LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mariano Nuzzo scrive:

Alcune riflessioni sul restauro del castello Caetani di Trevi

di Mariano Nuzzo



Sintesi storica

La citt di Trevi nel Lazio costituisce sin dall'antichit il riferimento amministrativo dell'intera Valle dell'Aniene. La cittadina conserva un castello, appartenuto alla famiglia dei Caetani, che situato su un colle a 870 metri s.l.m. nellAlta valle dellAniene tra i monti Simbruini e i monti Ernici. Sull'origine del Castello non esistono fonti storiche che ne consentano una datazione precisa; probabilmente fu fondato intorno all'anno Mille, con il decollo del fenomeno dell'incastellamento.
Nel 1257 Papa Alessandro IV concesse al nipote Rinaldo de Rubeis il feudo della citt di Trevi con le annesse propriet, castello compreso. Pochi anni dopo, nel 1262, con l'avvento di Papa Urbano IV il feudo fu ceduto in propriet al monastero di Subiaco. Da qui una serie di vicissitudini alternarono pi di una volta il papato a De Rubeis come proprietari del castello fino al 1299, anno in cui fu acquistato da Pietro Caetani, fratello di Bonifacio VIII. E' questo il periodo in cui il castello visse il suo massimo splendore, protrattosi poi per tutta la durata della signoria Caetani. Questultima venne meno nel 1471 quando, Cristoforo Caetani fu cacciato dalla popolazione per malgoverno.
Nel 1473 Trevi torn al monastero di Subiaco ed il castello divenne sede della Curia; nel 1753 Benedetto XIV diede al Comune una differente organizzazione amministrativa ed il castello perse quasi del tutto ogni funzione rappresentativa. Con il passare del tempo le abitazioni del borgo si addossarono alle sue mura, riducendone notevolmente le potenzialit difensive.
Nel 1915, dopo il terremoto, con la ricostruzione dell'abitato, una parte del castello venne inglobata nelle case adiacenti. Da allora la Rocca stata completamente abbandonata con il conseguente crollo di alcune porzioni di murature e di tutti i solai lignei.
Nel 1984 iniziarono i lavori di restauro ormai terminati.
Esso oggi occupa una superficie di oltre 800 mq ed racchiuso da poderose mura alte dai 12 ai 16 metri realizzate in pietra cardellina squadrata. Il castello si compone di tre parti principali: la prima verso settentrione utilizzata originariamente quale residenza del signore; la seconda orientata verso meridione ed utilizzata per scopi prettamente militari di difesa verso la porta dingresso; la terza costituita invece dal possente Maschio a base quadrata di 8 metri per lato, alto 16 metri e con mura spesse alla base oltre 1 metro.

Lettura dello stato di fatto ante-restauro

Dellantica costruzione rimanevano il maschio isolato nel cortile interno e i muri perimetrali con uno spessore variabile da un minimo di 50 cm in corrispondenza del primo piano ad un massimo di 100 cm al piano terra parzialmente sbrecciati e con una vistosa lacuna sul lato nord. Rimanevano, inoltre alcune opere interne, mentre i solai e le coperture, sicuramente realizzate in legno, erano stati distrutti dagli agenti atmosferici.
Al castello si accedeva da due ingressi, uno principale sul lato ovest, laltro secondario sul alto nord. Lingresso principale posto al piano terra, come documentano alcune fonti ottocentesche, era caratterizzato da un grande arco a sesto acuto alto 7 metri; laltro, di servizio, unico accesso ancora funzionante, attraverso una rampa fungeva da passaggio carrabile, consentendo laccesso al piano seminterrato e al cortile interno. Il portale principale risulta attualmente inglobato in una delle abitazioni e lunica traccia visibile della sua presenza data dai blocchi squadrati dellarchivolto ricoperto da intonaco.

Note sul progetto di restauro del castello

Il progetto di restauro del Castello dei Caetani, opera degli architetti Gianfranco Cautilli, Mario Moranti e Renato Moranti, realizzato da A.L.E.S.S.-Roma, prende in esame due aspetti fondamentali: quello prettamente progettuale e quello relativo allinserimento di una nuova funzione nel contesto territoriale.
Il progetto rientra in un pi ampio programma di sviluppo turistico dellEnte Parco dei Monti Simbruini, che considera il Comune di Trevi il centro operativo e che quindi tende a conservare il ruolo di unico riferimento amministrativo del comprensorio.
Il sito oggi assume una duplice funzione, quella di Museo archeologico e di Centro visite del Parco. I progettisti si sono confrontati con il tema della nuova destinazione duso della fabbrica, prima di affrontare ogni aspetto progettuale. Essi sono riusciti a restituire il ruolo che sempre era appartenuto al Castello per poi procedere alla definizione dellintervento di restauro.
Il genere progettuale si avvicina molto a quello che Liliana Grassi ha utilizzato per il restauro dellOspedale Maggiore di Milano. Conservazione delle strutture esistenti, progettazione di nuovi elementi e rifunzionalizzazione dellinsieme. Resta chiara la finalit dellintervento messo in atto che resta quella di trasferire al futuro i valori pervenuti dal passato, conservando la materia e integrando le masse perse con semplici volumi e nuovi elementi costruttivi.
I progettisti propongono il tema della reintegrazione urbana dellintervento. Vengono ricostruite alcune parti perse con nuovi conci lapidei aventi pezzature leggermente diverse da quelle esistenti per tenere fede al principio della distinguibilit dellintevento. Le coperture vengono ricostruite con limpiego di tecniche costruttive tradizionali e con luso di nuovi materiali. Si ripercorre una lettura dello spazio interno dando la precedenza agli elementi verticali. Linserto moderno delle scale e della passerella metallica, in contrasto con la materia esistente, genera una piacevole armonia di contrasto antico e nuovo; percorrendo la scala cos si ha la possibilit di avvicinare la materia delledificio che si rilegge nel suo insieme spaziale. Luso del metallo, i nuovi flussi verticali, consentono una riattualizzazione delle struttura che vive oggi una nuova vita nel rispetto delle sue vicende passate.
Il progettista ha avuto la capacit di porre in un confronto dialettico latto progettuale con il quadro storico delle preesistenze riattualizzando lo spazio, ma rispettando la materia originale.

Mariano Nuzzo
Universit degli Studi di Ferrara




news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news