LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - La cultura ellenistica tra Centuripe e i corredi di Cerami
LA SICILIA Martedì 09 Ottobre 2012


Resti archeologici della collezione Kassel scavati dai tombaroli in un filone che collega la Macedonia con l'Occidente. Una storia che viaggia sulle gambe dei soldati


Rosario Patané
Nel 1981 Ulrike Wintermeyer, un'autorità in materia, pubblicava "Ein Grabfund aus Centuripe", un gruppo di vasi centuripini e di terracotte da una collezione di Kassel, in Germania. Ovviamente, trattandosi di materiale da collezione, e in origine da scavi di razzia, non esistono dati di rinvenimento. Il danno fatto dai tombaroli (è sempre il caso di ricordarlo) non si limita al trafugamento di oggetti, ma comporta la perdita (irrimediabile) dei dati di scavo. Che si tratti di materiale scavato in qualche necropoli di Centuripe è pacifico. Il gruppo è abbastanza omogeneo e si può anche pensare che provenga da un unico corredo funerario: a parte la cronologia, tra la fine del III e la metà del II secolo a. C., la composizione del gruppo appare abbastanza coerente; pare difficile che si debba attribuire solo a un assemblaggio operato dal tombarolo che sta all'inizio della catena di passaggi fino al Museo di Kassel. Ai vasi centuripini (una lekane, tre pissidi, un clipeo) si associano terracotte; qualcuna più ovvia: due figure femminili che si toccano il sandalo, eroti, colombe, melograni; altre sono meno abituali: un cavallo e soprattutto un gruppo di Eracle con i pomi delle Esperidi. L'Eracle non trova immediato confronto tra le numerose terracotte note da Centuripe, ma è facile ricondurlo ad una simbologia funeraria. Il melograno ovviamente rimanda a Demetra e al periodo ciclicamente passato nell'aldilà. Il Giardino delle Esperidi corrisponde a una rappresentazione dell'oltretomba di origine antichissima: Eracle compie la sua ultima fatica con il viaggio in questa regione per cogliere i pomi d'oro e quindi entrare in questo meraviglioso giardino, nel paese della beatitudine e dell'immortalità, per merito proprio e non per grazia divina.
Si tratta di cose che è agevole inquadrare nel panorama noto per tombe di Centuripe grossomodo databili tra metà del III e metà del II secolo a. C., con oggetti riconducibili ad una simbologia orfica: ceramica cosiddetta centuripina, terracotte teatrali, figure femminili spesso in atteggiamento di danza, le cosiddette "tanagrine". La ceramica centuripina (un numero limitato di forme, con decorazione figurata a colori, con tecnica pittorica, e decorazione applicata a rilievo) era realizzata apposta con finalità funerarie, per essere esibita nei riti funebri e deposta in tomba; i soggetti delle scene dipinte e i motivi decorativi rimandano a simbologie dionisiache. Queste ceramiche sono associate a terracotte teatrali. E questo non meraviglia, per i diversi aspetti della personalità di Dioniso: dio del vino, dell'ebrezza e dell'estasi, dio che dà la gioia ai banchetti, dio del teatro; ma anche divinità dell'aldilà. Anche l'associazione con le "tanagrine" deve rientrare nella stessa simbologia: difficile se no spiegare la presenza di queste leziose figure femminili in corredi funerari. Sono stati osservati dei confronti tra tipologie tombali di Centuripe, dell'Italia meridionale e della Macedonia. Pare proprio di vedere un filone che collega la Grecia del Nord, la Macedonia ormai ellenizzata, con l'Occidente (attraverso Taranto e Siracusa). I vasi centuripini sono uno degli esiti di questo filone. La presenza in Magna Grecia e in Sicilia di condottieri, di eserciti, provenienti dalla Macedonia e dall'Epiro può anche spiegare storicamente il fenomeno.
Circa un secolo prima, tra la seconda metà del IV e la prima metà del III secolo a. C., si datano alcuni corredi funerari da Cerami, al Museo Archeologico di Palazzo Varisano a Enna, con interessanti terracotte. L'abbondante presenza di ceramica consente di datare i corredi con buona precisione. Tra le terracotte sono presenti statuette femminili panneggiate, ma anche una figura femminile in trono e un'arpia; una maschera teatrale deve appartenere a un tipo di giovane, probabilmente lo "hapalós neanískos". Siamo in un ambiente culturale molto vicino a quello delle tombe di Centuripe contenenti ceramica centuripina; ma anche a quello delle tombe di Lipari contenenti vasi del Pittore di Lipari e terracotte teatrali. Le ceramiche, pur essendo oggetti d'uso, non oggetti esclusivamente funerari, sono facilmente riconducibili a significati simbolici: ad esempio le ‘lekanides', contenitori di cosmetici, con decorazione figurata che rimanda agevolmente al mondo dell'aldilà.
Al di là delle classificazioni (con terminologia tecnica che intimidisce i non addetti e affascina i collezionisti), al di là delle datazioni precise, dobbiamo riuscire a vedere la cultura, il modo di pensare delle persone che di quegli oggetti si servivano. L'archeologia riesce così a farci veramente gettare uno sguardo concreto su una pagina di storia.
Le conoscenze archeologiche sulla Sicilia ellenistica sono tali da costringere talvolta a fare dei salti, per tenere conto di pezzi di verità magari più o meno distanti nello spazio. Per poterlo fare ci vuole buona metodologia; ma anche buone conoscenze generali; magari il convergere dell'azione di persone con diverse conoscenze specifiche. Il quadro d'insieme intanto viene fuori; e anche i singoli dettagli risultano più chiari. Rimaniamo agli esempi di prima. Non sappiamo molto di Cerami in età ellenistica; ma la geografia non è un'opinione: siamo nell'area del passo di Troina, passaggio obbligato tra la Sicilia centro-orientale e la costa nord. Diversi tasselli cominciano ad andare a posto; il mosaico comincia a comporsi. Dietro alcuni oggetti visibili nei nostri musei cominciamo a vedere certe idee che giravano per la Sicilia orientale intorno al III secolo a. C. E siccome, come ha detto qualcuno, le idee viaggiano sulle gambe degli uomini, cominciamo a pensare che in questo caso c'entri qualcosa il movimento di armati tra Macedonia, Epiro, Italia meridionale, Sicilia.


09/10/2012



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news