LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecco come la cultura pu fruttare
l'arena 21/10/2012


IL DIBATTITO. Il convegno promosso dagli Amici di Castelvecchio rilancia la sfida per salvare dal degrado il nostro patrimonio
Rete di musei con la collaborazione pubblico-privato. Per attirare risorse e gestire in modo virtuoso

Mettere in rete la cultura, per farne un motore turbo di civilt, economia, turismo, occupazione e sviluppo sociale. Come? Con un polo museale veronese, per siti espositivi e monumenti visitabili, come l'Arena o il Teatro Romano. Da gestire in forma mista pubblica-privata. Coinvolgendo Comune, Stato, ma anche fondazioni, fra cui quelle di origine bancaria, istituti di credito, imprenditori, categorie economiche, singole persone o associazioni. Ma perch questo progetto? Per evitare la nostra Pompei quotidiana, quindi un degrado di monumenti e beni, a cui non si riesce pi a far fronte per mancanza di soldi e di personale. necessario dunque trovare forme di collaborazione tali da valorizzare, attraendo risorse da gestire in maniera mirata, il nostro grande patrimonio artistico, monumentale e archeologico. Non usa mezze misure l'imprenditore Giuseppe Manni, presidente dell'associazione Amici di Castelvecchio e dei Civici musei d'arte di Verona, nel lanciare la sua proposta-provocazione al convegno Museo e citt. Nuovi scenari tra pubblico e privato, promosso nel ventennale di fondazione dall'associazione, nella sala Unicredit. Moderatore Marco Carminati, giornalista del Sole-24 Ore che ha lanciato il Manifesto per la cultura. L'IDEA degli Amici di Castelvecchio di concentrare la gestione e promozione del patrimonio museale-monumentale. Un esempio viene da Bologna, come ricorda Fabio Roversi Monaco, gi rettore dell'Universit e ora presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, che gestisce otto poli museali, con funzioni e specializzazioni diverse, di cui cinque propriet dalla fondazione stessa e tre gestiti in concessione. L'idea innovativa, precisa Roversi Monaco, per realizzare un museo diffuso, utilizzando nuove tecnologie, capaci di attrarre i giovani, e ponendo al centro la stessa citt di Bologna, con la sua storia e cultura. A Venezia Gabriella Belli, gi direttrice del Mart di Rovereto, dirige la Fondazione Musei Civici, responsabile di 11 musei e del Palazzo ducale (dove si paga, per entrare) che su 2,2 milioni di visitatori nelle sedi museali ne assorbe il 75 per cento, anche se l'obiettivo arrivare a 50 a 50, incrementando i musei. Per gestire il patrimonio pubblico serve certezza degli investimenti pluriennali, continuit nella governance delle fondazioni, almeno per cicli quinquennali, regole certe e chiare sul ruolo degli amministratori e poi programmazione, dice. E il fatto che le fondazioni o i privati destinino risorse alla cultura, non significa che il pubblico debba rinunciare a investire risorse. Per gestire il patrimonio culturale pubblico occorre per mettere insieme le forze, come illustra Carlo Fratta Pasini, presidente del Banco Popolare e della Fondazione Giorgio Zanotto e consigliere della stessa Fondazione Musei Civici di Venezia. Una cogestione e compartecipazione alle scelte fra istituzioni pubbliche e soggetti privati o le fondazioni, alcune delle quali sono private ma comn membri nominati dal pubblico, per di l da venire, spiega, citate iniziative di sostegno finanziario alla cultura e all'arte condotte dalla Banco in forma diretta, ma il modello da seguire quello dell'offerta integrata, come a Venezia. A Verona, quindi, il museo di Castelvecchio potrebbe essere gestito insieme alla Casa di Giulietta. La veste giuridica, per creare un polo museale pu essere scelta fra molte possibilit, dice Giovanni Sala, vicepresidente della Fondazione Cariverona, presieduta da Paolo Biasi. I modelli di fondazione sono numerosi, dice, fra cui quelle di origine bancaria, come Cariverona, che alla cultura ha destinato 366 milioni in 10 anni, e poi ci sono quelle di partecipazione, dove per necessario che oltre alle idee, i soci mettano risorse. In questo senso la Fondazione Arena, gi ente lirico, non ha attratto molte risorse private. UN POLO museale, dunque? Verona per la gestione della cultura gi porta avanti forme di collaborazione fra pubblico e privato, dice Paola Marini, direttrice dei Musei d'arte e monumenti di Verona. Resta il fatto che le risorse pubbliche per la cultura negli ultimi 10 anni, in Italia, sono state dimezzate rispetto invece all'aumento di un terzo dei soldi spesi dalle famiglie per la cultura. Cariverona d al Comune oltre due milioni l'anno per le iniziative culturali, il Comune ci mette 1,4 milioni. Verona, ricorda, stata pilota anche per Chiese vive, cio le visite a pagamento in alcune chiese, e nelle convenzioni con il volontariato per gestire il patrimonio. La sfida del polo museale lanciata (e-mail: amicidicastelvecchio@tiscali.it per dare idee). Gli attori in campo la raccolgono.

Enrico Giardini



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news