LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAnno che Verr !!!
2009-01-07
T. A. T. Sicilia

Cosa accadr nel nuovo anno?
La Befana a chi porter il carbone ed a chi i dolcetti ?
Noi della T.A.T. riteniamo che il 2009 dovr essere utile per imbastire linee strategiche per lo sviluppo socio-economico della Valle del Mela.
Ci piacerebbe, per una volta, sostituirci alla Befana. Distribuire tanto carbone ed invece questa volta ci limitiamo a desiderare il vero cambiamento affinch i temi critici e caldi trovino la soluzione.

I punti caldi e critici sono :

a- Centrale di compressione Gas a Monforte Marina, lattuale silenzio non significa desistenza, siamo certi che il proposito di chi vuole questa infrastruttura tecnologica vivo, ma il contrasto sar piuttosto duro, noi siamo per un deciso NO!! Siamo convinti che il management politico regionale, provinciale e dello stesso Comune permetteranno la esecuzione dellopera, ma noi faremo di tutto per inchiodarli alle loro responsabilit;
b- LHMU3, limpianto per la produzione di idrogeno della Raffineria di Milazzo inizier i lavori ad aprile del 2009, altra opera utile solo chi produce e non al territorio della Valle del Mela;
c- Il nuovo Elettrodotto Terna da 380 KV che attraversa comuni e coltivazioni, anche di tipo pregiato, con procedura poco trasparente o se preferite con procedura costruita per favorire la realizzazione senza alcun rispetto del patrimonio storico e paesaggistico;
d- Il potenziamento della Centrale termoelettrica Edipower di S. Filippo del Mela, a fonte di modeste opere di mitigazione delle emissioni in atmosfera;
e- Il degrado fisico ed ambientale del territorio della Valle del Mela, aggravato da un piano industriale disordinato quale quello dellA.S.I., che non ha mai funzionato;
f- La grave presenza di malattie degenerative e croniche respiratorie;
g- Linesistente sviluppo socio-economico;
h- La grave assenza di una vera strategia dello sviluppo.

Tutto questo sotto gli occhi di tutti e non una nostra valutazione, purtroppo la triste realt. Bisognerebbe altres individuare i fannulloni e/o i furbacchioni, volendola pensare alla stessa maniera del noto Ministro Brunetta, che ancor meglio precisa : Noi Italiani siamo quelli che, in Europa, crescono di meno. Perdiamo competitivit e questo si deve ad arretratezze strutturali, fra le quali una pubblica amministrazione costosa ed inefficiente. .. La fannullonicrazia nemica di tutti e buona solo per chi ne approfitta.
In Sicilia, oltre a quanto il Ministro Brunetta combatte, vi una burocrazia creata e modellata per realizzare opere utili solo agli speculatori: proprio un coacervo di furbizia che sembra sfuggire alle pi semplici logiche della efficienza economica e dello sviluppo sostenibile.
Purtroppo le linee di azione del Ministro Brunetta sono a nostro avviso limitate, non siamo daccordo al rinvio della entrata in vigore della normativa sulla Class Action ne alla impostazione operativa della stessa, come a dire si pu agire purch la azione collettiva non danneggi il soggetto responsabile Non capiamo il senso di tanta prudenza. Letica non pu essere mitigata.
In Sicilia la normativa Urbanistica non evoluta per rappresentare una precisa garanzia di sviluppo ordinato, ogni atto pu essere preordinato per consentire privilegi a chi nel modo convenuto li ha invocati. A prova di ci sufficiente valutare il disordinato sviluppo dei nostri agglomerati urbani sospinto dalla speculazione edilizia e dal profondo nichilismo utilitaristico.
Orbene, se la Magistratura ci volesse mettere il naso, capita che il reato non viene riscontrato, poich la legge o la normativa, non essendoci non stata violata, ma sono stati violati i diritti dei cittadini, il diritto Costituzionale al lavoro, alla salute, allo sviluppo sostenibile, ai servizi.
Lo Stato in questa terra mostra tutti i suoi limiti, la questione meridionale una questione intellettuale, etica e morale.
Bisognerebbe trasformare questa inefficiente borghesia per liberalizzare i diritti, la vera democrazia.
Ogni sforzo riformista viene vanificato, speravamo tanto nel Federalismo, ma se sar annacquato sar una ulteriore inutile riforma.
I bisogni sono tanti e gravi, il sistema occupazionale mortificato dalleccessivo assistenzialismo, i comuni come prima forma di governo che il cittadino incontra, sono ampiamente disorganizzati e grava il sospetto che ci sia voluto; Quindi del meridionale che migra per cercare lavoro o democrazia, verso una vita pi dignitosa, lasciando che i gretti speculatori saccheggino persino i loro ricordi, nessuno ne parla.

