LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2009-06-23 - Bressanone
Conservare e restaurare il legno
http://www.scienzaebeniculturali.it/

Conservare e Restaurare il Legno. Con questo tema il convegno di Bressanone vuole costituire un momento di ampia e approfondita riflessione sull’impiego di un materiale costruttivo di straordinaria importanza storica, architettonica, strutturale, decorativa e artistica, troppo frequentemente poco considerato.

E’ singolare infatti come, proprio per un elemento così diffuso nelle pratiche del costruire, da un lato gli studi siano assai poco sviluppati ed approfonditi nonché spesso volutamente costretti entro i limiti di un singolo intervento e, dall’altro, le rilevanti conoscenze conseguite sia nel settore diagnostico che in quello operativo, non abbiano dato luogo ad una letteratura altrettanto ricca.

D’altra parte è tuttora diffuso l’atteggiamento che considera gli elementi costruttivi in legno come parte accessoria di un edificio, quasi secondaria e, pertanto tranquillamente sostituibili.

Non è raro inoltre che tale atteggiamento sia legittimato da una visione acritica del problema, che assume quale unico parametro valido quello di un’efficienza di tipo strutturale o più in generale prestazionale; efficienza stabilita esclusivamente su criteri pensati per strutture realizzate con materiale nuovo (ad esempio per quel che riguarda solai in legno, serramenti, piani pavimentali e quant’altro) Il tema si complica, poi, quando gli interventi interessano elementi lignei aventi anche valore storico artistico; in generale tutte quelle componenti di rilevanza formale che in un edificio costituiscono il cosiddetto arredo fisso (dalle soffittature, alle balaustre, agli altari nelle chiese, ecc.) per i quali sono richieste competenze, sia in fase diagnostica che d’intervento, ancora maggiori.

Obiettivo principale del convegno, pertanto, e’ innanzitutto di registrare lo stato dell’arte muovendo dal quadro delle conoscenze che si sono acquisite e dei metodi e strumenti di cui dispongono gli operatori e, al contempo, individuare quali siano le conoscenze, i metodi e gli strumenti che si offrono oggi agli operatori per “mantenere” questo grande giacimento culturale.

E’ tuttavia evidente che l’incontro vuole rappresentare anche un’occasione per stimolare la ricerca verso nuovi temi e per valutare l’impatto che l’impiego di materiali moderni e nuove tecnologie (dal legno lamellare, al calcestruzzo, all’acciaio, alle resine, sino ai più recenti materiali compositi) hanno avuto sulle pratiche di conservazione dell’esistente.

E’ necessario, quindi, che il convegno affronti specifici temi attinenti all’architettura ma, per la particolarità del tema affrontato, non si escludono eventuali utili esplorazioni anche in altri campi disciplinari (come, per esempio, l’archeologia subacquea laddove si pongano in evidenza problematiche quali la conservazione del materiale bagnato; tema, come e’ noto, di grande importanza per la salvaguardia dei sistemi fondali su palificate) a condizione che cio’ rappresenti un’effettiva apertura verso la sperimentazione di pratiche virtuose improntate al riconoscimento dei materiali, alla valutazione attenta dei meccanismi di degrado, al recupero di saperi costruttivi e riparativi dimessi, sino all’adozione di procedure di minimo intervento che possano essere adottate anche in campo architettonico.

Conservare e restaurare il legno vuole essere un grande campo di esperienze a confronto dove, però, l’orizzonte – i limiti del campo - tenderanno ad essere proficuamente superati, dove probabilmente sarà più utile smentire prassi e luoghi comuni per innovare molti atteggiamenti che considerano gli elementi lignei come il risultato di una cultura costruttiva semplice e schematica invece che l’esito di una grande sapienza operativa che oggi ancora non sappiamo ri-conoscere.

Al fine di approfondire queste tematiche si invitano gli operatori del settore a sviluppare specifici contributi che affrontino i seguenti aspetti:

*

Scelte ed indirizzi
*

Conoscenza delle pratiche esecutive storiche
*

Esperienze di interventi significativi
*

Riflessioni sui rapporti normativi fra sistemi antichi e nuovi
*

Sviluppo di specifiche metodiche diagnostiche
*

Studi sul comportamento dei materiali e delle tecniche di intervento
*

Materiali e metodologie
*

Compatibilità e reversibilità
*

Durabilità e manutenzione

Proprio per la vastità del tema si raccomanda agli autori di inviare un riassunto di circa una pagina che sia però chiaramente esplicativo dei contenuti e della articolazione dei contributi, pertanto non verranno presi in considerazione testi puramente descrittivi o che non portino effettivi contributi innovativi.

Leggi il programma su www.scienzaebeniculturali.it



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news