LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteca Nazionale di Firenze: peggioramento dei servizi e degrado
2013-06-13
ASSOCIAZIONE DEI LETTORI DELLA BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE DI FIRENZE
Posta della Redazione



COMUNICATO STAMPA



LAssociazione dei Lettori della Biblioteca Nazionale di Firenze, da anni impegnata nella tutela della pi importante biblioteca del paese, si rivolta al Ministro dei Beni Culturali Massimo Bray con una lettera che denuncia il deterioramento dei servizi erogati e delle condizioni generali di questa istituzione che riveste una importanza centrale per la vita civile e la crescita democratica e la cui stessa sopravvivenza di fatto messa a repentaglio.

Nella lettera richiamiamo in particolare lattenzione sullassenza di un piano organico, che affronti in modo serio e non estemporaneo questioni vitali quali:

a) le risorse umane - ovvero come fare fronte al blocco del turn over e come razionalizzare limpiego del personale in servizio

b) gli spazi da adibire a nuovi magazzini per i libri. Ricordiamo che solo grazie al ricorso al Servizio Civile Regionale (il cui apporto peraltro sospeso fino al rinnovo della convenzione, a ottobre 2013) stato possibile iniziare a mettere qualche toppa alla situazione disastrata della catalogazione. Si segnala che impossibile in Biblioteca Nazionale a Firenze consultare libri recenti, infatti, la catalogazione in arretrato di anni e migliaia di libri giacciono nei magazzini, senza che la collettivit possa usufruirne.

Chiediamo che la cittadinanza venga adeguatamentea informata sulle condizioni effettive della biblioteca.



Ricordiamo che la Biblioteca nasce dalla volont testamentaria di Antonio Magliabechi, che, nel 1774 lasci propria raccolta privata a beneficio universale della citt di Firenze: dobbiamo registrare che oggi sembra a rischio lo stesso mandato costituzionale che, all'ART. 9 prescrive che la Repubblica "tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione".





Cogliamo loccasione per fare appello ancora una volta alle lavoratrici e ai lavoratori della Biblioteca, alla CGIL e a tutte le organizzazioni sindacali che le/li rappresentano, affinch si costituisca un fronte ampio per assicurare la tutela di questo bene comune.

Il direttivo di Assolettori
......................................................................................................................................................................................................................................


Al Ministro dei Beni e Attivit Culturali Massimo Bray

e p.c.

Alla Direzione della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Alla Direzione Generale per le biblioteche, gli istituti culturali ed il diritto d'autore

Al Segretariato Generale del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali

Oggetto: Reclamo per il drastico calo della qualit dei servizi offerti allutenza nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Invito a prendere provvedimenti.



Egregio Ministro Bray,

LAssociazione dei Lettori della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, associazione riconosciuta avente per oggetto la promozione del miglioramento dei servizi bibliotecari e, in particolare, la piena valorizzazione e la piena fruibilit del patrimonio librario e documentario della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze , segnala allattenzione del Ministro e della competente Direzione Generale i seguenti disagi che dagli scorsi mesi hanno comportato un considerevole calo dei servizi offerti al pubblico dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze:

1) Le distribuzioni al pubblico dei materiali sono state ridotte della met: da febbraio non sono pi effettuate distribuzioni pomeridiane (ad eccezione del marted quando non si hanno invece distribuzioni la mattina), per un totale di quattro distribuzioni giornaliere a fronte delle otto previste in precedenza.

2) Con decorrenza dal 12 febbraio 2012, non sono pi consultabili i quotidiani collocati presso il Forte Belvedere, pubblicati tra il 1864 e il 1984.

3) Lorario di apertura si ridotto di fatto: a fronte di unapertura nominale fino alle 19.00 gli utenti vengono invitati ad uscire dalla biblioteca alle 18.30 e i cancelli della struttura vengono chiusi alle 18.50.

4) LAssociazione dei lettori BNCF richiama lattenzione sulla difficile situazione della Biblioteca per quanto riguarda i magazzini in cui vengono depositati i libri. Da quanto ci risulta la Biblioteca ha quasi esaurito ogni spazio disponibile e si prevede che da qui a un mese non vi sar pi un solo metro quadro di magazzino di cui usufruire per collocare i libri. Tutto questo in assenza di un piano che affronti questa situazione e mentre migliaia e migliaia di volumi giacciono da anni nei magazzini in attesa di catalogazione, visto il numero esiguo dei catalogatori superstiti.