La descrizione dellinfernale condizione della Valle del Mela o dei Veleni, e penso del meridione in genere, ormai nota, eppure quando Vittorio Sgarbi incitava il vulcano a distruggere ci che gli speculatori avevano distrutto, tutti hanno gridato allo scandalo, ma nessuno ha pensato al turbamento del personaggio, nel vedere la bellezza della nostra terra saccheggiata, vilipesa ed offesa.

Basta piangersi addosso, scrolliamoci della inefficienza e misuriamoci in ci che vogliamo.
Stimatissimo Ministro Brunetta, se nellamministrazione pubblica ci sono parecchi fannulloni, nel managment politico ci sono parecchi furbacchioni, dallattuale Governo ci si aspetta parecchio, non solo ridurre i fannulloni e migliorare la efficienza della macchina amministrativa, ma snidare i furbacchioni, quelli che utilizzano le risorse pubbliche per accrescere il consenso elettorale, quelli che concertano forme di sviluppo in spregio alla sussidiariet e sostenibilit, quelli che danno coperture per lo sperpero.
Nella Valle del Mela, accadono cose piuttosto strane, un inefficiente polo industriale, ubicato in una fascia costiera bellissima, genera da sempre degrado fisico del territorio e dellambiente, genera gravi patologie per la salute, non genera economia di base, i profitti di tali aziende risiedono altrove, le strutture ospedaliere sono incapaci a contrastare le malattie degenerative, e si commenta tale realt con scelta sbagliate del passato.

Ci chiediamo:

Perch si continua a potenziare tali scelte ?
Perch nelle Valutazioni di Impatto Ambientale, le compensazioni ambientali sono inesistenti ? Perch si fa passare tutto questo come scelte strategiche ?

Noi abbiamo una visione diversa dello sviluppo economico ordinato e sostenibile.
Mi pare che tale realt non giovi alla crescita sociale, la gente non capisce perch si debba pagare con la propria salute una particolare forma di sviluppo, non capisce perch certi finanziamenti giungono alle aziende che inquinano e non a sostenere una vera politica del risanamento, non capisce perch per circa mille addetti a queste industrie ottantamila cittadini debbono rinunciare ad altre forme di sviluppo e vivere in gravi condizioni di rischio.
Non capisce perch taluni amministratori si prodigano nel sostenere gli interessi degli speculatori e noi dei cittadini stessi.

Non siamo avversi allo sviluppo industriale, lo siamo quando questo avviene nei modi e nelle forme fin qui adottate.

In questo 2009, riproponiamo le forme di compensazione necessarie per innescare una politica del risanamento, del riequilibrio, ed a quelle forme di sviluppo nel rispetto della sostenibilit.

Noi riteniamo che le responsabilit siano diffuse fra chi inquina e degrada, e chi lo permette, in questo caso le istituzioni.
Il degrado fisico ha consentito il minor valore dal patrimonio privato, impedito altre forme di sviluppo economico come il turismo, ha fortemente inciso sulla salute pubblica-

La industria principale che produce idrocarburi, ospita un impianto pericolosissimo LC Finning, ed oggi, grazie a particolarissime procedure, riuscita ad ottenere lautorizzazione per realizzare un nuovo impianto denominato HMU3, per la produzione di idrogeno, necessario per lavorare il greggio ad alto contenuto di zolfo proveniente probabilmente dalla Libia. Qui si avvera la strategia, lidrogeno viene ottenuto con sistema Shift dal metano, il metano viene fornito dalla Rete gas Snam, che a sua volta ha in atto, la realizzazione della centrale di compressione gas nel contestatissimo sito a Monforte Marina ai limiti di zone delimitate ma facilmente manipolabili.
Nello stesso tempo la Edipower, che produce energia elettrica con impianti ad olio, potenzia i suoi impianti a 1600 Mgwatt, e la Soc Terna Spa, progetta il nuovo elettrodotto Terna da 380 KV ed attiva procedura autorizzativa molto discussa . Nella impostazione strategica non citiamo altre iniziative soppresse come laeroporto del Mela, il polo nautico etc.
Quindi una gestione strategica degli interventi in un habitat favorevole, senza alcuna contropartita utile per le problematiche ambientali, le conseguenze di tali scellerate scelte, chi li pagher se non lo Stato.
La Edipower riuscita ad ottenere la certificazione EMAS, cosa sorprendente, ma in Sicilia questo pu accadere, mentre le centraline da essa acquistate per il monitoraggio dellinquinamento atmosferico, sono state consegnate alla Provincia di Messina ma non vengono attivate. LArpa totalmente assente, il Comune di S. Filippo del Mela che ospita la Centrale termoelettrica entra in Agenda 21, il Comune di Milazzo accoglie con entusiasmo la legge contro le puzze.
LA.S.I. cerca di aggiornare il suo piano per adeguarsi ai nuovi impianti.
Questa la situazione di sintesi tecnica e non tecnica della Valle del Mela, ed i comuni che ne fanno parte soccombono al ricatto occupazionale.
Non si capisce perch lAss.re Regionale del Friuli si permette di intimare alle industrie che inquinano di non farlo, pena la chiusura della attivit mentre quello della Regione Sicilia silente.

