LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - GIROLAMINI, VIZI E VIRT ALLOMBRA DEI TESORI
GUIDO DONATONE
MERCOLED, 09 MAGGIO 2012 LA REPUBBLICA - Napoli




Nel 1957 il complesso dei Girolamini venne chiuso per lo scandalo scoppiato dopo la denuncia di vere e proprie spoliazioni, per cui si parl del furto del "Tesoro dei Girolamini". Che cosa era accaduto? A padre Bellucci erano subentrati padre Martinelli, in qualit di superiore del convento, e padre Visco, come economo. Costoro nel 1957 licenziarono il custode del convento, Francesco Prudente, il quale present una denuncia contro di loro accusandoli di aver fatto scomparire buona parte del "Tesoro". Venne richiamato dallautorit giudiziaria padre Bellucci, il quale dovette molto dolorosamente stilare una relazione di ben 200 pagine, che costituiva un dettagliato inventario delle opere darte trafugate. Risultava spogliata dei dipinti del Cinquecento e del Seicento la sala della Quadreria, che era anzi stata affittata come laboratorio di falegnameria. Da tali locali quasi ogni notte veniva esportata la refurtiva trasportata anche con autocarri. Padre Bellucci elenc antiche sculture di bronzo e legno, codici miniati rarissimi, 400 pezzi di oreficeria (busti di santi, calici, ostensori, reliquari, candelieri e lampadari, tra cui una favolosa croce doro e cristallo di rocca attribuita a Benvenuto Cellini), perfino la campana di bronzo e lorologio del campanile. Egli stimava che il valore delle opere darte rubate ammontava a oltre un miliardo di lire. Il soprintendente Molaioli nel processo del 1959 conferm le accuse e le stime di padre Bellucci. Nel 1965 la Corte dAppello di Napoli condann i due religiosi, che intanto erano stati rimossi, a 4 anni e 2 mesi di reclusione.
Dal processo emerse che i traffici e il mercimonio erano avvenuti con la complicit di rigattieri napoletani e no (che furono per condannati solo per ricettazione). Invece non risulta dalle carte del processo che i due padri oratoriani avevano attitudini peculiari: uno era gay, laltro era caratterizzato da un formidabile appetito sessuale. I rigattieri, ingegnosamente (e diabolicamente), secondarono con par condicio entrambe tali caratteristiche. E nel ricordato laboratorio di falegnameria alternavano le loro prestazioni due prostitute e adolescenti di sesso maschile. Del primo padre nel quartiere erano note le attitudini, era infatti popolarmente definito difettoso.
giusto per dire qualcosa anche nel bene degli Oratoriani. Si racconta di un padre Spada, integerrimo. Sembra che negli anni Settanta egli fu indotto in tentazione peccaminosa da una donna nel confessionale. Abbandon il convento, facendosi missionario. Ricordo poi personalmente il severo padre Ferrara, bravissimo suonatore dellorgano della chiesa. Non faceva accedere nessuno alla Biblioteca monumentale. Fece uneccezione per Sua Maest Riccardo Muti, accompagnato da alcuni musicisti stranieri. scomparso nel 2010. Ho conosciuto anche padre Gennaro Borrelli, studioso, che scrisse un libro sulla storia del complesso dei Girolamini. Poi decise di dedicarsi alleducazione dei ragazzi di strada e fond negli anni Settanta la "Casa dello Scugnizzo" a Mater Dei. La finanziava rivendendo vecchi mobili e oggetti, di cui i napoletani si liberavano in occasione di sfratti o traslochi. Poi gett la tonaca alle ortiche, si spos con una straniera e si trasfer non so dove, forse in America. Ho saputo che morto. Era una persona speciale. Lultimo personaggio dei Girolamini lineffabile "bibliotecario" Massimo De Caro, che ha riempito le cronache dei giornali nello scorso mese. Per telefono mi dette appuntamento alla Biblioteca il 19 aprile scorso perch voleva in quella sede difendersi dalle accuse che gli venivano mosse anche da Italia Nostra. Quel giorno non ho trovato lui, ma i carabinieri che aveva sequestrato la Biblioteca su ordine della Procura di Napoli. Ora attendiamo che presto si faccia luce sui furti pi recenti nella grande biblioteca dove lavor Giambattista Vico.



news

18-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news