, secondo un atteggiamento ormai comune a quasi tutti gli amministratori locali, prontissimi a svendere il proprio territorio a folli progetti impattanti con la solita scusa dei posti di lavoro. Una mentalit ancora da Dopoguerra, insomma, che contrasta violentemente con la vocazione di Collevecchio e di tutto il resto della Sabina, notoriamente turistica, grazie proprio alla bellezza del paesaggio, residuo di una cultura agro-pastorale di matrice addirittura medievale, a tratti perfettamente conservata e quindi di straordinaria importanza e da tutelare assolutamente. In questa sede non infatti in dubbio limportanza di nuove strutture ospedaliere, bens la loro localizzazione, ci che spesso pare rispondere a meri ed evidente interessi speculativi piuttosto che di sana gestione del territorio. Infatti sempre pi assistiamo a casi in cui nuove strutture ospedaliere vengono proposte e collocate in zone di grande valenza paesaggistico-ambientale (se non, come in questo caso, anche archeologica) come a voler creare teste di ponte per urbanizzazioni future, che inevitabilmente seguono. E di questo fenomeno generale si ancora discusso troppo poco proprio perch i progetti di tipo sanitario sembrano sempre indiscutibili anche quando palesemente assurdi, e ci per motivi di tipo morale e sociale. E di questa morale diffusa gli speculatori sanno approfittare bene.
Nel caso di Collevecchio, daltro canto, sono fin troppi i motivi di dubbio sulla realizzazione di unopera cos impattante: in primo luogo il paesaggio ben conservato, la bassa densit di popolazione e la vocazione turistica, che sono in aperto contrasto con unopera del genere; in secondo luogo la scelta del sito specifico, di tipo archeologico, e quindi teoricamente inedificabile; in terzo luogo la sproporzionalit stessa della struttura ospedaliera in questione (gigantesca), che sarebbe indicata non certo per un paese di campagna ma per una cittadina di medie o grandi dimensioni, gi con strutture produttive e residenziali ben delineate (ad esempio le non lontane Rieti o Terni), anche a livello di localizzazione, al fine non solo di limitare limpatto ambientale ma anche di rendere la stessa struttura ospedaliera pi fruibile e senzaltro pi utile; in ultima analisi, il danno economico che riceverebbero le numerose aziende ricettive (agriturismo e b&b in primis) presenti sul territorio, che basano la loro stessa esistenza proprio sulla qualit del territorio in cui sono situate.
Ripeto: questo progetto puzza tanto dellattuale fenomeno cancrenoso per cui i piccoli comuni scelgono di svendere il proprio territorio alle grandi opere, ci che nel compresso provoca unerosione del territorio fortissima con danni irreparabili di tipo ambientale, turistico e culturale. Unerosione che, in tempi in cui in paesaggio agricolo e naturale pare ridursi sempre pi a miseri brandelli, non possiamo affatto permetterci.



news

11-02-2016
Intervento di Daniele Manacorda sulla Riforma Mibact

10-02-2016
RASSEGNA STAMPA: aggiornata al giorno 10/02/2016

09-02-2016
Giuliano Volpe: Ancora sulla seconda fase della riforma Franceschini

08-02-2016
GR3. Intervista radiofonica a Settis su soprintendenze, riforma Franceschini e silenzio-assenso

05-02-2016
Sessioni annuali degli esami finali abilitanti per il Restauro dei beni culturali.

04-02-2016
Comunicato CUNSTA sulla cosiddetta "riforma" ministeriale

03-02-2016
'Deforma' Franceschini: il bavaglio al dissenso, di Tomaso Montanari

03-02-2016
Presentazioni del libro Patrimonio al futuro di Giuliano Volpe

02-02-2016
Associazione Bianchi Bandinelli: Una riforma tira laltra e si smantella la tutela

01-02-2016
Documento delle Consulte di Preistoria e Protostoria, Archeologie Postclassiche ,Topografia antica e Archeologia del mondo classico sulla riforma Mibact

29-01-2016
Studiosi di tutto il mondo allarmati per la tutela archeologica a Roma

27-01-2016
Piano nazionale dell' educazione al patrimonio culturale 2015-2016

27-01-2016
2016-2018: PIANO PER L'ARTE CONTEMPORANEA

27-01-2016
Question Time. Necessaria un'adeguata vigilanza nei musei italiani, risponde Franceschini

26-01-2016
Comunicato da Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e larea archeologica di Roma

26-01-2016
Riforma Mibact. Lettera a Franceschini del Comitato Tecnico Scientifico per l'Archeologia

25-01-2016
Lettera dei Dirigenti Archeologi al Ministro Franceschini sulla riforma Mibact

25-01-2016
Sulle dimissioni di Montanari dal CN di Italia Nostra

24-01-2016
Comunicato e petizione dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego) sulla decima riforma

24-01-2016
SCHEMA di decreto ministeriale di riorganizzazione del MIBACT

24-01-2016
Si avvicina la fine dell'archeologia preventiva? Allarme di Pier Giovanni Guzzo

24-01-2016
Vi segnaliamo: Archeologia e territorio: l'ultima spallata, di Maria Pia Guermandi

24-01-2016
Domani assemblea pubblica a Roma: Una nuova riorganizzazione del MIBACT: A chi serve

23-01-2016
VIDEO - Audizione del Ministro Dario Franceschini

22-01-2016
Intervento di Vittorio Emiliani sulla decima riforma del Mibact

22-01-2016
Comunicato Stampa di Assotecnici sulla riforma del MIBACT

21-01-2016
Giuliano Volpe: Riflessioni sulla riforma Mibact

13-01-2016
I parchi italiani assediati dal cemento

05-01-2016
Pier Giovanni Guzzo: Perch sono stati tagliati i contributi ministeriali ai Fasti online?

28-12-2015
Circo Massimo ed Olimpiadi? Intervento di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news