LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

APPELLO AGLI ARCHEOLOGI
2018-12-17
POSTA DELLA REDAZIONE

APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

A più di due anni dalla attuazione della seconda fase della riforma organizzativa attuata da Franceschini sul Ministero per i Beni Culturali si può affermare senza reticenze e dubbi che, almeno per quanto riguarda larcheologia, essa è fallita e sta producendo risultati devastanti.
E possibile che lo stesso risultato negativo riguardi anche altri settori del Ministero, ma in quanto archeologi ci vogliamo occupare della nostra disciplina, a grave rischio di delegittimazione.
Di seguito elenchiamo lo stato dei fatti, oggettivi, che non crediamo possano essere smentiti.
1 Le Soprintendenze uniche hanno unestensione territoriale super provinciale, mentre le Soprintendenze archeologiche soppresse avevano quasi sempre estensione regionale; gli uffici sono quindi stati smembrati sia a livello del personale che delle strutture organizzative e scientifiche, con la conseguenza che molte Soprintendenze mancano degli strumenti adeguati (biblioteche, laboratori, archivi, depositi di materiali) per svolgere il lavoro di tutela a livello almeno accettabile; in altri casi questi strumenti sono stati atrofizzati e limitati a appendici di altri uffici.
2 Il patrimonio archeologico non è costituito solo dai monumenti visibili e dai reperti conservati nei musei, ma dai contesti conservati nel sottosuolo di tutte le città e in molti insediamenti del territorio. La tutela di questo patrimonio inestimabile, ma non inesauribile, dipende nei casi di scavi estensivi realizzati per opere pubbliche e private (parcheggi, fognature, gallerie, cave...) da scelte di conservazione o di scavo che dipendono da valutazioni scientifiche la cui responsabilità non può ricadere che su un dirigente archeologo (e non su altre professionalità o su presunti manager tuttologi). La sottovalutazione delle competenze specifiche in materia archeologica ha già provocato la diminuzione statistica degli scavi di archeologia preventiva (da dati preliminari della associazioni degli archeologi circa il 50% in meno nellultimo anno) con il rischio duplice e opposto della perdita irreversibile di contesti archeologici e di rallentamenti e fermi di lavori programmati per rinvenimenti archeologici imprevisti o non sufficientemente valutati.
3 Lo scollamento delle Soprintendenze dai musei e dai principali parchi archeologici, oltre a privare la tutela archeologica dei suoi maggiori strumenti di ricerca e promozione riducendola ad un puro esercizio burocratico finalizzato al mero rilascio di pareri secondo la prevalente prassi del settore architettonico-paesaggistico, ha provocato molteplici problemi operativi, a cominciare dalla destinazione dei reperti provenienti dai nuovi scavi, spesso collocati in depositi di fortuna, per la mancanza da parte di molte Soprintendenze di magazzini (rimasti nella sede centrale) e per la perdita dei depositi dei Musei Nazionali e delle aree archeologiche, ora appartenenti ai Poli o a Istituzioni Autonome, dipendenti da una Direzione diversa da quella delle Soprintendenze; per non dire della confusione di ruoli portata dalla riforma allinterno del Mibac, nei confronti dei Musei Civici e della cittadinanza, al di là della buona volontà dei singoli. Si ricorda, per chi non ne fosse consapevole, che i Musei Archeologici vivono grazie al continuo rapporto col territorio e con i nuovi apporti degli scavi, se no si congelano, come sta avvenendo (molto spesso anche grazie a Direttori che archeologi non sono)
Non ci si dilunga sui molti altri aspetti negativi della Riforma per larcheologia, che sono ben chiari a tutti gli addetti ai lavori in buona fede, al di là del clamore, enfatizzato ad arte, di alcune scoperte casuali o meno, che non compensano in ogni caso la rinuncia ad una politica di tutela attiva e programmata. Si rileva che lannullamento delle competenze specifiche lungi dal semplificare le procedure, in realtà provoca rallentamenti nelle decisioni, da parte di responsabili che non possiedono tutte le conoscenze necessarie e da organi collegiali spesso incompleti dal punto di vista delle diverse professionalità.
Crediamo sia assolutamente necessario, prima che la situazione degeneri ulteriormente:
1 - procedere al ripristino di Uffici di Soprintendenza autonomi esplicitamente dedicati alla archeologia, che esercitino insieme funzioni di tutela, ricerca e valorizzazione, ripristinando le sedi originarie
2 ripristinare la Direzione Generale Archeologia che garantisca coordinamento e omogeneità di azione a livello nazionale per quanto riguarda la tutela e aspetti specifici di rilievo nazionale come larcheologia subacquea e la numismatica
3 - riaccorpare alle Soprintendenze archeologiche i Musei Archeologici e le aree archeologiche non autonome
4 per la direzione dei più importanti musei e parchi archeologici si chiedono concorsi pubblici con commissioni di esperti in archeologia e non generiche selezioni svolte da ununica commissione eterogenea, che demanda la decisione finale al Ministro o a un Direttore Generale dal Ministro nominato.
5 garantire con regolamenti specifici la qualità, la dignità, i diritti scientifici e le responsabilità degli archeologi professionisti e degli archeologi che operano allinterno delle amministrazioni pubbliche, attraverso il possesso dei necessari requisiti universitari
Luigi Malnati già Direttore Generale alle Antichità
Stefano De Caro già Direttore Generale alle Antichità
Anna Maria Reggiani già Direttore Generale alle Antichità
Adriano La Regina già Soprintendente Speciale di Roma
Pietro Giovanni Guzzo, già Soprintendente Speciale di Pompei
Anna Maria Moretti, già Soprintendente Archeologo dellEtruria Meridionale e Soprintendente Speciale di Roma
Jeannette Papadopoulos già Dirigente per la tutela del Patrimonio archeologico
Raffaella Poggiani Keller già Soprintendente Archeologo della Lombardia
Francesco di Gennaro già Soprintendente Archeologo dellAbruzzo
Luigi Fozzati già Soprintendente Archeologo del Friuli Venezia Giulia
Bruno Massabò già Soprintendente Archeologo della Liguria
Maria Luisa Nava, già Soprintendente Archeologo della Campania
Annalisa Zarattini già Soprintendente Archeologo della Calabria

Lappello è rivolto oltre che ai dirigenti e ai funzionari archeologi in pensione che non siamo riusciti a raggiungere, agli archeologi in servizio nel Mibac e nei Musei Civici, ai colleghi che lavorano allinterno delle università e degli istituti di ricerca, agli archeologi professionisti e alle imprese di archeologia, forse i più danneggiati dalla riforma e ancora in attesa di riconoscimenti normativi adeguati, anche attraverso le associazioni di categoria.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news