LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2015-10-15 - Padova, Auditorium del Centro Culturale San Gaetano
BENI CULTURALI E MERCATO: MISSIONE (IM)POSSIBILE?

Il manager culturale Roberto Grossi e l’archeologo-storico dell’arte Salvatore Settis a confronto a Padova il prossimo 15 ottobre.



Saranno il manager culturale e presidente di Federculture dell’Accademia di Belle Arti di Roma Roberto Grossi e l’archeologo-storico dell’arte di fama mondiale Salvatore Settis, ex direttore del Getty Research Institute a Los Angeles, i protagonisti del prossimo incontro di “Segnavie”, ciclo di conferenze promosso e organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. INGRESSO LIBERO E GRATUITO FINO A ESAURIMENTO POSTI.


Il 15 ottobre alle ore 17.45 nell’Auditorium del Centro Culturale San Gaetano (Via Altinate 71, Padova) Grossi e Settis, intervistati dalla giornalista di Sette – Corriere della Sera Eliana Liotta, si confronteranno da posizioni differenti sulle strategie da adottare rispetto alla costante riduzione degli investimenti pubblici e privati in cultura, in un Paese come l'Italia che vanta un patrimonio artistico e culturale tra i più rilevanti al mondo.

Che fare? Di fronte a questa domanda, le risposte si collocano su un asse che ha, ad un estremo, la conservazione del patrimonio artistico e, all’altro, la sua valorizzazione. Partendo dalla scarsità di risorse economiche disponibili, dovremmo investire di più nella conservazione o nella promozione del nostro patrimonio artistico? E, se si ritiene opportuno investire in entrambi, in che misura dovremmo finanziare l’uno e l’altro? Risponderanno a queste e a tante altre domande sul tema gli ospiti del quarto appuntamento di Segnavie 2015.



ALCUNI DEI PRINCIPALI DATI DELL’11° RAPPORTO FEDERCULTURE

Ø Torna a crescere la domanda in cultura con ampie differenze territoriali

Secondo l’11° Rapporto Federculture, presentato a luglio, la fase peggiore della crisi sembra passata e anche nel settore culturale si avvertono i primi segnali di ripresa. Le politiche culturali degli ultimi due anni hanno gettato le basi per un futuro sviluppo. Molta strada, tuttavia, resta ancora da percorrere per portare la cultura al centro delle strategie di crescita del Paese, riconoscendole un ruolo importante di propulsore dello sviluppo economico e sociale.

La domanda di cultura torna a crescere, ma permangono ampie differenze territoriali e una forte astensione. Il 2014 ha segnato un riavvicinamento dei cittadini alla cultura: musei e mostre hanno fatto registrare, rispetto al 2013, +7,7% di visitatori. Il rapporto degli italiani con le attività culturali e il patrimonio, tuttavia, è ancora da costruire, tanto che in molte aree del Paese l’80% dei cittadini non entra mai in un museo.

Ø Turismo: il Bel Paese attrae ma occorrono strategie di crescita

Sul fronte turismo, l’Italia cresce ma ad un ritmo inferiore rispetto ai principali competitor: l’incremento dei viaggiatori stranieri nel nostro Paese è stato del 2,2%, la metà della crescita turistica in Europa (4,5%).
Il nostro Paese non coglie ancora appieno le possibilità attrattive e di sviluppo, anche turistico, offerte dall’incomparabile ricchezza paesaggistica e culturale del territorio, in particolare nelle regioni del Sud.
Il settore più vivace è quello del turismo culturale. I flussi turistici nelle città d’arte incidono sul totale delle destinazioni turistiche per il 36% in termini di arrivi e per il 27% come presenze, con un trend di crescita costante negli anni e con una performance che è la migliore tra i diversi segmenti turistici.

Ø Resta aperto il nodo delle risorse economiche

Sul fronte delle risorse pubbliche: lo stanziamento del MiBACT è stabile intorno ai 1.500 milioni di euro l’anno (che tuttavia rappresentano solo lo 0,13% del PIL e lo 0,19% del bilancio dello Stato), quello del Fus (Fondo unico per lo spettacolo) è bloccato a 406 milioni di euro.

Dopo un prolungato calo, risale a quasi 2 miliardi l’anno la spesa in cultura dei Comuni, mentre diminuiscono del 18% gli investimenti delle Province. Le erogazioni liberali da privati e imprese, di cui si invoca costantemente il contributo economico per sostenere la cultura, sono diminuite del 19%.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news