LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Girolamini. Storia di ordinaria italica ruberia
Tina Lepri
Giornale dell'Arte 1/5/2012

Spariti 1.500 volumi dalla storica Biblioteca, direttore accusato di peculato e sale sotto sequestro

NAPOLI. indagato dalla Procura di Napoli Marino Massimo De Caro, direttore dell'antica, celebre biblioteca statale dei Girolamini, da settimane al centro di una vicenda assai poco trasparente. Per lui l'accusa pesante: peculato. I magistrati vogliono sapere dove sono i 1.500 volumi spariti dagli scaffali e quali le responsabilit di De Caro. Intanto la biblioteca chiusa e sotto sequestro, custode giudiziario stato nominato Mauro Giancaspro che dirige la Biblioteca nazionale di Napoli. Era stato don Sandro Marsano ad ammettere che 1300 antichi, preziosi volumi sono stati rubati in passato dalla famosa biblioteca senza che nessuno ne avesse informato la Magistratura. Il giovane don Marsano da soli tre anni il Preposto della Congregazione dell'Oratorio di San Filippo Neri che comprende chiesa, convento, una quadreria e la biblioteca, pubblica dal '600, con 150mila volumi tra i quali migliaia di rari incunaboli e testi del Cinque e Seicento. Una raccolta tra le pi importanti d'Italia, un magnifico santuario della cultura dove ha studiato Giambattista Vico e dopo di lui, per secoli, generazioni di intellettuali. Il complesso dell'Oratorio, proprio di fronte al Duomo, Monumento nazionale. Il caso Girolamini esplode il 30 marzo cori un articolo nel quotidiano Il Fatto di Tomaso Montanari, quarantenne docente di Storia dell'Arte moderna alla Federico II di Napoli, che riferisce le segnalazioni dei padri filippini sui misteri e furti nella biblioteca continuati per decenni, pare fino al 2007, passati sotto silenzio e impuniti. L'oratorio dei Filippini aveva gi subito un vero saccheggio cinquant'anni fa. Nel 1962 due padri filippini (condannati allora a 4 anni di carcere) avevano rubato dalla chiesa, dal convento e dalla biblioteca libri ma soprattutto paramenti, oreficerie e altri oggetti preziosi per un miliardo di lire. Ci fu una breve rinascita dell'istituzione alla fine degli anni Settanta, quando Gerardo Marotta, fondatore e tuttora presidente dell'Istituto Italiano di Studi Filosofici, eminente intellettuale, port le attivit dell'Istituto nel convento dei Girolamini. Si arriva a oggi: il nuovo direttore della biblioteca Marino Massimo De Caro, 39 anni, nominato nel giugno del 2011 dalla Congregazione dei Filippini (che aveva annunciato il recupero, per merito dello speciale nucleo dei Carabinieri, di 28 rari volumi, trafugati chiss quando, alcuni in vendita all'asta in Inghilterra), rivela anche di aver scoperto in un cassetto la lista dei 1300 volumi scomparsi negli anni. Passano 15 giorni dalla denuncia di Il Fatto e De Caro si rivolge finalmente alla Magistratura e parla dei furti. Il caso Girolamini-De Caro era gi deflagrato pochi giorni prima, il 12 aprile, con una lettera al ministro dei Beni culturali Lorenzo Ornaghi, redatta da Francesco Caglioti, ordinario di Storia dell'Arte moderna a Napoli,e firmata in pochi giorni da oltre 2mila intellettuali, tra i quali Geranio Marotta, Salvatore Settis, Giuliano Amato, Mirella Barracco, Gustavo Zagrebelsky, Adriano La Regina, Stefano Rodot, Rosario Villari, Remo Bodei, Tullio Gregory ma anche Dario Fo, Dacia Maraini, Oliviero Toscani, e una quantit di docenti universitari, filosofi, giornalisti, artisti ecc. La lettera a Ornaghi denuncia la situazione drammatica della biblioteca ed durissima contro la nomina di De Caro. I firmatari scrivono tra l'altro: Le chiediamo come sia possibile che la direzione dei Girolamini sia stata affidata dai padri filippini con l'avallo del Ministero che ne ultimo responsabile, a un uomo (Marino Massimo De Caro) che non ha i bench minimi titoli scientifici e la bench minima competenza professionale per onorare quel ruolo. Va ricordato che la nomina di De Caro avvenuta quando ministro era Giancarlo Galan che lo aveva scelto come suo consigliere anche per la cultura e l'editoria (ruolo confermato da Ornaghi). La lettera continua con altre accuse: Le chiediamo inoltre come mai una figura dai trascorsi cos poco chiari e poco chiariti sia stata messa a capo di un istituto che oggi come non mai ha bisogno, non solo di una guida ferrea e irreprensibile ma di un rappresentante che respinga ad anni luce da s i sospetti di ogni collegamento con quelle gravissime perdite pi o meno recenti del patrimonio librario che i padri filippini per primi denunciano in questi mesi. I firmatari chiedono infine che il ministro riconsideri la nomina di De Caro e venga creata una commissione pubblica d'inchiesta sull'amministrazione passata e recente della biblioteca. I sospetti dei quali parla la lettera si riferiscono anche al fatto, riportato da Tomaso Montanari, che De Caro era stato tra l'altro titolare di una libreria antiquaria a Verona, ma soprattutto attivo nel commercio internazionale e gi indagato e poi scagionato nel 2009 per la ricettazione di un prezioso incunabolo. Il professor De Caro, inoltre, avrebbe millantato un titolo che non possiede, avendo affermato di essersi laureato in giurisprudenza a Siena (ma l'Universit toscana lo smentisce). L'unica laurea risulta essere quella honoris causa concessagli nel 2004 in Argentina dalla Universidad Abierta Interamericana per aver ricevuto in dono da De Caro quattro edizioni antiche di opere di Galilei e un pezzo di meteorite del Sahara. Da parte sua De Caro ha annunciato querele. Ma con la sua inchiesta e le accuse di peculato la Procura di Napoli apre un nuovo capitolo della vicenda. Le abitazioni di De Caro e dello stesso preposto Sandro Marsano sono state perquisite, e alcuni libri antichi sequestrati. Secondo la Procura di Napoli, la chiusura della biblioteca aveva carattere di urgenza al fine di preservare l'integrit del materiale letterario di enorme valore nella stessa custodito. Il 19 aprile il ministro Ornaghi ha annunciato in Parlamento che il direttore De Caro si autosospeso dall'incarico.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news