LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palaia: tre nuove cave minacciano la valle del Chiecina. Scatta la protesta

Contro il Piano delle attivit estrattive approvato dalla Provincia di Pisa in cui vengono individuati i siti per l'estrazione della sabbia, l'opposizione del Comitato "No alle cave, si all'agricoltura, al turismo, alla bellezza e alla pace" e del Movimento 5 stelle. Pronti al ricorso al Tar contro degli insediamenti che modificheranno indelebilmente una zona molto pregiata dal punto di vista naturale. La difesa dei Comuni della zona


Si sollevano fra San Miniato e Palaia le proteste contro il Piano delle attivit estrattive approvato dalla Provincia di Pisa. Un piano che prevede la creazione di nuove cave nei 2 comuni . A far levare la voce soprattutto l'individuazione di 3 nuovi siti nel Comune di Palaia. Siti che modificheranno indelebilmente la valle del Chiecina: un paesaggio verde dove negli anni sono nati agriturismi, sono rinate vigne, un luogo dove i tartufai danno la caccia al prezioso tubero bianco.

Inevitabile dunque che la notizia di un piano che autorizza la creazione di nuove cave abbia destato sconcerto e proteste. Tanto che in pochi giorni nato un comitato, Valle del Chiecina - No alle cave, si all'agricoltura, al turismo, alla bellezza e alla pace, anche su impulso del Movimento 5 Stelle di San Miniato, che ai primi di maggio sul suo blog ha denunciato le conseguenza che il piano porter con s.

"La valle del Chiecina - spiegano i grillini - bene comune e area incontaminata meglio conosciuta come Barbinaia, segna il confine tra il Comune di San Miniato e quello di Palaia. E' un posto incantevole: colline, cipressi, olivi, poche case sparse e animali che la notte scendono ad abbeverarsi. Nei pochi agriturismi che si affacciano sulla valle arrivano ogni anno turisti da ogni capo del mondo per godersi questo paradiso della natura". Un incanto che "rischia per di essere seriamente compromesso a causa della realizzazione nella vallata di tre cave per l'estrazione di un milione di metri cubi di sabbia".

E se il Piano ormai approvato il Comitato non si d per vinto, e dopo aver raccolto 200 firme contro questo "scempio ambientale", annuncia l'intenzione di ricorrere al TAR per fermare la realizzazione delle cave.
Non prima di aver "ringraziato" quelle istituzioni individuate come responsabili: la Provincia, il comune di Palaia e quello di San Miniato che "senza nemmeno degnarsi di informare gli abitanti della valle, hanno cos deciso di barattare tartufi e turismo con camion, ruspe, polvere e rumore. Tutti sapevano, nessuno ha detto niente".

Ma il Comune di San Miniato respinge le accuse. E lo fa attraverso il suo assessore all'ambiente e difesa del suolo, Mariateresa Piampiani: "Il procedimento di individuazione dei nuovi siti di cava di competenza provinciale, come definito dalle normative vigenti con l'approvazione del PAERP ( Piano Provinciale delle attivit estrattive ed il riutilizzo dei residui recuperabili). Il Comune di San Miniato ha sempre sostenuto in tutti gli incontri istituzionali e politici con la Provincia il valore ambientale e paesaggistico della Valle del Chiecina per la presenza di aree tutelate da vari punti di vista: aree tartufigene, aree boscate e crinali".

Tanto che il Comune riuscito "a far togliere la previsione della nuova cava in quella valle, per la parte del territorio di San Miniato di cui competente, evitando cos non solo la cava ma tutti gli impatti conseguenti la realizzazione delle infrastrutture necessarie al suo funzionamento".
Una richiesta che la Provinciah a accolto, respingendo poi la richiesta di un privato e di una societ cooperativa di reinserimento dell'area nel Piano, sulla base del riconoscimento di Bucciano come area tartufigena.

Minor fortuna hanno invece avuto le osservazioni presentate dal Comune di Palaia e da un raggruppamento di soggetti privati. Un'osservazione quest'ultima che sebbene giunta fuori dai tempi massimi di presentazione, stata comunque valutata dalla Provincia.
Tre le osservazioni in cui a spuntarla stata Palaia, che hanno visto l'esclusione fra i siti individuati per le nuove cave di Val di Pulia, Case Pratalesi e Calvano: la prima in quanto avrebbe interferito con aree boscate non trasformabili. Mentre Case Pratalesi e Calvano sono stati depennati in quanto la loro inclusione avrebbe interferito con gli obiettivi urbanistici della zona, per la presenza di una produzione agroalimentare di particolare pregio e per l'eccessivo impatto visivo che avrebbe determinato.
Un successo che per non si replicato per Cambiati, dove l'unico passo avanti stata la riperimetrazione del sito per escludere le zone indicate come tartufigene. N per Podere San Giuseppe e Chidenone, per i quali la Provincia ha respinto la richiesta di eliminazione dal Piano delle attivit estrattive, o di una modifica della perimetrazione, avanzata in previsione di un aumento del traffico pesante che le nuove cave porteranno inevitabilmente con s.

Nonostante la Provincia di Pisa, seguendo la linea rossa tracciata dalla Regione Toscana (titolare dell'individuazione delle aree su base geologica) abbia ridimensionato il piano originale, tenendo conto anche di una diminuzione della domanda di materiale estrattivo, legato in particolare alla crisi dell'edilizia, rispetto a quanto stimato dalla Regione nel Piano regionale delle attivit estrattive, una ferita sta per aprirsi nella Valle del Chiecina. Una ferita che ha questo punto solo il Tar potrebbe evitare.

http://www.pisanotizie.it/news/news_20120522_cave_valle_chiecina_palaia.html


news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news