LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO, SEDE DELLEXPO 2015, CANCELLA LA MEMORIA DI PETRARCA APPELLO ALLEUROPA
2012-03-04
CSA Comitato Salvaguardia Ambiente e Cultura
Mail alla Redazione del 28-2-2012

Lodissea di un bene culturale europeo: Cascina Linterno.


Salve, terra santissima, cara a Dio, salve
Dimora delle Muse, ricca di tesori e di eroi,
alle cui altissime imprese presiedettero insieme
larte e la natura, facendoti maestra del mondo,..
Salve, mia bella madre, gloria del mondo, salve.

Anche lui lo sapeva e orgogliosamente lo scriveva, il nostro Francesco Petrarca, quando parlava dellItalia, il nostro Bel Paese straripante di arte e natura e il mondo le guarda con invidia e con sufficienza quando, troppo spesso, ne trascuriamo limportanza, dissipando questi beni inestimabili.

La cascina LINTERNO, che una tradizione secolare e antiche fonti documentarie identificano nella dimora di Francesco Petrarca a Milano, in questi anni oggetto di curiose (per non dire oscure) azioni tendenti alloblio di questo fatto storico di primaria importanza. Ovunque il nostro poeta ha posto la sua dimora, anche per pochi giorni, quel luogo, anche se incerto, oggetto di culto e motivo di iniziative culturali, qui invece ci si affanna nel tentativo di cancellare questo ricordo, senza addurre motivi validi e si stende una cortina fumogena che non fa che destare sospetti.

I cultori di Petrarca temono che questo luogo, unico a Milano, sia vittima di una speculazione finalizzata alla distruzione o lo snaturamento di quanto sancito per Cascina Linterno dal vincolo della Soprintendenza per i Beni Architettonici ai sensi del D.Lgs 42/2004 con D.M. del 9 marzo 1999.
Forse il Comune di Milano non sa che con lacquisizione si assunto limpegno morale e legale di trasmettere questo bene ai nostri figli?
Perch dallacquisizione pubblica non si ancora mosso un mattone e tutto sembra caduto nel silenzio, quasi si attendesse che il Monumento storico cada a causa della sua vetust?
A chi fa gola questa vecchia cascina?
Perch questo rifiuto totale a prendere in considerazione la figura di Petrarca?

In tutta Europa il nome di Petrarca suscita emozione; i francesi lo considerano loro concittadino e lo venerano; in Inghilterra la sua lirica considerata la sorgente della loro poesia. Il nostro poeta percorse le strade di molta parte dEuropa e potrebbe essere considerato come il primo poeta precursore dellUnione Europea!

Nonostante questo la citt di Milano si prepara con improvvida disinvoltura a cancellarne la memoria. A Milano visse per otto anni, i pi intensi e produttivi della sua vita, e si ricorda questo avvenimento solo con una piccola targa, cercando di cancellare, con una protervia degna di miglior causa, lunica testimonianza ancora esistente, dilapidando lunica occasione rimasta per degnamente commemorarlo.

LINTERNO va invece valorizzata come LUOGO DI RIFERIMENTO EUROPEO per la sensibilizazione ed educazione delle nuove generazioni al Paesaggio.

Questo non pi il Bel Paese se si pianifica la distruzione di un bene e di una memoria che i nostri avi, con tanti amore, ci hanno lasciato in eredit Questo Paese non merita pi di essere chiamato bello se loperazione cancellazione della memoria petrarchesca andasse in porto: se cos fosse, questa terra diventerebbe veramente una bolgia dove solo larroganza del potere e del pi forte ottiene ci che vuole, sempre a scapito di chi, senza secondi fini o interessi economici, cerca di tramandare ai posteri ci che stato lasciato in eredit.

Francesco Petrarca, per secoli, fu lunico italiano di riferimento europeo per quanto riguarda la letteratura e la poesia; un esempio ed un faro, all'origine del petrarchismo come genere letterario.
Il Poeta uno dei pilastri della cultura occidentale. stato il primo umanista della storia, ha recuperato il culto degli autori della romanit classica, studiandoli e facendoceli conoscere, la sua biblioteca era la pi importante del tempo, escludendo le raccolte monastiche o principesche.
La modernit dellintellettuale Petrarca risiede nella sua dimensione di cittadino europeo ante litteram, studioso e viaggiatore libero e infaticabile, aperto alla comunicazione e al dialogo con le autorit politiche e intellettuali dellepoca.

Ci appelliamo alla Convenzione dell'Aja - Secondo Protocollo - Capitolo II (articoli da 5 a 9 - pianificazione di misure d'emergenza per la protezione contro incendi o collassi strutturali) che tutela i beni, mobili o immobili, di grande importanza per il patrimonio culturale dei popoli: i monumenti architettonici, di arte o di storia, religiosi o laici; i siti archeologici; i complessi di costruzioni che, nel loro insieme, offrono un interesse storico o artistico.

