LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dopo la sistematica distruzione delle Soprintendenze: LA TUTELA? CARTA STRACCIA
Salvatore Settis
22-febbraio-2005, La Repubblica

In arrivo un nuovo, gravissimo assalto al principio costituzionale della tutela del patrimonio culturale.
Continua cos, a meno di un anno dall'entrata in vigore del Codice Urbani, il sistematico progetto di smantellare quel che esso conserva (ed molto) delle norme di tutela affermate dalle leggi Bottai del 1939 e ribadite dalla Costituzione repubblicana.

di ieri l'approvazione della legge-delega sull'ambiente, che contiene una sciagurata sanatoria di ogni possibile illecito paesaggistico, anche i pi gravi, in tutto il territorio nazionale.

La proposta di indiscriminato condono (in deroga anche al Codice Penale!) di tutti i reati di ricettazione e commercio illecito di beni archeologici e artistici stata per fortuna espunta dalla Finanziaria, ma ripresentata come legge ordinaria da alcuni deputati di Forza Italia.

Il governo intende varare questa settimana un nuovo atto normativo che sotto l'innocua etichetta di Semplificazione della regolamentazione contrabbanda la morte annunciata della tutela in questo Paese.

La formula magica "Dia", ossia "Dichiarazione di inizio di attivit": secondo l'articolo 19 della legge 241/1990, quando sia necessaria l'autorizzazione pubblica di alcune attivit private sulla base di prerequisiti certi, l'autocertificazione di tali prerequisiti (Dia) pu sostituire il nulla-osta amministrativo, salvo che l'amministrazione competente vi si opponga entro 60 giorni.

Questa, che doveva essere un'eccezione alla regola, fu trasformata in regola generale con la legge 537/1993 (articolo 2), ma ne restavano pur sempre esclusi i beni culturali vincolati ai sensi della legge di tutela del 1939 (cos fino al luglio 2004 nel disegno di legge A.C. 3890-B).

Con la nuova normativa proposta dalla Funzione Pubblica, al contrario, questa eccezione viene soppressa, e per la prima volta nella storia d'Italia anche le autorizzazioni relative a beni soggetti a tutela vengono sottoposte al meccanismo della Dia.

Di conseguenza, per esempio, il principe Torlonia potrebbe vendere domani (previa Dia) la sua collezione archeologica (la pi grande al mondo in mani private), il proprietario di un palazzo storico potrebbe abbatterlo per costruire al suo posto un condominio, e cosi via.

L'intero sistema della tutela viene cosi governato non pi dall'art. 9 della Costituzione, bens dal pessimo principio del silenzio-assenso che (si ricorder) fu introdotto dalla legge 269/2003 (art. 27) a proposito dell'alienazione di beni culturali pubblici.

Il Codice Urbani era allora in discussione, e la Commissione Cultura della Camera raccomand al governo che, nell'approvare il Codice, il silenzio-assenso venisse cancellato in quanto incoerente coi principi della tutela. Avvenne l'opposto, e per un diktat di Tremonti il silenzio-assenso s'insedi nel Codice (art. 12).

Come ha scritto sul Sole-24 ore (9 maggio 2004) un eccellente giurista, Silvio Martuccelli, questo uno strano modo di utilizzare l silenzio-assenso. Nato per tutelare il cittadino dinanzi all'inerzia della pubblica amministrazione, per una sorta di eterogenesi dei fini diventa un espediente tecnico attraverso il quale lo Stato, a danno della collettivit, elude il vincolo di inalienabilit dei beni culturali.

Il silenzio, continua Martuccelli, non ha di per s alcun significato giuridico. il legislatore che sceglie se attribuirgli un significato, e quale. Se (nel caso dell'alienazione di beni culturali pubblici) il legislatore avesse privilegiato l'interesse a tutelarli, avrebbe attribuito all'eventuale silenzio dell'amministrazione il valore di un diniego; poich gli ha dato invece valore di assenso, chiaro che ha considerato l'interesse a vendere come prevalente sulla tutela. Perci Martuccelli denunciava con forza l'assoluta illegittimit costituzionale di una norma scritta in totale spregio dell'art. 9 della Costituzione.