Lo scrittore Romano Battaglia, scrive che il silenzio uno spazio necessario per trovare la propria identit . La nostra vita scorre in mezzo al chiasso, tra fiumi di parole spesso inutili che servono solo a coprire le nostre incertezze su questa nostra et tanto progredita tecnologicamente e tanto umanamente regredita .
Ma non crediamo a tanta prospezione interiore, il silenzio forse strategico, ed in Sicilia pieno di significati.
Per lanno che verr, rivendichiamo il riconoscimento dei diritti ed

il Principio dello sviluppo sostenibile :

1. Ogni attivit umana giuridicamente rilevante deve conformarsi al principio dello sviluppo sostenibile, al fine di garantire che il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni attuali non possa compromettere la qualit della vita e le possibilit delle generazioni future.
2. Anche l'attivit della pubblica amministrazione deve essere finalizzata a consentire la migliore attuazione possibile del principio dello sviluppo sostenibile, per cui nell'ambito della scelta comparativa di interessi pubblici e privati connotata da discrezionalit gli interessi alla tutela dell'ambiente e del patrimonio culturale devono essere oggetto di prioritaria considerazione.
3. Data la complessit delle relazioni e delle interferenze tra natura e attivit umane, il principio dello sviluppo sostenibile deve consentire di individuare un equilibrato rapporto, nell'ambito delle risorse ereditate, tra quelle da risparmiare e quelle da trasmettere, affinch nell'ambito delle dinamiche della produzione e del consumo si inserisca altres il principio di solidariet per salvaguardare e per migliorare la qualit dell'ambiente anche futuro.
4. La risoluzione delle questioni che involgono aspetti ambientali deve essere cercata e trovata nella prospettiva di garanzia dello sviluppo sostenibile, in modo da salvaguardare il corretto funzionamento e l'evoluzione degli ecosistemi naturali dalle modificazioni negative che possono essere prodotte dalle attivit umane.

I Principi di sussidiariet e di leale collaborazione

Lo Stato interviene in questioni involgenti interessi ambientali ove gli obiettivi dell'azione prevista, in considerazione delle dimensioni di essa e dell'entit dei relativi effetti, non possano essere sufficientemente realizzati dai livelli territoriali inferiori di governo o non siano stati comunque effettivamente realizzati.
Il principio di sussidiariet opera anche nei rapporti tra Regioni ed enti locali minori.

Diritto di accesso alle informazioni ambientali e di partecipazione a scopo collaborativi:

1. In attuazione della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, e delle previsioni della Convenzione di Aarhus, ratificata dall'Italia con la legge 16 marzo 2001, n. 108, e ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195, chiunque, senza essere tenuto a dimostrare la sussistenza di un interesse giuridicamente rilevante, pu accedere alle informazioni relative allo stato dell'ambiente e del paesaggio nel territorio nazionale.

Il concetto del danno ambientale

da applicarsi a qualsiasi deterioramento significativo e misurabile, diretto o indiretto, di una risorsa naturale o dell'utilit assicurata da quest'ultima. Ai sensi della direttiva 2004/35/Ce costituisce danno ambientale il deterioramento, in confronto alle condizioni originarie.

LAttuazione del principio di precauzione

In applicazione del principio di precauzione di cui all'articolo 174, paragrafo 2, del Trattato Ce, in caso di pericoli, anche solo potenziali( mediante analisi o valutazione scientifica obiettiva), per la salute umana e per l'ambiente, deve essere assicurato un alto livello di protezione.
Il fatto che il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, in applicazione del principio di precauzione, ha facolt di adottare in qualsiasi momento misure di prevenzione, ai sensi dell'articolo 304 (non ci pare che tale principio abbia trovato riscontri nella valutazione di Impatto Ambientale delle iniziative sopra elencate)

Proposta essenziale per il riequilibrio ed il risanamento

1- contrastare il degrado ed il minor valore del patrimonio consentendo lacquisto, nella Valle del Mela, dei prodotti energetici ( carburanti, energia elettrica, gas ) a prezzi agevolati ;
2- Assentire la realizzazione di nuovi impianti o lampliamento di quelli esistenti, solo se ad emissione zero, e non accrescano il degrado;
3- Stimolare la formazione di strumenti normativi per la valorizzazione paesistica e del patrimonio storico culturale;
4- Riqualificare la struttura sanitaria per renderla idonea alla emergenza delle patologie degenerative;
5- Rigenerare limpianto normativo per lo sviluppo ordinato e sostenibile del territorio della Valle del Mela;


Milazzo l 3 Gennaio 2009


Il Vice Presidente T.A.T.
Arch. Salvatore Crisafulli





news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news