LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paesaggi sfigurati. La controversa, preoccupante gestione dei beni culturali e ambientali del Nisseno. Esposto-documento di Italia Nostra e Lipu
2008-02-21
ITALIA NOSTRA - Onlus Consiglio Regionale Sicilia

Sezione di Caltanissetta
Uffici - viale Conte Testasecca, 44
93100 Caltanissetta, Italia

tel. 0934.554907 fax 0934.542677
tel. 333.2822538
leandrojanni@tiscali.it

LIPU - Onlus Uffici - viale Sicilia, 77 93100 Caltanissetta tel. 339.2298139 avocetta@gmail.com


Caltanissetta, 8 Febbraio 2008

L'articolo 9 della Costituzione della Repubblica Italiana, al secondo comma, recita: "La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione". Laddove per "Repubblica" si intende il Comune, la Provincia, la Regione, la Soprintendenza e cos via di seguito.

Abbiamo la sgradevole sensazione - se non la fondata certezza - che nel Nisseno le istituzioni repubblicane tutelino poco il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Il caso dell'intervento, in corso di realizzazione, nei pressi e all'interno dell'area archeologica di contrada Raffe, nei territori millenari del cosiddetto Vallone, tra i comuni di Sutera e Mussomeli, ci pare emblematico di tale debole tutela istituzionale del paesaggio e del nostro patrimonio.

"Lavori di sistemazione a parco della zona archeologica in contrada Raffe - 1 stralcio" recita il tabellone di cantiere, nei pressi di un erigenda "muraglia" in cemento armato e di un'antica, pregevole casa cantoniera. Siamo in contrada Raffe, e stiamo parlando dell'intervento segnalato di recente da un cittadino nisseno con una lettera ai giornali, e a cui ha sollecitamente risposo l'attuale soprintendente ai Beni culturali e ambientali di Caltanissetta, dottoressa Rosalba Panvini.

Un intervento, un progetto, quello di contrada Raffe, ideato, finanziato e in corso di realizzazione nell'ambito del POR Sicilia; un progetto che vede protagonisti il Comune di Mussomeli e la Provincia Regionale di Caltanissetta con il ben noto Pit "Bio Valley". Progettisti e direttori dei lavori due ingegneri. Trattandosi di intervento in area archeologica, prevista - per legge - la verifica progettuale e l'eventuale nullaosta da parte della Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali. Nel corso dei lavori altres prevista l'alta sorveglianza, sempre da parte della Soprintendenza.

La prima evidente, stridente anomalia che due tecnici ingegneri abbiano firmato, senza ostacoli istituzionali, un delicato e complesso progetto per la valorizzazione di un'area archeologica, laddove prevista - sempre per legge - la competenza di un tecnico architetto.

Abbiamo gi evidenziato che l'area attualmente interessata dai lavori quella in cui sita un'antica e assai pregevole casa cantoniera. In effetti, il progetto originale prevedeva la realizzazione di un immobile di nuova costruzione da adibire ad uffici, spazi espositivi, alloggio del custode, parcheggio. Nel corso dei lavori, per, nello spazio dove avrebbe dovuto sorgere il nuovo immobile, sono state rinvenute tracce di antiche sepolture e, dunque, considerato che nelle immediate vicinanze esisteva la vecchia casa cantoniera, questa stata individuata come valido edificio, da recuperare e restaurare, in alternativa al nuovo immobile non pi realizzabile.

Come attesta la nostra documentazione iconografica, un basso muretto in conci di pietra definiva l'immediato intorno della casa cantoniera. I due tecnici ingegneri, con l'assenso della Soprintendenza e delle altre istituzioni competenti, hanno ritenuto opportuno ignorare l'antico muretto in pietra della casa cantoniera e realizzare, al suo posto, una incredibile e mastodontica "muraglia" in cemento armato. Insomma, gli incauti progettisti hanno scambiato un'area delicata e importante dal punto di vista storico, archeologico e paesaggistico, per un comune e anonimo terreno di fabbricazione su cui operare consistenti sbancamenti, scavi e plateali edificazioni in cemento armato.

Con burocratico pragmatismo, la dottoressa Panvini replica alle legittime, acute osservazioni del cittadino, rispondendo: "Quel muro fuori dalla zona archeologica". Per poi aggiungere: "Opportuni accorgimenti, quali rivestimenti con pietrame calcareo e la messa a dimora di appropriate essenze vegetali per ridurre l'impatto paesaggistico, sono gi stati prescritti e saranno posti in opera nelle fasi di completamento della struttura".

