LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Acquisto di Palazzo Grassi, la decisione slitta a domani
Elisio Trevisan
23 GEN 2005 IL GAZZETTINO





MESTRE - Due giorni di "full immersion" non sono stati sufficienti per dare via libera alla delibera per l'acquisto del 31% delle quote di Palazzo Grassi da parte del Casinò. Dunque la seduta del Consiglio di amministrazione del Casinò è stata aggiornata a domani mattina per varare in extremis il documento che permetterà il giorno dopo, martedì 25, di firmare il preliminare con la Fiat.
Il sindaco Paolo Costa e l'assessore Ugo Campaner pare siano riusciti, infine, a convincere il Cda, nonostante la setta contrarietà delle opposizioni in Consiglio comunale e le mille perplessità -mai espresse, però, con decisione - da buona parte della maggioranza. Ma molti sono i punti in sospeso che impediscono di approvare la delibera.
Uno dei "nodi" della vicenda riguarda il destino dei 14 dipendenti di Palazzo Grassi che con il passaggio da Fiat al Comune perderebbero il posto (tranne tre, a quanto pare chi si occupa di guardiania e manutenzione), circostanza che ha determinato le dimissioni del vicepresidente operativo della società, Giuseppe Donegà, l'uomo che "ha fatto" Palazzo Grassi. In segno di solidarietà con i dipendenti hanno lasciato il consiglio di amministrazione anche Pierre Rosenberg, l'ex direttore del Louvre che si occupava dell'individuazione delle mostre, e lo storico dell'arte ed ex Soprintendente Giovanni Carandente.

Palazzo Grassi, un nuovo rinvio a lunedì

Non è ancora dato sapere ufficialmente -a parte le promesse e le assicurazioni del primo cittadino - quali saranno i soci privati che entreranno al posto del Comune con il 20% rimanente (inizialmente il Comune voleva che il Casinò prendesse il 51%) e quali acquisiranno il restante 39% dato che Fiat dovrebbe alla fine restare nella Palazzo
Grassi Spa con un 10%. Ieri, però, pare che il Cda abbia analizzato-alcune lettere d'intenti di privati.

Nessuno conosce ancora i cardini del contratto preliminare (che sono stati scritti ieri pomeriggio e saranno ultimati lunedì). Il vicepresidente con deleghe operative di Palazzo Grassi, Giuseppe Donegà, si è dimesso perché sostiene che 11 dei 14 dipendenti della sede espositiva saranno licenziati. Il contratto preliminare avrà davvero come conseguenza anche il licenziamento di persone con alta professionalità che hanno organizzato tutte le mostre dell'era Fiat? E con soli 3 dipendenti quale sarà l'attività di Palazzo Grassi? Un contenitore-vetrina delle collezioni dei musei civici veneziani? Un museo d'arte moderna, o che altro?
A questo punto, se la delibera sarà firmata, la città ha il diritto di sapere con precisione che cosa veramente il Comune vuoi fare di Palazzo Grassi, visto che per acquistarlo si mette in campo la "macchina da soldi" che ogni anno salva i bilanci di Ca' Farsetti, cioè della nostra città.

In secondo luogo, se il Cda sta delibererà, allora significa che è stato risolto - o che non c'è mai stato - il problema dello Statuto, cambiato il 24 settembre scorso dall'assemblea del Casinò per permettere al consiglio d'amministrazione operazioni immobiliari che invece precedentemente decideva l'assemblea; appena il giorno prima, però, la giunta comunale aveva deliberato che cambiamenti dello Statuto delle partecipate, che non fossero imposti dall'adeguamento alla nuova legge Vietti sul diritto societario, dovessero passare in Consiglio comunale. La cosa era stata denunciata da Michele Zuin, consigliere di Forza Italia, il sindaco aveva risposto che, appunto, si trattava solo di un adeguamento alla nuova normativa. Il nuovo Statuto, che permette l'operazione "Palazzo Grassi, è dunque valido anche se non è passato in Consiglio comunale? E gli enti competenti di controllo lo hanno verificato?
Ultimo dubbio: la nuova convenzione Comune-Casinò per la divisione degli incassi -quella che permetterà alla casa da gioco di fare piani d'investimento per acquistare le quote di Palazzo Grassi - non è ancora stata approvata dal Consiglio comunale. Il Cda procederà ugualmente?



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news