LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Date allo Stato quei soldi Finanzieranno i restauri
Una domanda s' impone: una famiglia potr spendere decine di euro al giorno nei luoghi di culto?

Arturo Carlo Quintavalle
Corriere della Sera 03/07/2002

un giorno feriale di giugno: sono le due del pomeriggio. Fuori sole a picco, 800-900 turisti bivaccano dentro la chiesa di Santa Croce. Accanto il chiostro: c' il museo con Cimabue e Donatello. Ma deserto: per entrare si pagano pi di 4 euro. D evono aver pensato, i responsabili della Curia fiorentina, che era tempo di sfruttare quel pubblico potenziale. Cos, dunque, da ieri anche a Santa Croce si paga l' ingresso, 3 euro, compresa la visita al museo e al chiostro. A Firenze del resto si p aga gi per entrare in Santa Maria Novella, nel Battistero, nel Duomo. In Europa, in Francia come in Germania o in Spagna, per entrare in chiesa non si paga; si paga per visitare i tesori, o la cripta, ma mai se vi sono reliquie da venerare. In Itali a, invece, in questi ultimi anni cominciata una operazione per trasformare le chiese in musei a pagamento al prezzo di 2-4 euro: cos a Ravenna paghi l' accesso alle basiliche, senza contare San Vitale che museo dello Stato; cos a Pisa dove pagh i per Duomo, Battistero, Camposanto e adesso un extra altissimo per la Torre; cos a Verona, dove ti puoi abbonare a quattro chiese, le principali, oppure visitarne una soltanto; cos anche a Venezia. Ma chi si paga? Ogni tassa di ingresso propos ta dalle diocesi della Conferenza Episcopale Italiana; in genere le singole chiese sono sorvegliate da giovani, si suppone con contratti temporanei, non da personale di ruolo selezionato, come si dovrebbe, dallo Stato. Ecco il primo punto: perch il ministro per i Beni Culturali non interviene su una materia che di sua stretta competenza? Adesso vediamo di che cifre si tratta: se facciamo una media di quattro edifici per ciascuna delle grandi citt che veniamo considerando, e un introito medio minimo di 2,50 euro a chiesa, abbiamo dieci euro che entrano per ciascun visitatore. Quanti saranno dunque, in un anno, i turisti di Venezia, di Pisa, di Ravenna, di Verona o quelli di Firenze? Dalle decine alle centinaia di migliaia, con introiti c he vanno dalle centinaia di migliaia alle decine di milioni di euro. Questi soldi, diversamente dai biglietti d' ingresso ai musei di Stato, inspiegabilmente vanno adesso alle Curie, ma giusto che questo accada? Per la manutenzione degli edifici so ttoposti a vincolo e per il loro restauro lo Stato ha speso decine e a volte centinaia di milioni di vecchie lire ogni anno; nel dopoguerra ciascun monumento fra quelli citati certo costato a tutti noi molti miliardi, sempre di vecchie lire, e cont inuiamo a spendere soldi per il mantenimento; non si vede dunque perch, tolte le poche spese per il personale avventizio, l' introito non debba essere versato allo Stato e utilizzato per i restauri, magari del patrimonio minore. Per principio diff icile accettare l' idea che si debba pagare un balzello per andare ad ammirare le opere d' arte che hanno arricchito nei secoli i nostri luoghi di culto. Ma se questo un rimedio contro il degrado del patrimonio artistico, un freno ai bivacchi come quello che abbiamo visto in Santa Croce, possiamo alla fine anche accettarlo. Per s' impone una domanda: chi, degli italiani che girano le citt simbolo del nostro passato, entrer in tutte le chiese maggiori se deve spendere, con una famiglia di qu attro persone, almeno 40 euro?



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

14-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news