LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma non investe pi in cultura la "spending review" colpisce i musei
DANIELE AUTIERI
MARTED, 22 MAGGIO 2012 LA REPUBBLICA - Roma


Allarme di esperti e sindacati: dissipata una risorsa unica



Gli stanziamenti per la Galleria dArte moderna sono crollati fra il 2005 e il 2011 di otto volte, da 8 milioni a meno di uno: eppure le vendite dei biglietti sono in crescita


La cultura romana vive un paradosso: da un lato i visitatori e gli introiti aumentano e dallaltro gli stanziamenti pubblici si assottigliano. E in tempi di "spending review", ma era cos anche da prima con i "tagli orizzontali" del precedente governo, le risorse spariscono e non si valorizza pi un patrimonio unico al mondo. Il pericolo, denunciano sia gli esperti che gli addetti ai lavori, mentre il sindacato lancia un vero e proprio allarme, che risulti mortificato proprio il settore pi prestigioso della storia e della cultura della capitale.
Un esempio tipico il Maxxi, dove il vertice commissariato e guidato dallex-presidente Pio Baldi ha denunciato il taglio dei fondi statali crollati a 2 milioni di euro. Baldi stato esplicito: Se ci avessero dato non dico i 7 milioni di fondo di dotazione che ci avevano garantito nel 2011, che tra laltro ci hanno permesso di condurre una gestione in utile, ma almeno una cifra non cos esigua, avremmo potuto redigere un bilancio di previsione di tutto rispetto e chiudere lesercizio certamente in nero. Confrontando i dati con gli stanziamenti dei grandi musei stranieri di arte contemporanea, i numeri confermano la penuria di investimenti pubblici. Il Reina Sofia di Madrid, ad esempio, ha un budget annuale di 57 milioni di euro, di cui l80% pubblico; il Centre Pompidou di 10 milioni (il 90% pubblico); mentre il Maxxi di 9,6 milioni di cui fino allanno scorso il 41% pubblico (in parte statale e in parte della Regione Lazio).
Ed proprio questo il male che affligge i musei romani che da soli, stando ai dati appena confezionati dal Mibac, producono ogni anno 48,3 milioni di introiti lordi, quasi la met del totale italiano (110 milioni). Un dato che, se si guarda al 2000 (quando gli introiti erano 22 milioni), praticamente raddoppiato. Picasso lo diceva: Datemi un museo e ve lo riempir. Ma nonostante il boom della vendita dei biglietti, il finanziamento pubblico finito sotto la scure del rigore. Leggendo il piano della performance 2012 del Mibac si scopre che se nel 2000 lo stanziamento generale in mano al ministero era pari a 2,1 miliardi, la stessa cifra scesa nel 2012 a 1,6 miliardi. Per dare qualche esempio su Roma questo significa che uno dei musei statali pi importanti come la Gnam (Galleria nazionale di arte moderna) dal 2005 al 2011 ha visto ridurre lo stanziamento pubblico dell800%, da 8 milioni a poco pi di 900mila euro (e del 400% solo tra il 2010 e il 2011). E non basta vendere biglietti perch il sistema dellassegnazione dei fondi non premiante. A fine anno ogni museo chiamato a versare il totale dei guadagni al Tesoro, che lo utilizza per le spese dello stato.
Dopodich il Mibac riassegna i fondi, in misura inferiore rispetto ai guadagni registrati dai musei stessi con la vendita dei biglietti. In definitiva, i soldi della cultura vengono utilizzati per finanziare altro o per finanziare le strutture museali che non si sostengono con le proprie forze, a scapito dei grandi musei romani. E la conseguenza un ruolo sempre pi determinante degli organizzatori privati, che prendono il 30% dai biglietti venduti e la quasi totalit dai servizi aggiuntivi (versano al Mibac royalties pari all8,1% sulla vendita di gadget, libri, visite guidare, ristorazione, ecc). Lo stesso sta accadendo sul fronte dei musei civici (quelli gestiti dal Comune di Roma attraverso Zetema, tra cui i Capitolini, i Fori Imperiali, lAra Pacis, ecc). Se nel 2010 il Campidoglio destinava il 4,48% della spesa comunale ai musei, nel bilancio 2012 in approvazione questa percentuale scesa al 2,34%. Anche la Regione Lazio nella manovra di bilancio 2012 ha tagliato le risorse per musei, archivi e biblioteche regionali che potranno contare solo su 500mila euro (erano 2 milioni nel 2009).
Stato, Comune e Regione attacca Lorenzo Mazzoli, segretario della Funzione Pubblica della Cgil devono aumentare linvestimento, e inserire il concorso dei privati in unottica di pubblico servizio e interesse. La gestione integrata della valorizzazione dei beni culturali di Roma deve essere usata come motore per creare occupazione e superare il dumping contrattuale che affligge il settore, determinato da anni di esternalizzazioni al ribasso sul costo del lavoro e oggi frammentato in miriadi di collaborazioni, progetti, false partite Iva e "volontariati" fittizi. Si tratta di una sfida di civilt, oltre che di immagine e prestigio internazionale per Roma, perch, come scrisse Andr Malraux, il museo uno dei luoghi che danno lidea pi elevata delluomo.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news