LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - Parchi, riforma senza cultura
CORRADO POLI
Corriere del Veneto, gioved 4 ottobre 2012

La Regione Veneto sta lavorando a una legge di riforma sulle aree protette e sui parchi del Veneto. La Giunta ha reso nota una proposta che sar discussa dal Consiglio. Il dibattito quindi aperto, ma n la maggioranza, n l'opposizione affrontano la questione essenziale: a cosa servono parchi e aree protette? In effetti, in Regione non lo sanno, anzi non credono nemmeno che questa possa essere una domanda Chi si oppone alla riforma difende la legge vigente con la stessa cecit ripetendo posizioni di un quarto di secolo fa Non s' accorto che la quota di cittadini preoccupata per il degrado del territorio costituisce oggi l'elettorato maggioritario di quasi tutti i partiti. La grande assente della proposta della Giunta la cultura, senza la quale non c' progresso. La proposta di legge stata elaborata da soli burocrati che hanno ricevuto il mandato di limitarsi solo al micragnoso taglio delle spese. I burocrati sono esperti nell'applicare la legge, non nel pensarla. Fare le leggi spetterebbe ai politici i quali dovrebbero individuare obiettivi e strategie. Purtroppo, anche in questo caso hanno abdicato per mancanza di capacit. Prima di fare una riforma su un argomento cos pervasivo come la tutela del territorio, amministratori sensibili avrebbero dovuto chiedere l'aiuto di esperti. Ma, senza una professionalit amministrativa e politica - di cui priva anche l'opposizione - comandano i burocrati che fanno bene il loro mestiere se applicano la legge, non se la pensano. Ora, va fatta una chiara distinzione tra aree protette e parchi. Le prime hanno lo scopo di conservare la natura. Se la si mantiene quanto pi possibile intatta, possibile svolgere osservazioni scientifiche e conservare specie e ambienti che l'azione dell'uomo potrebbe distruggere per sempre. Sebbene l'obiettivo prioritario non sia economico, la ricerca e il piacere dei cittadini nel godere ambienti incontaminati possono avere effetti lucrativi anche immediati. Diverso il caso dei parchi. Buona parte delle norme di tutela adottate nei parchi, oggi andrebbe estesa a tutto il territorio regionale. Questo processo gi avviato e incontra un ampio consenso, ma per altri versi va stimolato e accelerato per vincere le resistenze. I parchi antropizzati - Colli Euganei, Sile e Delta - cos come sono, non esercitano pi quella funzione di avanguardia che avevano al momento dell'istituzione. Una nuova legge di riforma dovrebbe fare in modo che in queste aree si garantisca un'ampia autonomia collegata alla ferma tutela del territorio allo scopo di promuovere progetti di sviluppo in produzioni ecologiche, turismo, tecnologie avanzate e cultura. Una tale politica otterrebbe il sostegno politico di gran parte dei cittadini residenti e non, anche se facile prevedere l'opposizione di qualche corporazione e interesse costituito. L'ispirazione giuridica e intellettuale si trova nelle Enterprise Zones o nei parchi scientifici, studiati e applicati negli anni ottanta, soprattutto in Francia e Regno Unito. Oggi, la tutela del territorio e le politiche culturali favorirebbero la crescita di lavoro e ricchezza. La riforma dei parchi va inserita in questa prospettiva di sviluppo.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news