Ci chiediamo: come possibile che i diversi soggetti pubblici interessati al progetto di contrada Raffe abbiano potuto approvare simili soluzioni, e far realizzare tali lavori? E soprattutto, ci chiediamo: ma la Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Caltanissetta, che ruolo svolge - se ancora svolge un ruolo - nell'ambito della tutela dei nostri beni culturali e ambientali? Come possibile che siano stati effettuati simili, assurdi lavori in un'area di interesse storico, archeologico e paesaggistico? Noi diciamo: non basta certificare, affermare che l'area interessata dall'intervento in corso fuori dalla zona archeologica. Le esperienze, i rinvenimenti, passati e recenti, dimostrano inequivocabilmente che in contrada Raffe "l'area sensibile", l'area di sicura rilevanza storica e archeologica molto pi vasta di quella vincolata. Pertanto, prima di qualunque operazione modificatoria dei luoghi, andrebbero ridefinito il vincolo archeologico. E anche, andrebbe, avrebbe dovuto essere apposto un sacrosanto vincolo paesaggistico. Esiste, a tale scopo, un'apposita commissione provinciale, presieduta proprio dal soprintendente ai Beni culturali e ambientali.

Ricordiamo che il nuovo Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio enfatizza - appunto - la nozione di "paesaggio", nel senso che, nelle azioni di tutela e valorizzazione, va salvaguardato non solo il bene culturale - strictu sensu - ma anche il contesto paesaggistico nel quale esso organicamente inserito. Paesaggio, che va salvaguardato nei valori paesistici, ambientali, morfologici e percettivi.

E' evidente il grave danno arrecato all'antica casa cantoniera e, ancor di pi, allo splendido e ancora integro paesaggio storico del Vallone. E di certo, non sono sufficienti arbusti e rampicanti a sanare, o ad occultare, quanto sino ad oggi malamente ideato e realizzato.

Ma d'altronde, questo solo l'ultimo di una serie di interventi o nullaosta, ad opera della Soprintendenza nissena (spesso in sinergia con gli altri Enti pubblici nisseni), assai poco attenti alla tutela del nostro patrimonio storico-artistico e paesaggistico. Ricordiamo: la pessima, schematica sistemazione esterna del Museo archeologico di contrada Santo Spirito, che ha snaturato, banalizzato uno dei luoghi pi belli e poetici di Caltanissetta; il pesantissimo, ingiustificato intervento di nuove e permanenti strutture architettoniche all'interno di ci che resta dell'area archeologica Palmintelli (qui ancora attendiamo, chiss per quanto, il progetto di piazza-giardino, previsto dal Prg, da parte del Comune di Caltanissetta). E poi, l'insensato progetto di ascensore e cabinovia che sfigurer inesorabilmente la straordinaria Rocca di San Paolino a Sutera; il famoso parco eolico di Mimiani, che trasformer in modo rilevante un'area di assoluto valore naturalistico e paesaggistico.

In ambito urbano, ricordiamo l'assurdo, scriteriato progetto di ristrutturazione e riconfigurazione spaziale e simbolica della monumentale scalinata Lopiano, nel centro storico di Caltanissetta. Cos'altro dobbiamo aspettarci, ancora? Forse la dismissione del monumento a Umberto I, o la traslazione della fontana del Tritone, cos come negli auspici - pare - degli attuali e assai confusi amministratori nisseni? Qua, poi, le questioni diventano pirandelliane, se non kafkiane, laddove il Comune di Caltanissetta, da un lato pubblicizza e annuncia l'organizzazione di un concorso di idee denominato "La Grande Piazza", dall'altro rende pubblico un bando di gara d'appalto per la realizzazione di lavori finalizzati alla "Manutenzione straordinaria di Piazza Garibaldi, Piazza Girgenti e Corso Umberto I" (su progetto di due ingegneri comunali e tre architetti esterni all'Amministrazione). Il bando di gara prevede lavori per un importo complessivo di euro 685.920.42, con ben evidenziato il giorno dell'apertura delle offerte, previsto per il prossimo 6 Marzo 2008.

Insomma, noi denunciamo una inadeguata e preoccupante gestione del nostro patrimonio storico, artistico e ambientale, da parte delle istituzioni preposte a tale gestione.

In conclusione, tornando al pessimo intervento di contrada Raffe, considerato quanto da noi verificato ed evidenziato, chiediamo la sospensione immediata dei lavori, nell'auspicio che sia fatta chiarezza e vengano offerte adeguate garanzie nell'interesse della tutela dei beni storico-ambientali, per un'autentica valorizzazione del nostro patrimonio.

Un ultimo interrogativo, rivolto soprattutto alla Soprintendenza: che fine ha fatto il "Piano territoriale paesistico della Provincia di Caltanissetta", strumento fondamentale per un'organica pianificazione territoriale e per una efficace tutela e valorizzazione dei beni culturali e ambientali? Perch sta chiuso nei cassetti (pur essendo pronto da tempo) e non viene esitato?


Dr. Leandro Janni

Presidente Italia Nostra Caltanissetta e Italia Nostra Sicilia



Dr. Amedeo Falci

Responsabile Lipu Caltanissetta






news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news