LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COLOGNA e LEGNAGO. Scoperta villa rustica romana. Era rimasta sepolta 16 secoli
04 OTTOBRE 2012, L'Arena




L'insediamento è emerso in località Boara nella campagna di scavi condotta dai liceali del Cotta. Gli alunni di 4A del liceo classico hanno lavorato con gli archeologi nel sito abitato per 400 anni dove sono emersi tracce e reperti



Gli studenti del liceo «Cotta» impegnati nella campagna di scavi realizzata in località Boara

Cologna e Legnago. Studenti del «Cotta» al lavoro per far emergere le tracce della vita rurale dell'epoca Tardo-romana nel Colognese. Si sta concludendo in questi giorni lo scavo archeologico promosso dalla Soprintendenza di Verona, in collaborazione con il liceo classico di Legnago, la Sap (Società archeologica) di Mantova e l'associazione culturale albaretana «Adige Nostro». È stato proprio un volontario di quest'ultimo sodalizio, tempo fa, a segnalare la possibile presenza di reperti in località Boara, all'interno dell'azienda agricola «Agostini», ai confini tra Cologna e Roveredo. Dopo alcuni saggi nel terreno, è stato individuato un sito risalente all'ultimo periodo dell'impero romano, fra il primo e il quinto secolo dopo Cristo. È toccato agli alunni della classe 4A del classico, muniti di picconi, zappe, palette e pennelli, portare alla luce le vestigia di una villa rustica romana rimasta sepolta per 16 secoli. Era stata abitata ininterrottamente per 400 anni, probabilmente dai discendenti di un'unica famiglia che coltivavano i campi lì attorno ed allevavano gli animali. Come succede ancora oggi a poche centinaia di metri dal sito. Il lavoro svolto nelle ultime settimane di settembre in località Boara è stato davvero eccezionale. Non tanto per la quantità e per la qualità di reperti trovati, tutto sommato contenute, quanto per la sinergia che si è creata fra diversi enti ed istituzioni, che ha gettato le basi per nuovi progetti da condividere. Grazie alla collaborazione tra il soprintendente ai Beni archeologici di Verona Federica Gonzato e il preside del liceo «Cotta» Silvio Gandini, gli alunni di 4A hanno potuto sperimentare sul campo le proprie conoscenze. L'esperienza degli studenti dell'istituto legnaghese è stata finanziata dal Fondo sociale europeo. Per il liceo «Cotta» non si tratta certo della prima iniziativa di questo tipo. «È l'undicesimo anno ormai che ai nostri alunni viene data questa opportunità di formazione», spiega Gandini. «L'iniziativa si inserisce nel progetto di alternanza scuola-lavoro che ha la finalità di costruire un sapere completo di una parte teorica e di una pratica». «Non è nostra intenzione indirizzare i ragazzi verso un futuro necessariamente legato all'archeologia», precisa il soprintendente Gonzato. «Tuttavia riteniamo che le competenze acquisite in questo genere di esperienze possano essere utili in diversi ambiti professionali. Inoltre, gli studenti imparano a lavorare in équipe e a valorizzare il più possibile le risorse dei territori in cui vivono». I ragazzi hanno lavorato in orario extrascolastico, suddivisi in due gruppi, tutti i giorni per tre settimane consecutive. Hanno tenuto un diario dell'andamento dello scavo e, al termine del lavoro, dovranno scrivere una relazione. Si occuperanno inoltre della pulizia e catalogazione di alcuni dei reperti ritrovati. Nella loro interessante «avventura archeologica» sono stati seguiti da un esperto, Alberto Manicardi, della Sap di Mantova. Pur non essendo direttamente coinvolto nel progetto, il Comune di Pressana ha messo a disposizione gratuitamente l'escavatore ed ha accompagnato gli studenti in pulmino dal liceo fino all'area indagata. Sono stati scavati 300 metri quadri della villa, ma è probabile che il complesso si estenda ulteriormente verso est, arrivando a coprire una superficie stimata di 2.500 metri quadri. «Sarà necessario programmare un secondo intervento, ma servono finanziamenti ad hoc», osserva Gonzato. Nello scavo in località Boara sono emerse le fondazioni della casa (tutte realizzate con materiali di recupero e senza alcun legante in malta), il piano di calpestio, l'area del focolare, alcune porzioni di ceramiche grezze, un lungo ago da cuoio, frammenti di vetro lavorato, monete, una paletta in bronzo e perle di collane.

Paola Bosaro

http://www.larena.it/stories/Provincia/417113_scoperta_villa_rustica_romana_era_rimasta_sepolta_16_secoli/?refresh_ce


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news