LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - NICOSIA. Albergo diffuso, un altro passo
LA SICILIA Lunedì 03 Settembre 2012


A Nicosia incontro istituzionale per l'iniziativa che valorizzerebbe il centro storico




Nicosia. Incontro finalizzato ad organizzare la ricezione turistica sul modello dell'albergo diffuso. Il sindaco Sergio Malfitano e l'assessore alle Attività culturali e al Turismo Carla Mancuso, hanno incontrato l'assessore provinciale al Turismo Maurizio Campo. L'incontro promosso dall'assessore Mancuso è servito a mettere a punto uno schema di programma per incentivare il sistema turistico di Nicosia ed in particolare ad avviare il progetto dell'albergo diffuso, sostenuto dalla Provincia e da Confartigianato, al quale il Comune aveva già aderito nel dicembre scorso. «Il nuovo Codice del turismo proposto dal ministero riconosce infatti l'albergo diffuso come forma di ospitalità alberghiera - spiega l'assessore Mancuso - e lo propone come modello originale da prevedere nelle varie normative regionali. E' un progetto di ospitalità integrato nel territorio, nella sua cultura e nella sua comunità da non confondere con una mera aggregazione di case ristrutturate e messe in rete».
Si tratta di una iniziativa che permette di recuperare e salvare contesti architettonici ed urbanistici che vanno scomparendo e che proprio per questo sono sempre più ricercati dai turisti. «L'albergo diffuso riguarda quartieri da salvaguardare e proprio per questo - prosegue l'assessore - potranno derogarsi altezze dei vani e relativi servizi previa delibera del consiglio comunale. L'albero diffuso ha valenza di richiamo per i visitatori perché è una offerta di servizi alberghieri e ambienti a ospiti alloggiati nei diversi edifici che lo compongono. Offre in sostanza, un ambiente autentico con case di interesse storico, ammobiliate e ristrutturate non per turisti, ma pensando a residenti, seppure temporanei, posti ad una distanza tra loro non superiore a 400 metri. Questo consente alla gestione di offrire a tutti gli ospiti, non solo i servizi alberghieri, ma anche l'esperienza stessa della formula ospitale. Il visitatore è inserito nella comunità locale perché non ha una gestione professionale non standard dell'albergo».
In sostanza il turista vive una esperienza urbanistica, sociale e culturale nel territorio vivendo per il periodo del soggiorno come vivono i residenti del quartiere. L'idea dell'assessore Mancuso è promuovere un progetto di valorizzazione e di promozione del turismo culturale finalizzato al recupero del "patrimonio storico" considerato minore ma che invece rappresenta un unicum storico, paesaggistico e archeologico da far rivivere, come il quartiere originario di Santa Maria Maggiore incastellato nel periodo bizantino e del basso Medioevo, espressione di un paesaggio a grave rischio di estinzione nella sua integrità che è caratterizzato da un patrimonio storico architettonico di grande interesse.
«Il contesto di Santa Maria ha tutte le caratteristiche per richiamare visitatori da quattro angoli del mondo. Tutto il complesso - conclude la Mancuso - si trova inframmezzato da numerosissimi ipogei e grotte a dirupo sulla Rocca del Castello di fronte alla scenografia della città, delle colline boscate degli Erei, delle Madonie e dei Nebrodi. Altri spazi urbanistici ed edifici storici da recuperare e fortemente suggestivi si trovano ancora nel quartiere dei Cappuccini e del Santissimo Salvatore e un po' sparsi in tutto il centro storico. Bisogna coniugare quindi un'idea contemporanea di paesaggio con il recupero dell'esistente ma tale tuttavia da assicurare il rispetto e la salvaguardia dell'identità del territorio per garantire integrità tra storia, paesaggio, architettura e usanze locali».
Giulia Martorana


03/09/2012



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news