LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BENI CULTURALI: Conforti, furti in calo ma bisogna vigilare.
ANSA
ANSA - YZB-NU, 13/03/2003 20:33


PALERMO, 13 MAR - ''Si dice che l' Italia custodisca oltre il 60% dell' intero patrimonio mondiale di beni archeologici; all' Italia e agli italiani spetta il compito di garantire la loro tutela perche' tali beni sono rappresentativi della loro identita' culturale e storica''. Il generale Roberto Conforti che per 11 anni ha diretto il 'Nucleo tutela patrimonio artistico' dei Carabinieri, ammonisce cosi' i partecipanti alla conferenza sulla ''Conoscenza, conservazione e tutela dei beni culturali'' organizzata dalla Fondazione Banco di Sicilia con la collaborazione dell' Associazione Amici dei musei siciliani. Negli ultimi anni l' aggressione della delinquenza ai beni culturali custoditi nei musei, nelle collezioni private e nelle Chiese ha subito un rallentamento (2.000 nel 2000 e 1.500 nel 2001 dei circa 40.000 furti denunciati negli ultimi 30 anni) e tale diminuzione e' frutto di una maggiore coscienza dei cittadini e alle migliorate condizioni di conservazione e custodia dei beni stessi. Non e' semplice, afferma Conforti tutelare tale immenso patrimonio artistico. In Italia ci sono 3.500 musei, 18.500 biblioteche, 20.000 castelli e archivi storici, 100.000 chiese, 6.000 siti archeologici terrestri e un numero imprecisato di siti marini non ancora del tutto identificati. I casi di furto sono diminuiti comunque grazie all' azione costante dei governi nazionali, di Regioni, Province e Comuni, del volontariato, di Legambiente, delle forze dell' ordine ma anche, ad opinione di Conforti, per il maggiore interesse dell' opinione pubblica dell' importanza della salvaguardia dei beni culturali della nazione. ''L' opera d' arte e' anche ambasciatrice di pace - ha affermato Conforti - e per questo non dobbiamo essere protezionisti e permettere che le grandi opere d' arte parlino dell' Italia nel mondo''. I furti di opere d' arte quindi continuano, ad opera di bande ed eseguiti da professionisti. L' interesse maggiore e' per i mobili antichi che in mano ad esperti mobilieri che li sezionano diventano un numero imprecisato di altri mobili venduti sul mercato dell' antiquariato come totalmente d' epoca. Seguono i libri, spesso trafugati dalle biblioteche pubbliche anche non integralmente dallo ''studioso'' che munito di un taglierino asporta pagine di volumi storici; quindi i gioielli, gli oggetti ecclesiastici, i dipinti, le sculture. Nella classifica delle regioni italiane la Sicilia occupa il decimo posto; nella regione Messina occupa il primo posto seguita da Palermo. Nel capoluogo della Regione, sostiene Conforti, i musei possono ritenersi abbastanza sicuri, anche se si sono avuti episodi clamorosi come il furto della Nativita' di Caravaggio dall' Oratorio di San Lorenzo avvenuto nel 1969 o i furti di un fonte battesimale del 16/o secolo e di una acquasantiera del 17/o avvenuti in anni piu' recenti; delle sparizioni di dipinti di Carra' e Novelli. Spesso i reperti vengono ritrovati attraverso i cataloghi delle grandi case d' asta inglesi o americane e ancora piu' spesso grandi opere vengono sezionate per ricavarne dipinti di dimensioni piu' ridotte e quindi piu' commerciabili. Altri dipinti vengono spacciati come opere moderne con opportune modifiche. E' successo, riferisce Conforti, con un' opera del Guercino rubata a Roma e con due opere di Luca Carnevalis rubate a Palermo. Discorso a parte deve essere fatto per i siti archeologici, molto meno controllabili, dove operano anche tombaroli poco esperti. Da questi siti sono stati estratti milioni di pezzi dei quali solo una piccola parte ha trovato posto nelle bacheche dei musei pubblici e privati. Il resto e' nelle abitazioni dei collezionisti e non, che vedono nel reperto antico un simbolo di benessere da ostentare. Per questi c' e' la necessita' di tentare di farne una catalogazione attendibile. Il ministero dei Beni culturali e il ministro Leonardo Urbani stanno infatti mettendo a punto un disegno di legge per una sorta di sanatoria per i privati in possesso di beni archeologici di varia provenienza, attraverso il quale sara' possibile, quanto meno, dice Conforti, inventariare tali reperti, stabilirne l' ubicazione per gli interessi degli studiosi e quindi bloccarne, l' occultamento attraverso l' obbligo della denuncia del possesso: ''Non ci si potra' piu' nascondere - sostiene Conforti - e chi dopo la legge verra' in possesso di beni dovra' denunciarli''. All' incontro, oltre al presidente della Fondazione Banco di Sicilia, Salvatore Butera, hanno partecipato gli assessori ai Beni culturali della Regione siciliana, Fabio Granata e del Comune, Gianni Puglisi.






news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news