LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2007-04-02 - Firenze
Il restauro del Paesaggio come progetto
http://www.arspat.it/eventi/02-apr-07/home.htm

Il nuovo "Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio" (D.L. n. 42 / 2004) e il D.P. 12 dicembre 2005 sulla "Relazione Paesaggistica" hanno posto nuovi problemi all'esercizio della tutela e della pianificazione paesaggistica. Si postula ora un più organico rapporto fra pianificazione regionale/provinciale/locale e soprintendenze, configurando nuove azioni di co-pianificazione fra i diversi soggetti. E' anche maturo il tempo per istituire un "Catalogo dei Beni Paesaggistici", più avanzato di quanto si disponga fin qui, in cui l'IGM potrebbe confermare il suo ruolo storico-istituzionale.

Interverranno:
Francesco Gurrieri - Presidente Arspat
Carlo Colella - Brigadiere Generale, Comandante Istituto Geografico Militare
Raimondo Innocenti - Preside Facoltà Architettura F irenze
Anna Di Bene - Direttore Servizio II Paesaggio Ministero Beni Architettonici e Paesaggistici
Mario Lolli Ghetti - Direzione Regionale per Beni Culturali e Paesaggisitici Regione Toscana
Marco Gamberini - Responsabile Settore Indirizzi per il Governo del Territorio Regione Toscana
Massimo Gregorini - Responsabile Settore Beni Paesaggistici Regione Toscana
Luigi Ulivieri - Dirigente settore Urbanistica Provincia di Firenze
Erasmo D'Angelis - Presidente Commissione ambiente Toscana
Salvatore Arca - Istituto Geografico Militare
Massimo Morisi - Università di Firenze
Leonardo Vallerini - Università di Firenze
Augusto Boggiano - Università di Firenze
Massimo Preite - Università di Firenze

L'ingresso ai lavori della giornata di studi è libero previa registrazione, che deve essere effettuata preventivamente su questo sito, utilizzando il modulo sottostante. Su richiesta solo per gli iscritti via web, verrà rilasciato attestato di partecipazione, che verrà spedito via e-mail.

Scarica la brochure con il programma in formato pdf (1.050 Kb)
Vai al sito Arspat
Iscrizione convegno

Comitato promotore:
Associazione Arspat di Rimini in collaborazione con DIRES - Dipartimento di Restauro e Conservazione dei Beni Architettonici dell'Università degli Studi di Firenze.

Comita to scientifico:
Salvatore Arca, Augusto Boggiano, Maria Cristina Brignani, Milena Caradonna, Carlo Colella, Anna Di Bene, Carlo Alberto Garzonio, Francesco Gurrieri, Rodolfo Michelucci, Massimo Morisi, Massimo Preite, Mario Paolo Semprini, Leonardo Vallerini, Silvio Van Riel.

Enti patrocinatori:
Istituto Geografico Militare Firenze, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Università degli Studi di Firenze, Regione Toscana, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze, Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Firenze.

Comitato organizzatore:
Maria Cristina Brignani, Samuele Caciagli, Francesco Gurrieri, Rodolfo Michelucci, Massimo Preite, Mario Paolo Semprini, Silvio Van Riel, Giuseppe Squadrito.

Enti sostenitori:
Rotex Heating Systems, KME EM S.p.A. Building Applications, TECU® Project C onsulting, Civis Augustus Rimini.

Ufficio Stampa:
Responsabile ARSPAT, Maria Cristina Brignani - e-mail: stampa@arspat.it
Responsabile ufficio stampa e promozione IGM, Elena Torretta - e-mail: etorretta-geomil@tiscali.it

Segreteria convegno:
Associazione ARSPAT Rimini Corso d'Augusto, 108
Tel 0541 1796400 Cell 393 9893013 Fax 0541 1791801
E-Mail: info@arspat.it Web: http://www.arspat.it/



Il nuovo “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio” (D.L. n. 42 / 2004) e il D.P. 12 dicembre 2005 sulla “Relazione Paesaggistica” hanno posto nuovi problemi all’esercizio della tutela e della pianificazione paesaggistica. Si postula ora un più organico rapporto fra pianificazione regionale/provinciale/locale e soprintendenze, configurando nuove azioni di co-pianificazione fra i diversi soggetti. E’ anche maturo il tempo per istituire un “Catalogo dei Beni Paesaggistici”, più avanzato di quanto si disponga fin qui, in cui l’IGM potrebbe confermare il suo ruolo storico-istituzionale.
L’ambiguo rapporto tra paesaggio ed ambiente, paesaggio ed urbanistica, paesaggio ed architettura richiede una definizione delle tipologie dei paesaggi come indispensabile standard di cognizioni teoriche ed operative che consentano la gestione di indagini e di valutazioni che sul territorio si deve fare per poter procedere ad ogni progetto o piano. A tutte le scale possibili, sia per le unità paesaggistiche a scala territoriale, per le tessere paesaggistiche a scala urbanistica e per le stanze paesaggistiche a scala architettonica. L’Atlante dei tipi paesaggistici, potrebbe essere uno strumento d’indagine e di lavoro finalizzato al rilievo storico critico dei paesaggi per una corretta opera di pianificazione paesaggistica e di valutazione di impatto ambientale.
Per contribuire ad un approfondimento di questi temi (complessi), l’ARSPAT con l’IGM, organizza una Giornata di Studi, all’interno della propria sezione di lavoro “La fabbrica del paesaggio”, già attivata fin dal 2005.

Il progetto della Fabbrica del Paesaggio, nato nel giugno 2005 con la finalità di uno studio metodologico coerente con i nuovi principi contenuti nel Codice Urbani e nella Convenzione Europea del Paesaggio, definisce il "Paesaggio" tema di interesse generale e prioritario.
L’ARSPAT, un’associazione per il “restauro dei beni paesaggistici, ambientali e territoriali”, si propone proprio sulla scia dei risultati dei vari convegni, di rendere realtà tangibile la creazione di questo nuovo ambito del restauro. La convergenza pluridisciplinare è, a nostro avviso, l’unica strada percorribile per la qualità del paesaggio che costituisce elemento essenziale per il riconoscimento dell'identità delle popolazioni e per il successo delle iniziative economiche e sociali. Questo momento di grande fervore culturale, a livello europeo e nazionale, intorno alla definizione di un nuovo concetto di paesaggio, vede l’Associazione porre l'attenzione sulle effettive condizioni della realtà paesaggistica e culturale italiana, al fine di elaborare strategie per la riparazione del guasto nel patrimonio paesaggistico ed ambientale.
Realizzare l’interesse anche nelle generazioni future alle quali lasciare un patrimonio paesaggistico in linea con le scelte di sviluppo rappresenta la mission di Arspat, che travalica le scelte del passato e mira ad una convenienza etica di riabilitazione e conservazione. (Restauro del Paesaggio)
I materiali, elaborati da ARSPAT e messi a disposizione di studiosi, professionisti ed enti pubblici che lavorano sulla pianificazione territoriale, concorrono a definire un percorso unificatore che accolga le attuali ricerche assimilandole, e in seguito, indirizzarle verso un unico obiettivo, fruibile a tutti.

Scarica la brochure con il programma in formato pdf (1.050 Kb)
Scarica locandina in formato pdf (480 Kb)














news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news