LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Fermare il cemento nella nuova Bagnoli
STEFANO GIZZI
SABATO, 07 LUGLIO 2012 LA REPUBBLICA - Napoli





A seguito degli articoli di stampa riportati su questo giornale, relativi ad una variante urbanistica per alcuni settori di Napoli (ed anche per l’area orientale), ad un più approfondito esame, sul sito del Comune, come segnalatomi dall’assessore all’Urbanistica Luigi De Falco, si legge: «Il Comune avvia […] la formazione di una variantecheaggiungecirca20milavaniai 50 mila già previsti nel piano regolatore varato nel 2004, senza in alcun modo rivederne i principi. Le iniziative saranno anche a cura dei privati, ma il Comune detterà la condizione che parte delle nuove edificazioni venga ceduta in proprietà all’amministrazione che ne gestirà l’assegnazione alle nuove categorie sociali: giovani coppie, cittadini in condizioni particolari di disagio, nuclei familiari monocomponenti, studenti».
«Non mancherà l’iniziativa pubblica con interventi di riqualificazione dei quartieri Iacp e quelli in dotazione al patrimonio comunale per i quali l’amministrazione comunale chiederà l’impegno economico regionale stabilito dalla legge. In coerenza con gli indirizzi già fortemente determinati dalla giunta de Magistris e approvati dal consiglio comunale, Napoli ribadisce anche con questa decisione il “no al consumo di suolo” e lo fa attraverso la riconversione di una quota di superfici oggi destinate alle attività direzionali e terziarie, verso la diversa destinazione residenziale. Zero consumo di suolo, quindi, ma anche una riduzione delle volumetrie previste dal prg stimabile intorno al dieci per cento, in quanto le nuove residenze richiedono minori altezze rispetto alla destinazione terziaria ».
Fin qui, tutto bene, per ciò che sembrerebbe una lodevole iniziativa.
Tuttavia, non si può non rimarcare come, mentre si sottolinei, da parte dell’amministrazione comunale e dell’assessore all’Urbanistica, l’urgenza di adottare tale correzione allo strumento urbanistico - che, in ogni caso, secondo quanto previsto dalla legge urbanistica 1150 del 1942 dovrebbe essere sottoposta alla competente soprintendenza, anche nello spirito di leale collaborazione tra ente locale ed organismo statale preposto alla tutela (e, in realtà, occorre dare atto all’assessorato competente di aver per primo tenuto conto di tale aspetto, dimenticato dalle giunte precedenti), tutto tace, invece, rispetto alle richieste avanzate, reiteratamente, da questa soprintendenza, affinché sia adottata una variante ben più urgente relativa a Bagnoli, ove il Piano urbanistico attuativo ora in vigore reca un grave vizio di origine dovuto ad alcune disattenzioni di Vezio De Lucia e dei suoi successori.
A Bagnoli, infatti, la scuola urbanistica di quell’epoca aveva ritenuto di non dover introdurre il principio di un limite di altezza per le nuove costruzioni, fatto di per sé “eccentrico”, ma semplicemente un concetto di “altezza media”, nominalmente molto bassa, che però ha condotto, di fatto, a due risultati opposti ed entrambi assai negativi, costringendo a una esagerata occupazione di territorio con edifici “raso-terra” che vanno a saturare ogni spazio possibile, senza però vietare edifici persino più alti di venti piani.
Questo è quanto si deve paventare per l’area che, in parte, la Bagnolifutura ha parzialmente ceduto a società private, nei pressi di una splendida pineta, in un’area interclusa tra zone di elevato valore paesaggistico e sottoposte a vincolo, ove è ora annunciata la realizzazione di una torre altissima e massiccia, di qualità progettuale almeno discutibile (clonata, come la serie di «edifici in batteria», in peggio, da idee compositive di precedenti architetti), con allargamenti delle sedi stradali tipo-autostrada, che vede una colata di asfalto da tutte le parti, in un’area ancor oggi ammirabile da Posillipo e da Coroglio, fino a pochi decenni fa immortalata nelle vedute pittoriche, nelle foto Alinari, nonché nelle illustrazioni di un archivio significativo quale quello privato di Pasquale Schiano di Cola, e immersa nell’incanto dei Campi Flegrei.
Facciamo appello, pertanto, al Comune, all’assessore De Falco - con il quale i rapporti sono ottimi e schietti - e alle molteplici associazioni (Italia Nostra, Verdi, Wwf, ambientali-sti), affinché venga al più presto rivisto il piano attuativo di una delle aree ancora più suggestive di Napoli, quella di Bagnoli.
L’autore è soprintendente ai Beni architettonici e paesaggistici



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news