LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAZIO - Corcolle, la discarica anti-monopolio
ANDREA GARIBALDI
CORRIERE DELLA SERA 17 maggio 2012

O si far la nuova discarica a Corcolle, o a Roma dal i luglio sar emergenza rifiuti. Giuseppe Pecoraro, prefetto e commissario di governo per i rifiuti, va per la sua strada. Dopo mesi di discussioni, ha scelto il sito per la nuova discarica, a nord est della capitale, un chilometro circa dai resti di Villa Adriana. Il suo piano questo: se il governo approver Corcolle, ci sar una proroga -ultima di una lunghissima serie- per l'attuale discarica di Malagrotta. Altrimenti, il 30 giugno Malagrotta chiude per sempre e occorrer trovare di corsa una soluzione per le 5000 tonnellate al giorno di rifiuti che i romani producono. Con lo spettro di Napoli sommersa di cartacce e liquami, che si profila... Nessuno, insomma, si aspetti che Malagrotta venga tenuta aperta per altri sei mesi solo per 5.000 continuare l'osceno balletto delle discariche possibili. Pecoraro attende l'ultimo parere su Corcolle dall'Avvocatura dello Stato e poi -presumibilmente domani- riferir al presidente del Consiglio. Monti potrebbe avallare la scelta di Pecoraro, o convocare il consiglio dei ministri, dove Corcolle verrebbe fortemente avversata da Clini (Ambiente) e Ornaghi (Beni culturali). Ieri Clini ha espresso una convinzione clamorosa, del tutto in contrasto con l'idea del prefetto: Il proseguimento di Malagrotta mi pare una possibilit, non essendoci al momento altre soluzioni. Monti ha sulle spalle enormi problemi e rivoltare una decisione di un funzionario governativo un passo difficile. Tra l'altro, Pecoraro, in otto mesi di commissariato, si mosso a largo raggio. Per tre volte ha avuto contatti anche con gli uomini del Quirinale, interessati allo svolgimento del delicatissimo compito. Tuttavia, la scelta di Corcolle contiene una quota di rischi, che potrebbero causare nuovi ritardi. L'Europa, innanzitutto. Il commissario europeo all'Ambiente sta studiando il caso Corcolle-Villa Adriana e non si Sono le tonnellate di rifiuti raccolte ogni giorno nelle strade di Roma pu escludere l'apertura di una procedura d'infrazione. L'Italia gi sotto procedura a causa di Malagrotta che, in barba alle regole di Bruxelles, accoglie rifiuti non trattati. Poi, c' il deputato europeo Pd, Guido Mila-na, che sta raccogliendo firme contro Corcolle fra i suoi colleghi di ogni orientamento, gi quasi a quota 50, vuole arrivare a 100, per poi consegnarle a Monti. Inoltre le 5000 firme di intellettuali del mondo, il comitato Salviamo Villa Adriana, guidato dal principe Barberini e l'opposizione del sindaco Alemanno e del presidente della Provincia, Zingaretti. Al fianco del prefetto resta la governatrice del Lazio, Polverini. E ci sarebbe anche una disponibilit dei proprietari dei terreni di Corcolle -la societ Brixia- che ha trasferito la sede dalla Svizzera a Roma per prepararsi all'esproprio. Perch tanta insistenza su Corcolle? Il prefetto avrebbe voluto segnare una svolta nella storia dello smaltimento dei rifiuti a Roma. Da oltre trent'anni questo lavoro sporco stato affidato da una quindicina di sindaci di diverso colore a un solo uomo, l'avvocato Manlio Cerroni, proprietario e gestore di Malagrotta. Pecoraro vorrebbe intaccare il monopolio. Cerroni, che ha 87 anni e ormai smaltisce rifiuti dalla Norvegia al Brasile, non pensa per di aver perso la partita. Nel lontano 1975 -raccontamisi anche io l'occhio su Corcolle per fare una discarica, ma in molti mi spiegarono che per ragioni paesaggistiche e archeologiche nessuno avrebbe mai dato l'autorizzazione. Ripiegammo su Malagrotta. Da tre anni Cerroni ha presentato un piano che prevede la sostituzione di Malagrotta con uno fra tre siti, Monti dell'Ortaccio, Quadro Alto e Pian dell'Olmo, tutti su terreni suoi. Monti del-l'Ortaccio il suo preferito, si trova a due passi da Malagrotta e soprattutto dai suoi impianti di trattamento dei rifiuti. C' il problema degli abitanti della zona, che hanno patito per Malagrotta e vorrebbero finalmente respirare. Sarebbe stato giusto indennizzare adeguatamente quei cittadini, per superare le resistenze, dice Cerroni. Che per ora tiene aperte le carte degli altri due siti. Secondo lui -contrariamente a quanto detto ieri dal ministro Clini-la storia di Malagrotta finita. Oltre il 31 dicembre non si va. A meno di far crescere una piramide di rifiuti, che io non ho intenzione di creare. Una cosa sicura: io non far finire Roma sotto i rifiuti come Napoli. I romani possono stare tranquilli.... Cerroni si presenta come l'unico che - di fronte all'emergenza - pu spazzare Roma. Garantisce che sia a Pian dell'Olmo sia a Monti dell'Ortaccio tutto sarebbe pronto in cento giorni, o meno. Per qualsiasi nuova discarica -Corcolle compresa- fra espropri e gare d'appalto i tempi sarebbero assai pi lunghi. All'orizzonte di tutto questo c' una strada che -separatamente- sia il prefetto sia Cerroni prendono in esame: una societ, pubblica e privata, per aprire la nuova era dei rifiuti a Roma (che naturalmente significa, prima di ogni cosa, pi raccolta differenziata e trattamento biologico di gran parte dei rifiuti). Ama e Acea da una parte, grandi imprenditori privati della citt, cooperative e Cerroni dall'altra.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news