LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Sicilia, persi 400 milioni destinati ai siti Unesco
Andrea Lodato
LA SICILIA Sabato 06 Ottobre 2012


Bono. Hanno fatto di tutto per far fallire i progetti - dice il presidente della Provincia di Siracusa - rinviando anche le ultime riunioni decisive

Catania. Grande eccitazione attorno alla missione dei responsabili dell'Unesco, arrivati sull'Etna per valutare se la montagna ha i requisiti per diventare il sesto bene da catalogare come patrimonio dell'umanit. Certo, sarebbe bello, molto bello, non c' che dire. Ma questa spedizione siciliana della delegazione internazionale che dar tra un anno la sua valutazione, inevitabilmente riporta al centro dell'attenzione la vergognosa storia dei fondi che l'Italia sta perdendo. Lo Stato centrale per la sua parte e le Regioni per la loro. Una storia che abbiamo cominciato a raccontare un anno e mezzo fa, dunque quando c'erano ancora margini temporali per far sperare in un salvataggio di quei fondi messi a disposizione dall'Europa. Invece niente. Inutilmente sono trascorsi questi diciotto mesi, vani gli appelli, prima al governo Berlusconi, poi a quello Monti. Non c' stato verso di mettere davvero in movimento il comitato interregionale costituito a Napoli, successivamente affidato al controllo di una cabina di regia unica sotto il coordinamento del ministro Gnudi e le sollecitazioni del ministro Barca.
C'erano la bellezza di due miliardi contenuti nei cosiddetti Poin e Pain, due progetti che l'Unione europea aveva costruito ad hoc proprio per favorire investimenti che diventassero attrattori culturali per le aree a maggiore vocazione in questo settore. A fare una battaglia lunga, estenuante e inutile stato il presidente della Provincia di Siracusa, Nicola Bono, che aggiorna oggi a malincuore la cronaca di una disfatta.
Erano fondi straordinari, un miliardo e cinquanta milioni destinati esclusivamente alle regioni-convergenza, Sicilia, Campania, Calabria e Puglia, e altri 950 milioni allargati, oltre a queste quattro aree, anche a Sardegna, Abruzzo, Molise e Basilicata, uscite da Obiettivo 1. Sono passati sette anni, ra pastoie burocratiche, riunioni, responsabilit prima affidate alle Regioni, poi concentrate in un unico comitato interregionale con sede a Napoli, poi con la questione, dopo l'addio di Berlusconi dal governo, transitata al ministro Gnudi. E' incredibile, ma in sette anni non si riusciti a fare un bando, non a realizzare un progetto, nemmeno un bando.
E' incredibile? Ma no, perfettamente credibile ed in linea con gli scellerati e sciagurati modi di fare e di non fare della nostra classe politica e dei suoi dirigenti, della sua burocrazia. E dire che proprio dalla Sicilia, dal presidente Bono e da altri soggetti, era partita l'idea di far nascere un'associazione che realizzasse i progetti da finanziare giusto nelle aree del'Unesco.
Ci sembrava la soluzione migliore - ricorda ora Bono - creare una rete per evitare di disperdere i fondi in progetti poco utili al sistema del turismo culturale. Insomma avevamo noi messo in moto un meccanismo che avrebbe potuto produrre straordinari risultati, sotto il profilo organizzativo, della promozione, della logistica. Non servito a niente, il Comitato si riunito poche volte, ha cambiato spesso i vertici, ha sempre rinviato le decisioni da prendere. E ci ha trascinato sino alla scorsa estate.
Poco prima che uscisse di scena il governo di centrodestra, Bono, ma anche il presidente della Provincia di Catania, Castiglione, avevano provato a giocare la carte Fitto. Il ministro, infatti, aveva assicurato che avrebbe preso in mano lui la situazione per sbloccare i finanziamenti, far partire i bandi, mettere i responsabili delle aree interessate da quei fondi nelle condizioni di potere presentare i progetti e partecipare ai bandi. Niente, nemmeno Fitto riuscito nell'impresa.
Sono arrivati i tecnici, il Poin e il Pain, Comitato interregionale compreso, sono finiti nelle mani del ministro del Turismo e degli Affari regionali, Piero Gnudi, oltre che nell'interesse del ministro per la Coesione, Fabrizio Barca. Il quale aveva cercato di intervenire anche per evitare la dispersione di questi finanziamenti, con una quota destinata alla Sicilia che si sarebbe aggirata intorno ai 400 milioni, forse anche qualcosa in pi. Fallimento, generale.
A luglio - dice Bono - riceviamo una convocazione da parte del Comitato. Mi preparo a questa nuova trasferta, sperando nel miracolo, ma arriva il rinvio: ci vediamo a settembre, dopo le vacanze. A settembre ho atteso invano di conoscere la data del vertice. Hanno fatto sapere, invece, che la riunione destinata a data da destinarsi. Mi sa che siamo alla fine di questa assurda vicenda.
E' proprio cos, margini per recuperare quei soldi non ce ne sono quasi pi. Il finanziamento rientrava nel progetto 2007-2013, dunque a giugno del prossimo anno si sarebbe dovuta inviare la rendicontazione delle spese sostenute. Che cosa manderemo, invece, all'Unione europea, visto che non siamo stati capaci di spendere nemmeno un euro? Niente, rimanderemo indietro i 2 miliardi di fondi, facendo capire che anche quando alziamo la voce e pretendiamo rispetto, lo facciamo all'italiana. Un po' per scherzo, un po' per partecipare al gioco, un po' per fare finta che facciamo sul serio. Ma ormai non ci crede pi nessuno. E i nostri siti Unesco hanno perduto, con i 400 milioni, un'occasione unica per costruire il presente ed il futuro dei territori dove sono stati lasciati e dove noi li abbiamo immeritatamente ritrovati.


06/10/2012



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news