LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Scandalo al San Domenico per il suo restauro senza fine
LA SICILIA, 17 AGOSTO 2012





Il complesso monumentale del convento di San Domenico, tra i monumenti simbolo della citt megarese, sconosciuto alle nuove generazioni di augustani, rischia di rimanere chiuso per molto tempo ancora.
Eseguiti solo parzialmente gli interventi di consolidamento e ristrutturazione della struttura, i lavori per mancanza di nuovi fondi sono fermi ormai da diversi anni, dal 2009.
Nel gennaio 2006 dopo un lungo iter fu affidato l'incarico alla ditta risultata vincitrice della gara d'appalto per avviare cos l'opera.
Un progetto, esitato dall'amministrazione guidata dal sindaco Massimo Carrubba, che prevedeva una spesa complessiva di oltre 2 milioni e mezzo di euro, interamente finanziati con i fondi della legge 433 del 1991, per la ricostruzione e la rinascita delle zone colpite da eventi sismici. I lavori previsti dovevano valorizzare l'originario portico del XVI secolo e le strutture, precedenti al catastrofico terremoto del 1693, messe in luce durante gli ultimi interventi di manutenzione straordinaria del monumento.
Gli interventi di recupero e conservazione dovevano restituire alla citt l'ex convento che, secondo le intenzioni degli amministratori, doveva diventare un centro museale, con sale congressi e spazi espositivi.
Nel progetto era previsto anche il ripristino del chiostro e del giardino, inoltre, era programmata la sostituzione di solai e pavimentazioni e la consolidazione delle volte sottostanti il tetto con la realizzazione di strutture portanti in legno. Invece pare che sia stata data priorit allo scavo del cortile che, secondo gli esperti, pare abbia riportato alla luce l'antico e originario impianto del 1200.
Cos i lavori di messa in sicurezza e consolidamento previsti dal progetto si sono trasformati in una campagna di scavi che pare abbia inciso in maniera significativa dal punto di vista economico, esaurendo ben presto i fondi a disposizione. I lavori sono stati definitivamente sospesi nell'ottobre del 2009. I fondi a disposizione sono terminati con la prospettiva di non poterne presto avere altri. Da allora l'ex convento tornato nell'oblio, diventando ricettacolo di rifiuti, ratti e rifugio per cani randagi, meta di vandali e saccheggiatori.
L'ultimo intervento dei Carabinieri risale al febbraio del 2010, quando a seguito di una segnalazione, furono ritrovati attrezzi atti allo scasso che ignoti avevano lasciato alla base del muro di confine, forse in previsione di una "visita" pi approfondita.
All'interno del complesso monumentale i militari dell'arma constatarono il degrado e lo stato di abbadono del cantiere.
Il comando della Compagnia di Augusta, grazie alla sensibilit del Capitano Giuseppe Musto, segnalarono il tentativo di furto alla Sovrintendenza. Non risultano per siano state sinora messe in atto, azioni di prevenzione per impedire o scoraggiare le intrusioni.
Il complesso monumentale sempre abbandonato e alla merc dei vandali e dei malintenzionati, in attesa che chi di dovere intervenga e che soprattutto siano reperiti i fondi necessari per ultimare i lavori e restituire alla citt il monumento.
J. S.


17/08/2012



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news