LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei, la guida un cantastorie una fiaba per raccontare l'arte
Cinzia Dal Maso
Repubblica





L'obiettivo di dare un'immagine diversa, pi accattivante, dei beni culturali. Un convegno a Torino

Castello di Rivoli
Diversi scrittori hanno composto fiabe ispirandosi a unopera del Museo. Si leggono assieme al pubblico di fronte alle rispettive opere, ragionando assieme su come sono nate le une e le altre
www.castellodirivoli.it

Museo archeologico di Bologna
Le opere darte dellantichit viste alla luce dellepica e del mito
www.comune.bologna.it/museoarcheologico

Scuderie del Quirinale e Musei civici di Genova
www.diifcrfticamusei.it
Un animatore legge assieme al pubblico in contemporanea unopera darte e uno scritto
www.scuderiequirinale.it
www.didatticamusei.it

Chieti Museo della Civitella
La visita obbligatoriamente guidata. Perch le didascalie sono ridotte al minimo, tutto nelle mani di un allestimento parlante e della narrazione che la guida fa su Chieti antica
Info: 0871/63137

Esempi dallestero
Citt di Exeter
Le guide turistiche sono pensionalti, vengono preparati ma i loro discorsi non seguono una scaletta precisa. Ognuno racconta la propria vita in citt

Chester Beatty Library (Dublino)
Uso dello storytelling per raccontare le vicende del passato ma anche per recuperare la tradizione delle comunit straniere in citt
www.cbl.ie

Audioguida del Museo Jacquemart-Andre (Parigi)
Spiega le opere del museo attraverso il racconto delle vicende della coppia di collezionisti
musee-jacquemart-andre.com

I luoghi silenziosi per eccellenza si animano e cominciano a destare meraviglia
ROMA Quello del cantastorie un mestiere antico. Ma anche la grande scommessa del museo del XXI secolo. Favole e racconti per presentare al pubblico l'arte, per indagare la storia di un monumento, una chiesa, un palazzo. Per conquistare il pubblico con l'immaginazione e la meraviglia. Oggi pi che mai la gente vuoi sentir raccontare, dicono gli esperti di molti nostri musei. E le proposte si moltiplicano. Letture in contemporanea di un'opera d'arte e uno scritto d'autore, come alle Scuderie del Quirinale a Roma o nei Musei civici genovesi. Uso del mito e dell'epica per capire l'arte antica, come al Museo archeologico di Bologna. Al castello di Rivoli a Torino si chiesto a diversi scrittori di comporre fiabe ispirandosi a un'opera, e ora il "cantastorie" legge le fiabe di fronte all'opera. E proprio Torino ospiter il 4 e 5 febbraio prossimi una conferenza internazionale dove per la prima volta si ragioner su " Raccontare i musei", mettendo a confronto diverse esperienze. Ci sar la sociologa di Helsinki che ha fatto scrivere a gente diversa, scrittori e non, storie sul proprio impatto con un'opera d'arte, scoprendo quanto l'arte sappia far emergere riflessioni autobiografche. O la curatrice del museo Chester Beatty di Dublino, che dir del suo uso del racconto per narrare storie del passato ma anche per aiutare le comunit cittadine, afgana piuttosto che bulgara o egiziana, a recuperare la propria tradizione. Si vedr quanto il narrare sia capace di far vivere il museo, trasformarlo da luogo silenzioso in teatro del dialogo tra l'arte e la gente.
una scommessa che Regione Piemonte e Fondazione Fitzcarraldo condividono con HoldenArt, la neonata emanazione della scuola di scrittura Holden che si propone di insegnare a tirare fuori le storie dai luoghi dell'arte, come spiega il direttore Lea Iandiorio. Insegnare non ai professionisti della didattica bens alle guide turistiche stesse, per stravolgere il concetto di visita guidata tradizionale e farla di-ventare lei stessa un racconto. Tutto nato qualche anno fa quando il direttore del castello di Racconigi ha chiesto alla scuola Holden di aiutarlo a migliorare il rapporto del museo col pubblico attraverso l'uso del racconto. Da allora i corsi per guide turistiche si sono moltiplicati, in Piemonte e altrove. Ed nato HoldenArt.
C' infine chi preferisce stimolare il pubblico stesso a pensare il proprio racconto. Per trasmettere il gusto di frequentare, esplorare e indagare musei e monumenti. Come la scrittrice Antonella Cilento che con la formula "Percorsi di citt" porta i suoi allievi tra i giardini di Napoli o i templi di Paestum. O il concorso di scrittura "6000 caratteri per un museo" appena lanciato dall'Istituto per i beni culturali dell'Emilia-Romagna. C' tempo fino al 15 maggio per presentare un racconto ambientato in un museo della regione. Poi i racconti migliori saranno pubblicati, e verranno recitati da cantastorie all'interno dei musei. In fondo, un museo si fonda sempre su un'idea narrativa, una piccola Odissea, dice citando Calvino Ezio Raimondi, presidente dell'Istituto. una grande avventura che ne ingloba moltissime. Guardando le opere di un museo il nostro occhio si apre verso un altro mondo, la nostra esperienza si espande infinitamente per poi ricadere all'interno di noi stessi e ci aiuta a comprenderci. Proprio come quando si legge un romanzo. Il concorso vuole far capire questo. Come i veri libri si rileggono sempre e la vera lettura sempre la seconda (lo diceva Nabokov), anche i musei sono fatti per tornarci. Di continuo.