5) Per quanto a nostra conoscenza, manca un piano funzionale della Biblioteca, diversamente da come previsto dalla Carta dei Servizi e del Sistema Qualit, che dia notizie riguardo:

- le condizioni effettive della catalogazione;

- il rapporto di utilizzazione dei dipendenti tra i servizi resi all'utenza ed il personale addetto esclusivamente a mansioni amministrative di ufficio;

- la tempistica con cui saranno accessibili nuovi spazi di magazzini per i libri che attualmente giacciono non catalogati o catalogati ma in attesa di essere collocati;

- la tempistica con cui saranno accessibili i quotidiani che si trovano al Forte Belvedere, oggi preclusi allo studio;

- leffettiva situazione della cosiddetta ala nuova, sita in via Magliabechi, destinata in parte a ospitare magazzini librari e attrezzata con diversi chilometri di scaffalature metalliche - il cui acquisto ha richiesto una spesa ingente -, a tutt'oggi inutilizzabile per problemi dovuti a test di collaudo non superati;

- i progetti e le risorse stanziate relativamente ai locali di pertinenza della Biblioteca, presso la ex Caserma Curtatone e Montanara;

-la ventilata creazione di unEmeroteca Nazionale presso i locali della ex Manifattura tabacchi.

Si segnala inoltre la richiesta dellAssociazione alla Direzione della BNCF di pubblicare sul sito istituzionale della Biblioteca i dati riguardanti i bilanci dellultimo esercizio concluso, e in subordine di trasmetterceli in forma sintetica al fine di poter esercitare una verifica sulla gestione delle risorse pubbliche. Considerato che proprio la nostra Associazione gi in passato ha contribuito attivamente al restauro degli arredi e si era resa disponibile a contribuire ulteriormente, ci pare di aver dimostrato in concreto la nostra volont di aprire confronti costruttivi mirati al miglior funzionamento dei servizi.

Infine, si segnala la nostra perplessit in ordine alla concessione dei locali per manifestazioni c.d. in conto terzi allinterno della Biblioteca (su tutti si veda l'evento mondano curato dallAssociazione I love disco). In tali eventi, la collaborazione con soggetti privati non risultata vincolata ad un miglioramento strutturale dei servizi pubblici e ad una efficace valorizzazione del patrimonio culturale; tutto ci mentre noto che lutenza costretta a lavorare in condizioni disagevoli, soprattutto in inverno, a causa del cattivo funzionamento degli impianti di climatizzazione e persino di infiltrazioni di acqua dal tetto che costringono allutilizzo di teli di cellophane per coprire libri e arredi in Sala di Consultazione.

Assolettori esprime la propria gratitudine al personale della Biblioteca che svolge con spirito di servizio e dedizione il proprio lavoro. La consapevolezza delle grandi difficolt di gestione derivanti dai tagli delle risorse e dal blocco del turn-over, e quindi della complessit dei compiti della Direzione nellassicurare il funzionamento e il futuro dellistituzione, spinge lAssociazione a sentire con grande preoccupazione lassenza di risposte adeguate alle esigenze dellutenza per la piena fruizione del patrimonio bibliotecario custodito a Firenze. La BNCF, anche per via della catalogazione, svolge un ruolo nazionale essenziale, che esula dalla sua funzione territoriale, pur cos importante.

Si chiede pertanto cortesemente al Ministro di:

1) portare alla conoscenza delle/degli utenti quali siano veramente le condizioni operative ed organizzative della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e quali siano le linee programmatiche che la competente Direzione Generale intende perseguire per il miglior funzionamento ed utilizzazione della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze;

2) prendere i dovuti provvedimenti a che i suddetti disagi siano al pi presto rimossi o almeno ridotti nell'interesse di tutta la collettivit.

Per il direttivo dellAssociazione

Prof.ssa Natalia Piombino

Sig. Edoardo Caterina

Prof.ssa Maria Pia Paoli

Prof. Francesco Quinterio

Prof. Carlo Spagnolo

Prof. Eric Nicholson

Firenze, 4 Giugno 2013



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news