LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania, piano paesistico. «Non basta fare cassa con i condoni, nella zona rossa vogliamo l'Università»
Daniela Spadaro
Il Mattino - Napoli 17/9/2012

Il paesaggio non si tutela solo con i vincoli
Qui dobbiamo vivere: ci servono anche minimi aumenti volumetrici
Carmine Esposito, primo cittadino di Sant'Anastasia: senza sviluppo questo territorio continuerà a morire

SANTANASTASIA. Sembrava un dogma, una norma «intoccabile». Invece, se tutto andrà come previsto, il piano paesaggistico regionale a firma dell'assessore all'Urbanistica Marcello Tagliatatela, andrà a modificare alcuni punti della legge 21/2003 eliminando pochi ma essenziali vincoli nell'area nota come «zona rossa». Tra i diciotto sindaci il più battagliero è, ormai da due anni, quello di Sant'Anastasia, Carmine Esposito. Che tuttavia non si ritiene soddisfatto. Perchè, sindaco? «Le modifiche rappresentano il minimo indispensabile per questi territori finora dimenticati». Non è già tanto poter procedere alla valutazione delle pratiche di condono '85 e '94, e all'abbattimento e ricostruzione di manufatti fatiscenti? «Lo è, ma stiamo parlando di opportunità che quest' area non avrebbe mai dovuto perdere e che è stata invece martirizzata su base di insulse teorie. Nessuno finora ha mai saputo spiegarmi perché a pochi passi da noi sia invece permesso tutto, come se in caso di eruzione vulcanica il Vesuvio si limiti a scagliare lapilli tenendo conto di confini geografici». La accusano di voler cementificare il territorio. Che fine fa la tutela dell'ambiente? «Nemico dell'ambiente è chi ha consentito si costruisse abusivamente finora, chi ha impedito si mettessero in sicurezza case non antisismiche, chi ha impedito la valorizzazione del nostro territorio. Non io che la battaglia contro l'abusivismo la faccio davvero, con un monitoraggio satellitare sul quale il nostro Comune ha investito. Il resto è demagogia». Cosa chiede insomma? «Per chi vuole mettere in sicurezza le abitazioni fatiscenti ci vuole un incentivo, da un pur minimo aumento volumetrico agli adeguamenti igienico-sanitari. Non è uno scandalo, è la necessità di chi qui vuole restare. Altrimenti ci impediscano di fare figli oppure ci costringano a evacuare in massa. Ci diano un altro paese. E se non possono farlo ci consentano tutte le misure che portino sviluppo. Non è giusto prevedere, per esempio, un'Università a Scampia, a meno che non si faccia altrettanto nel Vesuviano. La legge 21 prevedeva compensazioni, ma alla fine da ospedali a università, da industrie a uffici, va tutto altrove mentre questo territorio muore». Ha lanciato appelli, indetto riunioni, chiesto e ottenuto incontri, coinvolto altri sindaci. E adesso? «Io credo che gli altri sindaci della zona rossa si accontenteranno della possibilità di esaminare i condoni e quindi di fare cassa, ma spero di sbagliarmi. Quel che sta a cuore a me è lo sviluppo del territorio. Continueremo a lottare ma intanto ho invitato i miei cittadini, e spero che i colleghi sindaci facciano altrettanto, a non andare a votare per le prossime politiche».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news