LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Maxxi, La Regina boccia Melandri: Si proclamata tecnico da sola
di Simona Antonucci


Il presidente dellIstituto nazionale di archeologia e storia dellarte: Si proclamata tecnico da sola


ROMA - Si autoproclamata un tecnico. Assurdo. In Italia permesso anche questo: darsi le promozioni da soli. Adriano La Regina, presidente dellIstituto nazionale di archeologia e storia dellarte, stato soprintendente alle antichit di Roma, dal1976 al 2004: un incarico che allora gli fece guadagnare il soprannome di signor no. E no, torna a ripetere oggi, commentando la nomina di Giovanna Melandri alla presidenza del Maxxi.
Non possibile, ripete con la stessa autorevolezza con cui blocc per quasi trentanni i cantieri che secondo lui potevano interferire negativamente con il patrimonio della citt.

La decisione del ministro Ornaghi di destinare al vertice del museo il deputato del pd (venerd Melandri ha chiesto a Fini di avviare le procedure per le dimissioni dalla Camera) stata accolta da critiche pesantissime dal Pdl, Udc, Idv, Sel e dal suo stesso partito. Una bufera politica in piena era della rottamazione che sta proiettando nel futuro pi che arte del XXI secolo, il vecchio gioco della poltrona.
I toni del dibattito si fanno di ora in ora sempre pi pesanti (richieste di ritiro della nomina, interrogazioni parlamentari, sfiducia al ministro e minacce di esposti alla magistratura), ma Ornaghi e Melandri resistono nella tempesta e guardano avanti, in attesa della conferenza di marted, affrontando tematiche spinose come quelle dei compensi, tra laltro non previsti dalla legge.

Melandri si definita un tecnico. Perch secondo lei non lo ?
Essere un tecnico significa avere delle competenze specifiche in un determinato settore. Melandri mi sembra abbia fatto altro. Poi, certo, si pu sempre obiettare che Elkann, messo a dirigere il museo egizio, non sia proprio un egittologo. Ma, appunto, questa lItalia e non la regola.

E stata ministro ai Beni culturali.
Giusto. Qualcuno si ricorda che cosa ha fatto? A Roma? In Italia? E comunque, avr pure un curriculum rispettabilissimo. Ma la signora si occupata di altro. E il Maxxi una struttura sofferente da trattare con estrema cautela. Ha bisogno di qualcuno che sia in grado di decidere cosa farne. Non ha bisogno di un ennesimo intervento cosmetico.

Ennesimo?
In Italia siamo specializzati in interventi estetici, anzi cosmetici. Ritorno sul museo egizio, per forza di cose, mi sta a cuore. A Torino hanno smantellato la biblioteca per fare bar e non so che cosaltro. I papiri ora sono allarchivio di Stato. E tutto il settore di ricerca langue. Hanno camuffato una pura operazione commerciale in una manovra di rilancio. E in questi giorni sento le stesse parole... Rilancio... Internazionalizzazione... Follie.

Non parliamo del Colosseo, certo, ma pensa che il Maxxi non possa avere un suo appeal nel mondo?
Quanti potranno mai essere i turisti americani, francesi, inglesi che vengono a Roma per vedere il Maxxi? Qualcuno forse esiste. Certo, non basta per far sopravvivere quella macchina costata 150 milioni di euro. E un museo che dovrebbe rivolgersi alla citt, allItalia, non allestero. Ma non sono un tecnico del contemporaneo, appunto. Non vorrei fare invasione di campo. Torniamo ai problemi di etica e professionalit.

Etica. Un governo tecnico che offre una poltrona a un politico. Si uscir mai da questa logica?
Non ci sono speranze. Molte strutture culturali affogano non per problemi economici. Non solo. Spesso sono dirette da incompetenti. Eppure abbiamo avuto grandi maestri, Argan Calvesi che hanno insegnato nelle nostre universit e tirato su allievi di qualit. Dove sono questi allievi? Oggi potrebbero essere maturi. E invece preferiamo accumulare errori su errori. Spendiamo 150 milioni per costruire il Maxxi, poi decidiamo che deve andare avanti con pochi milioni e mettiamo ai vertici persone impreparate per queste emergenze.

Una provocazione: era meglio non costruirlo?
Beh, diciamo che stata unoperazione di immagine. Non credo che per Roma fosse unesigenza primaria. E quando i soldi non bastano vanno stabilite delle priorit. Le statue, gli archi, i monumenti, i marmi antichi coperti dai fumi dello smog guardano al costosissimo museo e pensano: ceravamo prima noi.

Domenica 21 Ottobre 2012 - 09:47
Ultimo aggiornamento: Luned 22 Ottobre - 10:16

http://www.ilmessaggero.it/roma/cultura/maxxi_la_regina_boccia_melandri/notizie/226716.shtml


news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news