LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Ripresi gli scavi, si cercano gli arredi sacri di re Salomone
LAURA LARCAN
GIOVED, 24 MAGGIO 2012 LA REPUBBLICA Roma




La direttrice Rea "Scoperchieremo lintera pavimentazione dai grandi cerchi in marmo"

A sei metri di profondit riportata alla luce larea di culto inaugurata da Vespasiano

Uno spazio con portici su tre lati e canali dacqua decorati con rose provenienti dalla Gallia


I marmi colorati che orchestrano i disegni geometrici del pavimento rimangono protetti dal telo speciale, mentre gli archeologi seguono le operazioni di scavo. Il cantiere del Foro della Pace, il capolavoro inaugurato da Vespasiano nel 75 d.C. per celebrare la pace dellimpero dopo la conquista di Gerusalemme, ha ripreso vita dopo anni di stallo. Ad una profondit di sei metri sotto via dei Fori Imperiali, tra la Basilica di Massenzio e la chiesa dei Santi Cosma e Damiano, il braccio metallico della gru d il senso dellambizione del progetto: riportare alla luce lintera aula di culto dedicata alla "Pax", cuore di quello che viene considerato il pi "interessante" dei Fori Imperiali, ma anche il meno conosciuto, visto che con lultima campagna di scavo (1998-2006) stato svelato solo un quinto della sua estensione, mentre il resto giace sepolto sotto la strada. Grazie ad un finanziamento di 300mila euro, la soprintendenza ai beni archeologici riprende i lavori: Lo scopo di scoperchiare tutta la pavimentazione originaria, una delle pi pregevoli dellantichit, caratterizzata dal motivo dei grandi cerchi di marmi bianchi e rosa, incorniciati da anelli di porfido, racconta la direttrice del cantiere Rossella Rea. E le aspettative sulloperazione sono alte, visto che nelle recenti indagini sono stati rinvenuti incredibilmente frammenti della "Forma Urbis" (solo il pi piccolo stimato 20mila euro).

Scoperta non casuale perch la pianta marmorea di Roma spiccava proprio sulla parete della sala accanto allaula di culto usata come ufficio del catasto (oggi la facciata della chiesa dei Santi Cosma e Damiano). Il Foro della Pace un luogo di grande suggestione - commenta la Rea - Quasi nessuno sa che gli oggetti pi preziosi del bottino di Gerusalemme, compresi gli arredi sacri del Tempio di re Salomone, erano esposti in questo foro. E chiss che non giacciano ancora qui sepolti. A differenza degli altri fori dove si amministrava la giustizia, il Foro della Pace (originariamente "Tempio della Pace") era un luogo di studio e cultura. Era museo pubblico, con la collezione di sculture di Policleto e Prassitele provenienti dalla Domus Aurea. Appariva come una piazza porticata su tre lati che circondava unarea a giardino, dove scorrevano sei canali dacqua decorati da rose galliche di cui sono stati rinvenuti i semi, dice la Rea. Unarchitettura oggi vagamente leggibile attraverso la superficie scavata e sezionata sotto le competenze della soprintendenza statale e della sovrintendenza capitolina con la direzione di Roberto Meneghini. A margine della notizia sugli scavi arriva la conferma che con i cantieri della metro C sar aperto un nuovo percorso pedonale che da via dei Fori Imperiali salir alla basilica di Massenzio costeggiandone labside, per uscire sul Clivio Venere Felice.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news