LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il piano paesistico per la provincia di Ragusa potrebbe essere presto realtà
Antonio La Monica
LA SICILIA Domenica 09 Settembre 2012



Il piano paesistico per la provincia di Ragusa potrebbe essere presto realtà. Il Consiglio di Giustizia amministrativa, infatti, ha respinto il ricorso che il Comune di Sortino aveva avanzato per bloccare l'adozione dello strumento di tutela del territorio. Ricorso che anche Ragusa aveva prodotto con successo al Tar. Nelle motivazioni, il Consiglio di Giustizia amministrativa, infatti, sostiene che il piano paesistico non va sottoposto a valutazioni ambientali e ribadisce la prevalenza del piano su tutti gli interessi di altra natura.
La decisione presa per ovviare al ricorso del Comune di Sortino varrà senza dubbio anche per le sorti del nostro Comune.
Ecco perché le associazioni ambientaliste, con in testa Legambiente, colgono la palla al balzo per rilanciare il dibattito. "Per l'ennesima volta - dichiara Gianfranco Zanna, direttore regionale di Legambiente Sicilia - si fa ulteriore chiarezza sulle procedure di adozione dei piani paesistici. Tutti coloro che strumentalmente hanno tentato di impedire, in particolare a Siracusa e Ragusa, l'approvazione di questo prioritario strumento di programmazione, hanno ricevuto una sonora bocciatura". Per Legambiente Sicilia, dunque, non c'è tempo da perdere.
"Adesso - conclude Zanna - l'assessore regionale Trigilio convochi, senza per ulteriore perdite di tempo, l'Osservatorio per il paesaggio per approvare definitivamente i piani di Siracusa e Ragusa".
Ricordiamo che l'adozione del Piano paesistico ha incontrato una strenua opposizione di quasi tutte le forze politiche ed imprenditoriali della provincia. La principale accusa che veniva mossa alla Regione era di avere calato dall'alto questo piano senza una minima concertazione con il territorio. Il senso del ricorso, però, poggia sulla mancanza di una Valutazione ambientale strategica al piano. Valutazione che, come si è visto per Sortino, non è determinante a qualificare lo stop al piano stesso.
"E' una buona occasione - aggiunge Claudio Conti, responsabile di Legambiente Ragusa - affinché finalmente si comprenda l'importanza strategica di questo strumento. Non si tratta di semplici vincoli che intendono ingessare il territorio. Bensì di uno strumento adatto a valorizzarlo e renderlo produttivo nel migliore dei modi possibili. Ovvero nel rispetto dell'ambiente e degli interessi della collettività. Il piano paesaggistico ha sollevato questioni scomode frapponendosi ad interessi speculativi di pochi, ha il merito di aver definito i caratteri invariabili del nostro paesaggio e le conseguenti azioni per la sua irrinunciabile difesa a vantaggio di tutti, ha posto l'accento sui gravi scempi del nostro territorio suggerendo i dovuti rimedi, ha soprattutto svolto, per la prima volta in maniera incisiva, un'azione organizzativa e pianificatoria territoriale. Avevamo guardato con dispiacere e stupore alla decisione del Tar di accogliere il ricorso del Comune di Ragusa. Adesso ci aspettiamo che il Cga ristabilisca il senso delle regole anche per quanto riguarda il nostro territorio".


09/09/2012



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news