LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Corte dei Conti su Palazzo Grassi
Elisio Trevisan
IL GAZZETTINO - cronaca Venezia





Un esposto di Brunetta contro il Comune. Per Zuin (Fi) pesanti dubbi sullo Statuto

Per l'europarlamentare di Forza Italia Renato Brunetta l'acquisto di Palazzo Grassi da parte del Casinò di Venezia potrebbe procurare «un danno futuro a carico del Bilancio del Comune di Venezia», bilancio che, com'è noto, dipende per una buona parte proprio dalle entrate della casa da gioco. Tutto scritto nero su bianco in un esposto che il leader di Forza Italia in Consiglio comunale ha inviato nei giorni scorsi alla Corte dei Conti.
Intanto a Venezia anche un altro consigliere di Forza Italia, Michele Zuin, torna sull'argomento Palazzo Grassi sollevando pesanti dubbi sul nuovo Statuto della casa da gioco che permette al suo Consiglio di amministrazione di fare operazioni finanziarie imponenti senza passare per l'assemblea dei soci.

Il presidente della Casinò di Venezia Spa, Giorgio Piantini, e il direttore generale Armando Favaretto si sono già messi all'opera per verificare la regolarità dei documenti e quindi decidere se procedere o meno alla firma del preliminare per l'acquisto del 31% delle quote di Palazzo Grassi.
Intanto l'europarlamentare di Forza Italia e consigliere comunale, Renato Brunetta, torna alla carica con un esposto alla Corte dei Conti: nel documento - dopo aver ricordato che «sono in corso da parte della società "Casinò Municipale di Venezia S.p.a." (partecipata al 95% dal Comune di Venezia) trattative, su sollecitazione del Comune di Venezia nella persona del suo sindaco On. Prof. Paolo Costa, per l'acquisizione di quote della società "Palazzo Grassi S.p.a." (ora di proprietà della Fiat) che è proprietaria e gestisce il centro espositivo situato a Venezia denominato appunto "Palazzo Grassi"» - l'europarlamentare sostiene che «a seguito di tale acquisto potrebbe presumersi un danno futuro a carico del Bilancio del Comune di Venezia». E quindi chiede l'intervento della Corte dei Conti.
Ad un ricorso aveva pensato anche l'altro consigliere di Forza Italia, Michele Zuin, ma per la questione del nuovo Statuto. Il 29 settembre scorso la giunta, sempre su sollecitazione del sindaco Paolo Costa, lo aveva varato senza però passare per l'approvazione in Consiglio comunale: questo nuovo documento permette al Casinò di acquisire e vendere partecipazioni in società e/o altri enti costituiti o costituendi, come pure di vendere o costituire diritti reali su beni immobili per un valore superiore a 516 mila e 456 euro. Questo prima non era possibile perché operazioni di tale portata dovevano per forza passare per l'assemblea dei soci che, invece, ora basta dia una semplice autorizzazione, e potrebbe darla pure a posteriori. Non è cosa di poco conto, sostiene Zuin, «anche considerando che la stessa giunta che ha approvato lo Statuto, aveva m precedenza stabilito che le modifiche sostanziali agli statuti delle società controllate dovessero essere approvate dal Consiglio comunale».
A fine dicembre il consigliere di FI aveva scritto una lettera alla Segreteria generale del Comune, chiedendo chiarimenti, e la risposta fu che tutto è in regola e secondo legge. «Grazie tante, non potevano rispondermi altrimenti. Il problema è che non hanno violato la legge, questo è vero, ma la nuova legge di riforma del diritto societario, cui si appigliano per giustificare la modifica, non dice in nessun articolo che bisogna fare questo tipo di modifiche, ma si limita a prescrizioni molto minori, e comunque non di sostanza».
Per Michele Zuin «in questo Comune siamo arrivati al punto che la maggioranza varia gli statuti e non coinvolge il Consiglio comunale, e non lo coinvolge nemmeno per far partire operazioni come quella di Palazzo Grassi. A questo punto diventa veramente un affare tra il sindaco, la sua maggioranza e gli affari che deve fare lui. La chiamano democrazia».
Tornando all'esposto di Brunetta, l'europarlamentare ricorda che «la gestione della società "Palazzo Grassi S.p.a." è da molto tempo in perdita, con passivi anche molto pesanti negli ultimi anni. Ora le perdite si rifletteranno inevitabilmente sui bilanci della "Casinò Municipale di Venezia S.p.a." e non possono che, presumibilmente, ridurre in via indiretta le risorse derivanti da proventi di gioco che dovrebbero essere destinate al Comune di Venezia». Per giustificare quest'affermazione logica, Renato Brunetta ricorda la prassi secondo la quale il Comune, anche di recente, interviene sempre per sanare buchi del Casinò: «È successo anche con l'ultimo assestamento di bilancio di previsione comunale, quando ha rinunciato a 2 milioni di euro a favore del Casinò».
I riflessi negativi, però, non si fermerebbero qui, perché «la società "Casinò Municipale di Venezia S.p.a." si dovrà indebitare per l'acquisizione delle quote di partecipazione della società "Palazzo Grassi S.p.a", evenienza questa che non farà altro che pesare ulteriormente sui propri bilanci».
L'europarlamentare conclude ricordando di aver scritto anche al ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu, chiedendogli di valutare la correttezza dell'acquisto di Palazzo Grassi rispetto alla legge istitutiva della casa da gioco, e infine ricorda che «in tutta questa vicenda il sindaco e la giunta del Comune di Venezia hanno completamente tenuto all'oscuro il Consiglio Comunale che non è mai stato chiamato a dare un parere pur avendo i poteri di indirizzo e controllo sulle società partecipate dal Comune di Venezia riservati dalla Legge».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news