Per questi motivi, si chiede al Parlamento europeo e alle associazioni culturali europee,
di riconoscere i principali luoghi legati a Francesco Petrarca:
COME LUOGHI DELLA MEMORIA DA PRESERVARE E VALORIZZARE.
- AREZZO -
- FONTAINE DE VAUCLUSE (Francia) -
- SELVAPIANA (Parma) -
- LINTERNO (Milano) -
- ARQU PETRARCA (Padova) -

AREZZO - CASA DI FRANCESCO PETRARCA
L'attuale costruzione di Borgo dell'Orto stata eretta nel Cinquecento, sui resti di un edificio medioevale tradizionalmente ritenuto la casa natale del poeta. In effetti, pi volte il Petrarca dichiara di essere nato ad Arezzo: in una sua epistola, precisa anche che, tornando da Roma dopo il giubileo del 1350, si ferm ad Arezzo, dove i concittadini gli fecero festosa accoglienza e lo condussero a vedere la sua casa natale, che le autorit cittadine avevano vietato di modificare.
L'edificio fu per molti anni dimora privata, poi divenne sede della Questura di Arezzo, e tale rimase fino al 1926, anno in cui fu restaurato. Attualmente, esso ospita la prestigiosa Accademia Petrarca di Lettere Arti e scienze, e conserva una ricca biblioteca, il cui nucleo costituito dal fondo donato da Francesco Redi, con incunaboli e preziose edizioni antiquarie, nonch una preziosa quadreria di valore. L'Accademia dispone anche di una bella collezione di monete di varie epoche.

FONTAINE DE VAUCLUSE (Francia, Dipartimento della Vaucluse della Regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra) - CASA DI FRANCESCO PETRARCA
Questo villaggio si chiamava una volta semplicemente Vaucluse: la valle chiusa (Vallis Clausa in latino). Vaucluse poi divenuto il nome del dipartimento, quando questo fu istituito nel 1793 durante la Rivoluzione francese.
A Fontaine-de-Vaucluse soggiorn a lungo Francesco Petrarca, che sarebbe stato ispirato proprio dalla Sorga (Sorgue) per i famosi componimenti dedicati a Laura, come Chiare, fresche et dolci acque.
Fontaine de Vaucluse gemellata con Arqu.

SELVAPIANA (Parma) - MONUMENTO DI FRANCESCO PETRARCA
Il tempietto situato in amena posizione presso il poggio delle Pendici.
Nell'estate del 1341 il Petrarca, ospite di Azzo da Correggio nel vicino castello di Guardasone, ebbe occasione di salire a Selvapiana e di tale visita scrisse a Barbato di Sulmona facendone ricordo nella Epistola "Ai posteri". Il luogo gli piaque tanto che lo allett al punto da riprendere il poema interrotto dell'Africa. Nel 1815 alcuni insigni cittadini di Parma, tra cui il Marsand, pensarono di erigere un monumento al Petrarca in Selvapiana, allora territorio Parmense. L'idea non ebbe subito attuazione e solo nel 1835 una Societ di studiosi pot acquistare un terreno sulla destra dell'Enza, chiamato "Alle Pendici" e su di esso nel 1838 con disegno dell'architetto Nicol Bettoli, realizzare il Tempietto che ancora si vede.
LINTERNO (Milano) - CASA DI FRANCESCO PETRARCA http://fr.wikipedia.org/wiki/Cascina_Linterno
Linterno un'antica grangia del contado milanese esempio significativo di Corte chiusa Lombarda, nota per la consolidata tradizione che la identifica tra i quattro luoghi di cui si ha notizia come dimore di Francesco Petrarca durante il suo soggiorno milanese (dal 1353 al 1361): l'unica tuttora visibile. La dimora agreste del Poeta viene documentata a partire dall'esplicito riferimento della lettera autografa di Petrarca all'amico Moggio di Parma (20 giugno 1360) e proseguendo coi riferimenti al luogo (detto "Infernum" fino al XVI sec.) contenuti in diversi incunabuli successivi.
Un tempo sita al quarto miglio di distanza dalla citt, oggi inglobata nel tessuto urbano del comune di Milano, e tuttavia rimane immersa in un peculiare contesto paesaggistico che conserva importanti testimonianze dell'antico paesaggio agricolo: fontanili e marcite presso uno dei principali parchi della citt, il Parco delle Cave, inserito in un sistema del verde (il progetto "parco dei sentieri interrotti") riconosciuto internazionalmente.
monumento nazionale, anche se in condizioni di estremo degrado.

ARQU PETRARCA (Padova) - CASA DI FRANCESCO PETRARCA
Arqu Petrarca un Borgo medievale che conserva immutato il fascino di un tempo ed considerato la perla dei Colli Euganei.
Abitato fin dai tempi romani, acquist importanza dopo che Francesco Petrarca, sommo poeta della lingua italiana, desider trascorrere gli ultimi anni della sua vita nella caratteristica serena quiete del luogo. Il paese ne conserva la casa e la tomba con le spoglie. Il richiamo alla memoria del poeta favor nei secoli successivi il sorgere di case e ville di molte famiglie venete, che costituiscono oggi un patrimonio artistico ed architettonico degno di essere visitato e rivisitato con religiosa attenzione.
I recenti interventi, i cui sforzi sono stati finalizzati alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio storico e naturalistico, hanno dato i loro frutti ed oggi la Citt di Arqu Petrarca stata ammessa al ristretto club dei Borghi pi Belli d'Italia.