Repubblica
L'esperto Peter Howard "Bisogna proporre tante scelte"
(c.d.m.)

Sono un democratico, credo che un museo debba rispondere alle scelte dei visitatori e non degli studiosi. E mentre ai secondi interessano le opere, alla gente piace la gente, piace sapere che "la regina Elisabetta ha dormito qui". Il racconto toglie la polvere dal passato e ne esalta il lato pi avvincente. Per questo funziona a meraviglia. Peter Howard un'autorit in fatto di gestione e comunicazione dei beni culturali. Ora visiting professor all'Universit di Bournemouth, sar lui a introdurre i lavori al convegno di Torino " Raccontare i musei".
Intende dire che il museo vecchio stile non funzionava perch non raccontava?
Certo. Gli studiosi usavano di proposito un linguaggio complesso per allontanare il pubblico, o per imporre al pubblico il loro punto di vista. Ma la tendenza di oggi ugualmente pericolosa ed elitaria. Si toglie dai musei il 90% delle opere e si costruisce un racconto col solo 10%. Funziona bene, piacevole e divertente, |4||||pt ma ancora una volta si impone al pubblico una visione parziale delle cose.
Parziale quanto?
Ogni racconto implica necessariamente una scelta, presenta solo una faccia della medaglia. come narrare la battaglia di Alamo solo con gli occhi degli americani. Quando scegli un racconto ne accantoni almeno altri dieci. In genere ti concentri su una disciplina ignorando le altre. Prendiamo per esempio una chiesa. Le guide mostrano ai visitatori l'architettura, le opere d'arte, ignorando le vicende, i riti, le musiche che si sono suonate in quel luogo. Sono tutte possibili storie che meritano di essere raccontate, che il visitatore ha il diritto di conoscere. Come fare, dunque? Proporre tante storie, storie diverse. Come ha fatto oltre 900 anni fa chi ha tessuto l'arazzo di Bayeux, in Normandia, raccontando la conquista normanna dell'Inghilterra sia dal punto d vista dei Normanni che dei Sassoni. O chi ha allestito il museo di Borre in Norvegia, dove un filmato mostra il primo scopritore delle navi vichinghe mentre racconta la propria interpretazione, e altri filmati ritraggono gli archeo1og i moderni che, alla luce delle nuove ricerche, rivedono in parte le tesi passate. Bisogna dare al pubblico la possibilit di scegliere, di farsi un'idea propria. Lo ripeto: i musei non sono democratici. Dovranno diventarlo.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news