LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Il Maxxi commissariato
LUCA DEL FRA
L'Unit, marted 8 maggio 2012

IL MAXXI, MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO, QUESTA SETTIMANA SI AVVIA A ESSERE COMMISSARIATO: LA MERAVIGLIOSA STRUTTURA PROGETTATA DA ZAMA HADID E INAUGURATA APPENA 2 ANNI FA diventa cos il tetro simbolo del crepuscolo della stagione dell'arte contemporanea e della sua agonia in Italia. Lo strumento del commissariamento in generale risulta utile solo per trovare uno sgabello all'ultimo dei trombati, e invece proprio dal Maxxi potrebbe nascere una nuova iniziativa, finalmente di ampio respiro, per riuscire a superare i logori schemi che hanno portato a questa crisi -non solo economica, ma di idee. La Fondazione Maxxi dunque non andrebbe commissariata, ma semplicemente sciolta poich una struttura profondamente anomala. Il peccato originale risale all'aver scelto per il Maxxi lo strumento amministrativo della Fondazione, con l'intento di attrarre fondi strutturali privati che non sono mai arrivati. Il Museo dunque si presenta come un soggetto privato con un unico socio, lo Stato -e non si parli di autonomia perch le nomine del Cda sono politiche-, e strutturalmente finanziato sempre dallo Stato o con denaro pubblico (500 mila euro dalla Regione). Ciliegina sulla torta, la .legge istitutiva (L. 69/2009) prevede che attraverso il Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali (Mibac), lo Stato vigili solo sul conseguimento di livelli adeguati di pubblica fruizione e non sui suoi investimenti. In sostanza paga Pantalone, i soldi possono essere impiegati come meglio si crede, senza neppure le regole e i controlli, pur laschi, di Pantalone -e questo vale anche per l'assunzione del personale senza concorsi, perle forniture ad affidamento diretto senza bandi e cos via. Ecco un classico capolavoro dell'era di Sandro Bondi ministro, con i Letta boys a farla da padroni al Mibac. E' parzialmente consolante che la gestione del Maxxi finora non abbia dato adito a polemiche e che Pio Baldi, il suo presidente, percepisca 60 mila euro lordi l'anno -pi benefit-, poco rispetto ad altre Fondazioni. Ma i direttori dei musei di Stato prendono 1800 euro al mese: ci vale per gli Uffizi come per la Galleria Borghese, luoghi che hanno ben altra importanza.
MALUMORI La funzione culturale del Maxxi, al di l della ineleganza dell'enunciazione, gi nello statuto appare modesta e volutamente vaga nei contenuti: la conduzione, che per lo pi ha circuitato mostre invece di produrne, ha causato vari malumori per una presunta sudditanza a galleristi e collezionisti e per legami all'ambiente romano a dir poco provinciale, in un settore come quello contemporaneo dove esporre in un Museo un'opera, magari di un privato, porta immancabilmente a una crescita del valore di mercato, cosa che non avviene con un Caravaggio. E l'invidia che parla? Forse. Finora per il Maxxi non si imposto per una attivit di altissimo profilo internazionale, che avrebbe tagliato la testa al toro. A discolpa del Maxxi ci sarebbe la risibile dotazione erogata dallo Stato a partire dal 2009 -una media di 1,5 milioni di euro l'anno. Francamente appare un'aggravante, al Mibac e al MaXxi assicuravano l'arrivo dei privati in soccorso, ma visto che di solo funzionamento la struttura costa almeno 4 milioni l'anno -dati forniti dalla Fondazione- davvero si credeva che gli imprenditori volessero pagare luce e stipendi? Cos, mentre a tutti i musei erano ta *** gliati i fondi, al Maxxi arrivato di nuovo Pantalone: altri 800 mila euro annui strutturali del Piano Arte Contemporanea (cio la met dell'investimento annuo dello Stato nel settore) e 6 milioni straordinari di Arcus, spalmati su 2010-11 per l'avviamento. In entrambi i casi si tratterebbe di fondi destinati all'attivit, ma viene il dubbio siano finiti anche nel funzionamento. Parlare poi di tagli per il Maxxi davvero improprio: in quanto straordinario e non ripetibile il finanziamento di Arcus si esaurito nel 2011, e come c'era da attendersi, la struttura non sta in piedi. ASTRONAVI FUORICONTROLLO Ground control to major Tom, your circuit's dead there's something wrong. Can you ear me major Tom...: vengono alla mente le parole di Space Oddity di David Bowie, perch nei cieli dell'arte contemporanea italiana oltre al Maxxi sfrecciano parecchie astronavi fuori controllo. Dai cantieri della Zisa di Palermo -ristrutturati e mai aperti- al Mart di Rovereto in amministrazione provvisoria, l'intero settore al collasso. Si tratta di decine di realt, spesso nate negli ultimi 10 anni su impulso, talvolta un po' incontrollato, delle amministrazioni locali e con notevoli costi ma che, come nel caso del Maxxi, una volta tagliato il nastro inaugurale e cambiata l'amministrazione ora languano per mancanza di danari. Ecco allora che, sciolta I'inutil fondazione e ritornato allo Stato a tutti gli effetti, il Maxxi non va certo chiuso, ma anzi dovrebbe diventare uno strumento per affrontare questa crisi, essere una agenzia di coordinamento per l'arte contemporanea in Italia, di cui da tempo c' bisogno e attualmente anche l'urgenza. Sul modello britannico Tate Gallery e Modern 'fate, si potrebbe ipotizzare un accorpamento alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna -struttura assai virtuosa-, dando vita a una massa critica che consenta maggiore autonomia, senza farla diventare una inutile, dispendiosa e burocratica sovrintendenza. N vale il ragionamento che le Fondazioni attrarrebbero maggiori finanziamenti privati, poich le pi grandi donazioni e sponsorizzazioni in questi anni sono andate a strutture dello Stato, -Ercolano e Colosseo-, a fronte per di precisi progetti culturali. Quindi, please no manager, no brand, no benchmark.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news