Principali tappe dell'odissea della Linterno.

- Primavera 1994 - in fase di attuazione il Progetto Adamoli che demolisce Cascina Linterno per un residence di lusso;
- primavera 1994 - nasce l'Associazione Amici Cascina Linterno per fronteggiare le ruspe;
- dicembre 1994 - delibera comunale della Giunta Formentini che, sulla spinta dell' appello di decine di intellettuali, salva la Cascina dallo stravolgente progetto, giunto ormai in fase attuativa, che ne prevedeva la trasformazione in una residenza di lusso;
- novembre 1996 la scuola msm Benedetto Marcello aderisce al progetto europeo della Fondation Pgase, che segnala Cascina Linterno al Ministero dei Beni Culturali;
- marzo 1999 - Decreto del Ministero dei Beni Ambientali e Architettonici (Cascina Linterno Monumento nazionale vincolato ai sensi della legge n.1089 1/6/39 con D.M. 9/3/99);
- settembre 1999 - studio progetto con la Fondazione Don Carlo Gnocchi (progetto studio Arching);
per un centro di accoglienza disabili (ippoterapia) e centro studi petrarcheschi;
- novembre 2002 - sfratto dell'agricoltore e di conseguenza, dellassociazione ACL Amici Cascina Linterno; grande manifestazione a Palazzo Marino per salvare la dimora di Petrarca e la sua agricoltura;
- dicembre 2003 riconoscimento ad ACL dell'Attestato di Benemerenza Civica Ambrogino d'Oro. Nella motivazione di questo importante encomio pubblico che ha sancito l'importanza del nostro operato: Da un decennio, in quella che fu la residenza milanese di Francesco Petrarca, con spirito di sacrificio si batte per la tutela del Parco delle Cave, il mantenimento delle attivit agricole a Baggio e la salvaguardia dell'antico insediamento rurale. La sua opera per la conservazione del patrimonio culturale gode del rinnovato plauso degli abitanti della zona.;
- primavera 2005 - Cascina Linterno si classifica come primo Luogo del Cuore a Milano alla seconda edizione del referendum del FAI Fondo Ambiente Italiano;
- primavera 2005 - la Soprintendenza impone alla propriet la messa in sicurezza di parte della Cascina;
- dicembre 2005 - dopo tre anni di estenuante coinvolgimento pubblico ad oltranza - in campo culturale, istituzionale, mediatico e sociale - viene ratificato il rientro dellAssociazione Amici Cascina Linterno in Cascina sulla base dell'accordo tra l'onorevole Maurizio Lupi per le Istituzioni e la nuova propriet: Claudio De Albertis;
- febbraio 2007 - delibera comunale relativa all'adozione del Piano Integrato di Intervento "Calchi Taeggi" che sancisce la presenza dellAssociazione Amici Cascina Linterno. La delibera prevede la realizzazione di un complesso residenziale sull'ex Cava di Garegnano - situata tra le Vie Parri e Calchi Taeggi - e la cessione gratuita al Comune di Milano, a titolo di standard qualitativo, di Cascina Linterno e delle sue pregiate aree agricole, oltre ad uno stanziamento di 1 Milione di Euro per il suo restauro e di altri 5 Milioni per opere nel Parco delle Cave. Per il restauro della Cascina previsto un altro milione di Euro, gi messo a bilancio dalla Giunta Albertini;
- primavera 2007 - le marcite di Cascina Linterno sono al primo posto a Milano alla terza edizione del referendum del FAI "I Luoghi del Cuore";
- un gruppo di associazioni del Parco delle Cave spinge per delegittimare Petrarca dalla Linterno, senza avere alcuna cognizione di causa in merito;
- primavera 2009 passaggio di Cascina Linterno dalla propriet privata a quella comunale, in parallelo al via del cantiere del PII Calchi Taeggi, che successivamente viene chiuso per forti pressioni ambientaliste contrarie;
- autunno 2009 - sopralluogo del Comune di Milano. Nelloccasione un dirigente afferma che la presenza di Petrarca non certa e il Comune potrebbe vendere limmobile per i forti oneri del restauro;
- 9 giugno 2010 - acquisizione da parte del Comune di Milano;
- settembre 2010 - progetto ACL consegnato alle Istituzioni. Il progetto prevede la realizzazione di un Centro Studi Petrarchesco con Sala per conferenze, Biblioteca specializzata ed una struttura ricettiva. Parimenti viene previsto un centro del Patrimonio Agricolo.
- ottobre 2010 - delibera comunale che cancella ogni riferimento a Petrarca a Cascina Linterno dando un connotato esclusivamente rurale al Monumento storico. Una mobilitazione di 300 studiosi e cittadini blocca in extremis questa delibera che distruggeva i preziosi reperti dellappartamento petrarchesco;
- gennaio 2012 - viene riproposta in Consiglio di Zona 7 la medesima delibera, senza lapprovazione della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Ambientali.



news

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

05-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

Archivio news