Il ministro Urbani ha sostenuto che il silenzio-assenso un corpo estraneo al suo Codice, e vale comunque solo in sede di prima applicazione. Vorremmo potergli credere, ma la nuova normativa in discussione al Consiglio dei Ministri dimostra il contrario: e cio che si intende estendere il silenzio-assenso alle "dichiarazioni di inizio attivit" sui beni finora oggetto di garantite procedure di tutela.
Il concetto stesso di tutela viene in tal modo abbattuto a cannonate, e il valore precettivo dell'art. 9 della Costituzione viene ignorato o irriso. L'esercizio della tutela da parte delle pubbliche amministrazioni, da obbligatorio che era, diventa opzionale e discrezionale, con effetti devastanti sullo stesso Codice Urbani, trasformato da un giorno all'altro in carta straccia.
Si capovolge, calpestando la cultura giuridica del Paese, il rapporto fra l'art. 9 della Costituzione (che non a caso, ce lo ricorda l'incessante magistero del Presidente Ciampi, figura fra i suoi Principi Fondamentali) e gli articoli 41-42: la libera iniziativa e la propriet dei privati diventano principio fondamentale, mentre la tutela dei beni culturali diventa una eventualit subordinata e accessoria. La Costituzione viene stravolta e deturpata, contro ogni principio, da una norma ordinaria, senza passare per il Parlamento.
L'ipotesi poi che le Soprintendenze, ridotte a inseguire le Dia per poter esercitare gli ultimi brandelli di quella che fu la tutela, possano efficacemente operare entro i termini perentori del silenzio-assenso, un ulteriore insulto al buon senso dei cittadini, e un estremo sberleffo ai funzionari del settore, gi mortificati dall'umiliante e persistente taglio di ogni risorsa economica. a tutti noto che da alcuni decenni le nuove assunzioni di personale tecnico-scientifico sono inferiori al 20 per cento dei pensionamenti. Per fare un solo esempio, nei ruoli degli archeologi risulta oggi non coperto un quarto dei posti di un organico gi pi che esiguo (471 posti per tutta Italia!); quasi del tutto vuoto il gradino iniziale della carriera (CI), dunque manca ogni turn-over e l'amministrazione al collasso.
All'indomani di una riforma del Ministero che ha gonfiato praeter necessitatem i ruoli dirigenziali, pi del 30 per cento delle Soprintendenze sono coperte per reggenza, cio da un supplente d'emergenza, e manca chi possa coprirle a pieno titolo. Intanto, in piena schizofrenia organizzativa, da un lato si aboliscono alcune Soprintendenze (come quella egittologica di Torino, o quella dell'Etruria meridionale, stranamente accorpata col Lazio), dall'altro se ne creano di nuove (a Lucca, a Lecce, a Verona).
Funzionari di altissima qualit, che sulla base di una legge dello scorso agosto avevano dichiarato la propria disponibilit a restare in servizio per alcuni anni, sono stati messi alla porta poche settimane fa. questo il caso non solo di Adriano La Regina a Roma, ma di Annamaria Petrioli Tofani agli Uffizi, di Ernesto Milano alla Biblioteca Estense di Modena, di Maria Augusta Morelli Tmpanaro all'Archivio di Stato di Pisa.
Anche quando la sostituzione sia di ottimo livello, non si fatto che spostare il problema altrove: il caso della Soprintendenza archeologica di Roma affidata ad Angelo Bottini, che ha per lasciato scoperta quella per la Toscana, una delle zone archeologiche cruciali per il Paese.
La funzionalit delle Soprintendenze non un discorso di bassa cucina.
L'art. 9 della nostra insidiatissima Costituzione, prescrivendo che la Repubblicatutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione, rinvia (come ha dimostrato il bel libro di Francesco Saverio Marini Lo statuto costituzionale dei beni culturali, 2002) alle norme e strutture di tutela in vigore quando la Costituzione fu approvata: rispettivamente, le leggi Bottai del 1939 e l'organizzazione delle soprintendenze territoriali.
Perci il depotenziamento della tutela (come risulterebbe dalla nuova norma sulle Dia) e la defunzionalizzazione delle Soprintentendenze sono altrettante (e convergenti) offese alla Costituzione e alla cultura giuridica e istituzionale del Paese. I cittadini, che la Costituzione vuole titolari e proprietari del patrimonio culturale della Nazione, saranno ridotti a spettatori impotenti di uno scempio senza nome?
Un tema come la tutela, che risuona nelle coscienze di moltissimi italiani, non e non deve essere appannaggio di questa o di quella parte politica. A tutti s possono rimproverare errori (per esempio, la carenza di nuove assunzioni e l'obsolescenza delle strutture sono da imputarsi a tutti i governi degli ultimi ventanni almeno, senza eccezioni).
Ma sulle questioni di principio, sul carattere del nostro patrimonio culturale come costitutivo della storia e dell'identit del Paese, noi cittadini dobbiamo esigere dai politici di ogni parte, che noi e non altri abbiamo delegato ad amministrare la cosa pubblica, il rigoroso rispetto dei principi costituzionali. accaduto pochi mesi fa quando non solo l'opposizione, ma parti significative della maggioranza e dello stesso Governo bloccarono la vergognosa proposta di condono ai tombaroli e ai ricettatori; pu e deve accadere ancora con quest'altra proposta non meno indecente.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news