LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi: decisi i soci e spunta un collezionista
Stefano Ciancio Sara D'Ascenzo
Corriere del Veneto, 25/1/2005

L'assetto
Nella Palazzo Grassi spa entrano, per il momento a fianco di Fiat, la Casin di Venezia spa al 41%, la casa editrice Skira e Alvise di Canossa di Arteria al 10%. Fiat conserva il 49% con l'impegno di cederlo entro 18 mesi. Se il Casin per quella data non trover altri soci dovr acquistare la percentuale che Fiat decider di cedere, secondo un accordo di call&put.
II collezionista
Ultimo arrivato nelle contrattazioni per il palazzo di casa Agnelli arrivato un industriale del nord, grande collezionista d'arte, disposto a comprare in tutto o in parte Palazzo Grassi. Il collezionista, infatti, cercava da tempo un palazzo in Canal Grande per esporre i tesori accumulati in una vita.

Un duello a distanza nel mondo dell'arte, un confronto all'ultimo catalogo tra gruppi editoriali pi o meno corazzati, un grande gruppo costretto a cedere uno dei gioielli di famiglia. E sullo sfondo la comparsa, in tempo per l'ultimo fotogramma del film, di un grande collezionista d'arte disposto a tutto pur di avere un angolo di Canal Grande in cui esporre i tesori raccolti in una vita. questo l'ultimo copione scritto in laguna per quella grande pice sul mondo dell'arte che la cessione di Palazzo Grassi, il palazzo della famiglia Fiat consacrato per 20 anni alle mostre d'arte per il grande pubblico. Ieri il consiglio d'amministrazione della Casin spa, la casa da gioco cassaforte del Comune di Venezia, ha dato mandato al proprio presidente. Giorgio Piantini e all'amministratore delegato, Armando Favaretto, di formalizzare dalla Fiat l'acquisto del 51% del Palazzo oggi pomeriggio o al pi tardi domani mattina, a patto che da Torino arrivi una parte consistente di documentazione che ancora manca all'appello. Allegati, li chiama il sindaco Paolo Costa, regista dell'operazione, preoccupato pi del fatto di far assestare i conti nella sua maggioranza politica: Ds e polo rosso-verde, infatti, a pi riprese avevano chiesto che il Casin trovasse soci disposti ad accollarsi il peso di un'operazione a perdere.
Cos, a dividere le fatiche dell'impresa con la casa da gioco ci saranno l'industriale milanese Alvise di Canossa, presidente di Arteria (trasporti d'arte) e la casa editrice Skira di Massimo Vitta Zelman: insieme i due gruppi legati al mondo dell'arte gi partner di un'impresa simile a Mantova con Palazzo T copriranno per solo il 10% della propriet, lasciando al Casin l'acquisto del 41 per cento. Un risultato raggiunto dopo un braccio di ferro durato tre giorni d sedute del Casin, che ha lasciato sul terreno gli altri possibili candidati e dimezzato la quota di Skira e di Alvise di Canossa: entrambi si erano offerti di acquistare il 10% chiedendo come condizione di avere un posto nel futuro consiglio d'amministrazione e avere garanzie - soprattutto nel caso di Skira - sui cataloghi e la gestione
delle mostre a venire. Ma il Casin ha preteso impegni senza condizioni, tanto da far scendere le offerte e da far fuori l'altro pretendente, la casa editrice veneziana Marsilio di Cesare De Michelis, disposta ad acquistare il 5% (valore: 1,5 milioni di euro) in cambio di rassicurazioni sulla futura gestione. Sterili scaramucce all'ombra di un affare da 28 milioni di euro (tanto vale il Palazzo caro a Gianni Agnelli), si dir. Se non fosse che nelle ultime ore, a vivacizzare il dibattito cittadino sul chi c' chi non c' nell'impresa, intervenuto un imprenditore del Nord - una vita dedicata a collezionare capolavori d'arte - da tempo a caccia di un palazzo veneziano da trasformare in un grande museo personale. L'industriale, arrivato a Venezia contattando nelle ultime settimane l'assessore al Bilancio Giampaolo Sprocati, sarebbe disposto ad accollarsi qualsiasi quota della torta, dal 51% al 100 per cento, pur di avere la sua vetrina in laguna, tradendo cos il desiderio di accostarsi almeno nella forma all'impresa che riusc all'Avvocato.
Ma non cos semplice: a Ca' Farsetti si aspettano le carte del magnate, che dimostrino un impegno concreto a comprare. E ancora: il Comune ha dovuto digerire nei mesi scorsi diversi bocconi amari pur di arrivare a mettere un piede e un pezzo di gamba nel Palazzo che ha cambiato il modo di vivere le mostre d'arte in Italia. Prima l'uscita polemica della fondazione di Venezia di Giuliano Segre - interlocutore naturale dell'affare - che ha mollato la presa di fronte all'impossibilit di poter gestire alla pari la partita. Poi l'opposizione della maggioranza, che ha preteso dal sindaco di far scendere l'impegno del Casin dalla quota del 5 %, tanto che di qui a 18 mesi tempo massimo dato dalla Fiat per la cessione del 100% del palazzo l'impegno che la presenza del Casin cali arrivando al 31 per cento. Ancora, la grana dei lavoratori del palazzo; su 14, infatti, solo 3 rimarranno al lavoro, mentre gli altri rischiano il licenziamento, visto che il Casin intende sostituirli con lavoratori interni alla propria struttura. Ora, a pochi metri dall'impresa, difficile che Casin e Comune facciano un passo indietro cedendo il controllo. Ma decisamente probabile che al magnate sia riservato l'onore di una trattativa rapida in grado di assicurargli di qui a poche settimane una quota importante di Palazzo Grassi.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news